24 marzo 2017

Red Hat Gluster Storage 3.2 è ancora più interessante per sviluppatori e amministratori che gestiscono workload moderni

Nessun commento:

Red Hat Gluster Storage 3.2 è ancora più interessante per sviluppatori e amministratori che gestiscono workload moderni

La release comprende funzionalità progettate per migliorare scalabilità di operation metadata-intensive, minori costi di infrastruttura e maggiore integrazione con la piattaforma Red Hat OpenShift Container

Milano, 24 marzo 2017 – Red Hat, Inc. (NYSE: RHT), leader mondiale nella fornitura di soluzioni open source, ha annunciato la disponibilità generale di Red Hat Gluster Storage 3.2. La più recente versione della soluzione storage software-defined di Red Hat include diversi avanzamenti e nuove funzionalità mirate a potenziare le prestazioni di file di piccole dimensioni, fornire integrità dei dati a un costo contenuto e migliorare l’integrazione con Red Hat OpenShift Container Platform.

Red Hat Gluster Storage 3.2 indirizza il problema legato alla scalabilità di operazioni metadata-intensive _ soprattutto con file di dimensioni inferiori a pochi megabyte – se si utilizza network attached storage (NAS). Questi miglioramenti potenziano lo storage di registrazioni Red Hat OpenShift Container Platform. Queste ultime – cuore della piattaforma container – sono fondamentali per le applicazioni residenti e necessitano di storage duraturo estremamente elastico. Inoltre, più rapide attività metadata-intensive possono migliorare l’operatività fino a 8 volte secondo dati Red Hat, incrementando la responsività del sistema storage in termini di scalabilità e l’esperienza utente nel suo complesso.

Red Hat Gluster Storage 3.2 introduce nuove funzionalità:

Maggiore integrazione con la piattaforma Red Hat OpenShift Container,
aggiungendo il supporto nativo per avanzati servizi storage quali geo-replica e cifratura in-flight per applicazioni implementate nei container. Questi miglioramenti, integrati nella nuova immagine docker container disponibile con l’ultima release del prodotto, consente di triplicare i volumi persistenti (PV) per cluster secondo test di quality engineering svolti da Red Hat.

Minore footprint hardware tramite arbiter volume che possono ridurre i costi infrastrutturali, pur mantenendo lo stesso livello di integrità dei dati. Questi volumi sono in grado di risolvere conflitti in caso di disallineamento di dati tra due nodi senza richiederne una terza copia. I clienti che utilizzano i NAS per attività tradizionali come backup/ripristino possono ottenere l’integrità di dati offerta da una replica a tre vie senza incorrere nei costi hardware, di spazio datacenter ed energia associati. Questa proposta può essere particolarmente vantaggiosa per i clienti che dispongono di configurazioni iperconvergenti in ambienti ROBO.

Auto-riparazione più rapida di volumi erasure coded riduce l’impatto sulle prestazioni in fase di ripristino. Inoltre, questi miglioramenti possono beneficiare i clienti che hanno implementato Red Hat Gluster Storage con Red Hat Virtualization per archiviare immagini di macchine virtuali.

Avanzate capacità di monitoraggio abilitate tramite notifiche native e asincrone potenziano la gestione quotidiana dello storage. Inoltre, Red Hat Gluster Storage offre estensibilità tramite il framework di monitoraggio open source Nagios per ottimizzare la gestione dello storage.

“Le imprese moderne pensano allo storage software-defined per abilitare le loro iniziative di business tramite la trasformazione digitale”, commenta Ranga Rangachari, vice president e general manager Storage in Red Hat. “E’ un abilitatore chiave nel viaggio verso il cloud aperto ibrido. Red Hat Gluster Storage 3.2 segna una pietra miliare nella vita del prodotto e riunisce svariate innovazioni interessanti per il CTO moderno”.

“Questa nuova release di Red Hat Gluster Storage arriva in un momento in cui il settore dello storage software-defined è a un punto di flessione in termini di di come lo storage viene consumato dalle aziende data-driven”, aggiunge Laura DuBois, group vice president Enterprise Storage, Server and Infrastructure Software in IDC. “La flessibilità di poter implementare su macchine virtuali, container e public cloud offre a Red Hat Gluster Storage qualcosa in più rispetto alle tradizionali appliance storage monolitiche”.
Continua...

BancoPostaImpresa online BPIOL key, Java e Firefox: Ecco come risolvere con Firefox 52 ESR

Nessun commento:
Mozilla, a partire da Firefox 52, ha abbandonato il supporto il supporto per NPAPI, che riguarda i plugin per Java, Silverlight e altri plugin simili basati su NPAPI (è rimasto soltanto il supporto per Adobe Flash). Questa modifica, pianificata da tempo, sta però causando problemi a diversi siti internet che fanno ancora uso di plugin esterni per far funzionare alcuni dei loro servizi.

