Asahi Linux: Linux su Apple Silicon

Ad inizio Dicembre 2020 vi avevo parlato del patreon lanciato da Hector "marcan" Martin volto a raccogliere fondi per finanziare il porting del kernel Linux sui nuovi processori Apple Silicon M1.

A distanza di un mese dall'annuncio arriva il nome della distro che ne deriverà, il sito internet ufficiale e la pagina GitHub. Oltre a questo sono state pubblicate alcune FAQ che chiariscono gli aspetti legali del progetto.


Asahi Linux

Il nome ufficiale del progetto è Asahi Linux. Asahi significa "sole nascente" in giapponese, ed è anche il nome di una cultivar di mele. 旭 り ん ご ( asahi ringo ) è ciò che conosciamo come la mela McIntosh, la varietà di mele che ha dato il nome al Mac.


I dispositivi supportati

Tutti i Mac di Apple M1 rientrano nell'ambito di applicazione, così come le generazioni future, se i tempi di sviluppo lo consentiranno. Il primo obiettivo sarà l'M1 Mac Mini.


È una distribuzione Linux?

Asahi Linux è un progetto globale per sviluppare il supporto per questi Mac. Alla fine dello sviluppo verrà rilasciato un remix di Arch Linux ARM, confezionato per l'installazione da parte degli utenti finali, come distribuzione con lo stesso nome. La maggior parte del lavoro risiede nel supporto hardware, driver e strumenti, e verrà trasferito ai progetti pertinenti. 

Il team di Asahi si aspetta che il lavoro da loro svolto per il porting servirà poi come base per altre distribuzioni.


Apple lo consente? Non hai bisogno di un jailbreak?

Apple consente l'avvio di kernel non firmati / personalizzati su Mac Apple Silicon senza jailbreak. Questo non è un hack o un'omissione, ma una funzionalità effettiva che Apple ha integrato in questi dispositivi. Ciò significa che, a differenza dei dispositivi iOS, Apple non intende bloccare quale sistema operativo possiamo utilizzare sui Mac (anche se probabilmente non aiuteranno con lo sviluppo).


È legale?

Finché nessun codice viene preso da macOS per creare il supporto Linux, il risultato finale è completamente legale da distribuire e per gli utenti finali da utilizzare, in quanto non sarebbe un lavoro derivato da macOS. Per ulteriori informazioni, potete consultare la politica sul copyright e sul reverse engineering di Asahi Linux.


Come verrà rilasciato?

Tutto lo sviluppo avverrà su GitHub. Tutti i contributi verranno scritti con l'intento di eseguire l'upstream nei rispettivi progetti upstream (a partire dal kernel Linux) e l'upstream non appena possibile. Il codice avrà una doppia licenza come licenza upstream (ad esempio GPL) e una licenza permissiva (ad esempio MIT), per garantire che il lavoro possa essere riutilizzato in altri sistemi operativi ove possibile.


Questo renderà i Mac Apple Silicon una piattaforma completamente aperta?

No, Apple controlla ancora il processo di avvio e, ad esempio, il firmware che gira sul processore Secure Enclave. Tuttavia, nessun dispositivo moderno è "completamente aperto": oggi non esiste alcun computer utilizzabile che disponga di software e hardware completamente aperti (per quanto alcune aziende vogliano commercializzarsi come tali). Quello che finisce per cambiare è dove tracciate la linea tra le parti chiuse e le parti aperte. La linea sui Mac Apple Silicon è quando viene avviata l'immagine alternativa del kernel, mentre il firmware SEP rimane chiuso, che è abbastanza simile alla linea sui PC standard, dove il firmware UEFI avvia il caricatore del sistema operativo, mentre il firmware del firmware ME/PSP rimane chiuso. In realtà, le piattaforme x86 tradizionali sono probabilmente più intrusive, poiché il firmware UEFI proprietario è autorizzato a rubare la CPU principale dal sistema operativo in qualsiasi momento tramite interrupt SMM, che non è il caso dei Mac Apple Silicon. Ciò ha implicazioni reali in termini di prestazioni/stabilità, non è solo una questione filosofica.

Questi post potrebbero interessarti

disqus

Licenza

Licenza Creative Commons

Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001.

Disclaimer immagini Le immagini utilizzate in questo blog appartengono ai loro rispettivi autori e sono utilizzati per scopi educativi, personali e senza scopo di lucro. Ogni eventuale violazione del copyright non è intenzionale, ma se si riconosce un'immagine protetta da copyright, fatemelo sapere qui, e sarò lieto di aggiungere i credits o modificarla o rimuoverla.

Disclaimer images Images used on this blog belong to their respective authors and are used for educational, personal and no profit purposes. Any eventual copyright infringement is not intentional, but if you recognize a copyrighted image, please let me know here, and I'll happily provide to add the right credits or modify or remove it.