Uno di questi siti è quello di Poste Italiane dedicato alle imprese ovvero BancoPostaImpresa online che, per poter far funzionare la firma digitale tramite BPIOL key tramite browser, richiede la presenza del plugin Java.

Per risolvere questo problema avete due strade: la prima è quella di modificare un parametro in about:config e abilitare il supporto ai plugin NAPI. 

L'altra, più semplice e meno complicata, specie per gli utenti non smanettoni, è quello di utilizzare la versione ESR (Extended Support Release) di Firefox, la versione a supporto esteso di Firefox destinata ad aziende, organizzazioni, università etc che hanno bisogno di maggiore stabilità e di rilasci "rallentati" e senza stravolgimenti per evitare problemi di compatibilità. 
Da sottolineare come solo la release ESR a 32 bit di Mozilla Firefox 52 continuerà ad offrire supporto per la tecnologia dei plugin basata su standard necessaria per avviare le applet Java ma questo non è un problema per gli utenti Windows che, nel 99% dei casi, usano già da ora la versione a 32 bit di Firefox.

L'ultima versione supporto esteso attualmente disponibile è Firefox 52 ESR e garantirà supporto fino al Q1 del 2018

Una volta scaricato Firefox 52 ESR al seguente indirizzo https://www.mozilla.org/en-US/firefox/organizations/all/ vi basterà installarlo e loggarvi su BancoPostaImpresa online (e in generale su tutti quei siti che necessitano ancora il supporto ai plugin esterni) per poter tornare a lavare senza nessun problema.


Personalmente ho testato il tutto su Windows 10 senza riscontrare nessun problema.
Per maggiori informazioni:
Continua...

22 marzo 2017

Rilasciato GNOME 3.24 "Portland": Ecco le principali novità

Nessun commento:
GNOME Foundation ha annunciato il rilascio di GNOME 3.24 nome in codice Portland. Questa nuova versione porta con se l'aggiornamento di alcune delle applicazioni principali di GNOME, nuove caratteristiche e miglioramenti e il consueto lavoro di correzione di bug.

Ma vediamo quali sono le caratteristiche principali di GNOME 3.24:

La nuova funzionalità Night Light

Night Light: Una nuova funzionalità di GNOME che cambia il colore dello schermo a seconda dell'ora del giorno rendendo il tutto più caldo la sera in modo da aiutare gli utenti a prevenire l'insonnia e l'affaticamento degli occhi. Questa funzionalità non è altro che il famoso filtro luce blu che tanto va di moda ultimamente sugli smartphone. Funziona sia su X11 che su Wayland.

La nuova schermata delle impostazioni delle stampanti

Impostazioni rivisitate: le schermate delle impostazioni di Online Accounts, Stampanti e Utenti sono state riviste rendendole più usabili da parte degli utenti. Come potete vedere dallo screenshot di sopra relativo alla gestione Stampanti ora è possibile conoscere, in un unico colpo d'occhio, tutte le informazioni sulle stampanti di sistema.

L'applicazione Recipes con le ricette della comunità

Applicazione Recipes: questa è la nuova applicazione di GNOME che racchiude una raccolta di ricette realizzate dalla comunità di GNOME a cui potete contribuire.


La nuova area notifiche migliorata

Area notifiche migliorata: l'area notifiche ha ricevuto diversi miglioramenti. L'elenco delle notifiche ha ora un layout più semplice e chiaro il che rende più facile leggere le notifiche precedenti. Sono stati inoltre corretti diversi bug al fine di fornire una esperienza utente più agevole.
Le informazioni meteo sono state inoltre integrate nell'area delle notifiche con una semplice sintesi delle previsioni del giorno per la posizione corrente o per una impostata manualmente.

Web, il web browser di GNOME ha subito numerosi miglioramenti di design

Web migliorato:
Web, l'applicazione web browser di GNOME ha ricevuto numerosi miglioramenti per GNOME 3.24. Un certo numero di miglioramenti significativi di design rendono l'applicazione più facile da usare. Fra questi troviamo una nuova barra degli indirizzi e un nuovo popover che mostra un elenco delle schede aperte rendendo più facile da navigare quando si dispone di un gran numero di pagine aperte.
Rivista inoltre l'interfaccia per i preferiti per accedere rapidamente ai segnalibri e una nuova interfaccia per organizzarli facilmente.
Infine troviamo una serie di miglioramenti per la privacy che spaziano da un avviso che viene mostrato quando inseriamo password in campi di testo non sicuri, l'aggiunta di EasyPrivacy, una nuova finestra di dialogo per i dati personali che consente la visualizzazione e la loro cancellazione (IndexedDB, WebSQL. etc).
Photos, il visualizzatore di immagini ora offre una panoramica migliore delle immagini in archivio

Migliore visualizzazione delle foto: Photos, il visualizzatore di immagini di GNOME, fornisce ora una migliore panoramica delle immagini con miniature più grandi e ridimensionate per riempire tutto lo spazio disponibile. 
Altri miglioramenti includono: 
  • Nuovi tool per l'editing dell'esposizione e dei neri
  • Photos mostra ora una notifica se uno degli accounts online necessità attenzione
  • Le informazioni GPS sulla geo localizzazione delle foto viene ora mostrata per le foto che hanno tale metadato.

Il client IRC Polari

Client IRC migliorato: Polari, il client IRC di GNOME, include ora una serie di miglioramenti. Facendo click su di un nome utente viene ora mostrato un popover che consente di avviare una conversazione privata o richiedere una notifica quando un utente non in linea torna in linea.
Altri miglioramenti includono la possibilità di far funzionare l'applicazione in background senza tenere una finestra aperta, il controllo ortografico e una lista di stanze disponibili nella finestra di accesso alle stanze.


Games, il personal gaming center: un luogo unico per sfogliare e riprodurre la libreria dei videogiochi. Consente di riprodurre una varietà di giochi retrò fra cui:
  • Giochi homebrew per Neo-Geo Pocket e NES, alcuni dei quali possono essere ottenuti da pdroms.de.
  • SNES, Game Boy e Game Boy Color, utilizzando un accessorio come Retrode.
  • Giochi PlayStation, che possono essere copiati dai CD originali.
Games ha avuto un sacco di miglioramenti dell'interfaccia per GNOME 3.24 come il miglioramento di feedback durante il caricamento di giochi, una migliore gestione delle finestre e messaggi di errore più utili. Ha inoltre acquisito la capacità di giocare a giochi Libretro.

Le icone Adwaita

Icone più grandi e più luminose: per la serie anche l'occhio vuole la sua parte alcune delle icone di sistema sono state ridisegnate e sono ad alta risoluzione. Questo significa che le icone sono più dettagliate su schermi ad alta densità.
Lo stile visivo di molte icone sono state migliorate con un nuovo look più pulito, senza ombreggiature e con una luminosità complessiva aumentata. Il risultato è un aspetto più accattivante. 
Ah, e l'icona di Files è ora blu e viene fornita con Files e non con il tema di icone Adwaita

Ciao, sono la nuova icone di Files e ho preso il viagra


Migliorato il supporto alle tavolette Wacom

Miglioramenti con le tavolette Wacom: il supporto alle tavolette grafiche Wacom ha subito importanti miglioramenti. Le tavolette sono ora compatibili con Wayland e la configurazione delle penne stylus è stata migliorata. Gli stylus possono ora essere configurati in modo indipendente consentendovi di muovervi fra diversi tavolette grafiche mantenendo le stesse configurazioni. Gli stylus possono inoltre essere configurati usando preset per devices differenti.
Infine è finalmente possibile definire le azioni per le azioni sulle tavolette. 

E non finisce qui
  • GNOME 3.24 è dotato del supporto per i computer dotati di doppia scheda grafica. Se si dispone di più di una scheda video è ora possibile selezionare quale CPU utilizzare quando si lancia un'applicazione.
  • L'applicazione calendario ha una nuova visualizzazione settimanale che permette inoltre il drag and drop per spostare gli eventi.
  • Software ha avuto ritocchi e miglioramenti visivi fra cui nuove icone per indicare quando sono state installate le applicazioni, una presentazione migliorata per le valutazioni degli utenti e la visualizzazione della quantità di spazio su disco occupata dalle applicazioni installate.
  • Files, rende ora più semplice e sicuro lavorare con file e cartelle con restrizioni. Se si tenta di fare qualcosa che richiede autorizzazioni aggiuntive vi verrà chiesto di inserire la password. Questo fornisce un modo più sicuro per lavorare con file e cartelle con restrizioni anziché eseguire l'applicazione con sudo.
  • Supporto Flatpak in Software migliorato. L'aggiornamento delle applicazioni Flatpak è molto più agevole. Il supporto per nuove funzionalità di Flatpak, come ad esempio il download automatico di runtime, è stato incluso.
  • L'uso della tipografia in GNOME è stato migliorato con uso massimo dell'Unicode. Molti di questi cambiamenti sono sottili ma consentono di avere un aspetto migliore nel suo complesso.
  • La calcolatrice ha subito una serie di miglioramenti fra cui un aspetto migliore, una nuova finestra con le scorciatoie da tastiera, nuove variabili e funzioni popovers, una migliore evidenziazione degli errori e una migliore gestione dei numeri complessi.

Continua...

Netflix annuncia il supporto a Firefox su Linux!

Nessun commento:
Good news, everyone!
Netflix, tramite un post sul suo blog ufficiale, ha finalmente annunciato il supporto alla riproduzione dei propri contenuti protetti da DRM anche su Firefox e sistemi operativi GNU/Linux.

Questo significa che da ora in avanti non sarà più necessario ricorrere ad addon per Firefox per cambiare l'user agent o utilizzare Google Chrome per poter vedere i contenuti di Netflix in quanto Firefox li riprodurrà nativamente e senza problemi.

L'aggiornamento dei sistemi è già disponibile quindi potete utilizzare fin da subito Firefox su Linux per riprodurre i contenuti di Netflix.

Firefox su Linux che riproduce finalmente i contenuti di Netflix senza problemi

Che dire, grazie a Netflix per aver finalmente permesso tutto questo.

Per maggiori dettagli su come questo è stato possibile vi lascio il link al blog di Netflix
Continua...

21 marzo 2017

IBM e Red Hat collaborano per accelerare l’adozione del cloud ibrido con OpenStack

Nessun commento:


IBM e Red Hat collaborano per accelerare l’adozione del cloud ibrido con OpenStack


Le aziende clienti potranno estendere velocemente e in modo semplice i loro workload on-premise
a Red Hat OpenStack Platform e Red Hat Ceph Storage su IBM Private Cloud

Milano, 21 marzo 2017 IBM (NYSE: IBM) e Red Hat, Inc. (NYSE: RHT) hanno annunciato una collaborazione strategica intesa ad aiutare le aziende ad ottenere i benefici economici e di velocità della piattaforma OpenStack, estendendo in modo più semplice i propri workload Red Hat, virtuali e cloud, al Private Cloud di IBM.

Come parte di questa nuova collaborazione, IBM è diventata Red Hat Certified Cloud and Service Provider, offrendo così ai clienti una fiducia ancora maggiore di poter usare Red Hat OpenStack Platform e Red Hat Ceph Storage su IBM Private Cloud, nel momento in cui l’offerta sarà generalmente disponibile alla fine di marzo 2017.

Inoltre, sempre nell’ambito dell’accordo, Red Hat Cloud Access sarà disponibile per IBM Cloud entro la fine di Q2 2017, permettendo ai clienti Red Hat di trasferire eventuali sottoscrizioni Red Hat Enterprise Linux non utilizzate dal proprio data center a un ambiente cloud pubblico e virtuale presso i Cloud Data Center di IBM in tutto il mondo. In questo modo, le aziende possono proteggere ed estendere gli investimenti effettuati sul software Red Hat, accedendo all’efficienza e alla portata globale di IBM Cloud.

“La nostra collaborazione con IBM punta ad aiutare le realtà enterprise ad adottare il cloud ibrido in modo semplice e veloce”, spiega Radhesh Balakrishnan, General Manager of OpenStack di Red Hat. “Ora, i clienti che non dispongono di competenze interne sufficienti a gestire un’infrastruttura OpenStack possono accedere con fiducia a Red Hat OpenStack Platform e Red Hat Ceph Storage su IBM Private Cloud.”

Cloudsoft, azienda leader nella gestione di applicazioni per l’hybrid cloud, sta già utilizzando questo servizio in beta ed ha implementato i suoi workload Red Hat Enterprise Linux su IBM Private Cloud.

“Implementare la nostra Cloudsoft Application Management Platform (AMP) su IBM Bluemix Private Cloud con Red Hat è stato praticamente immediato per noi”, racconta Duncan Johnston-Watt. CEO di Cloudsoft Corporation. “Stiamo già ottenendo i vantaggi di costo ed efficienza tipici del cloud pubblico con le caratteristiche aggiuntive di sicurezza, controllo e prestazioni di un avanzato ambiente di cloud privato.”

Tra gli altri importanti vantaggi che le aziende clienti possono attendersi da questa offerta comune:
  • IBM e Red Hat forniranno l’infrastruttura cloud ibrida che aiuterà i clienti ad operare le loro applicazioni cloud in modo più efficiente tramite API di OpenStack.
  • I clienti avranno la possibilità di erogare più velocemente l’infrastruttura cloud e, tramite Red Hat Cloud Access, migrare workload e sottoscrizioni Red Hat esistenti su IBM Cloud, oppure utilizzare il software e l’infrastruttura in modalità pay-as-you-go.
  • La aziende possono avere una portata più estesa, abbinata alla capacità di partire localmente e poi scalare globalmente, con le funzionalità cloud, e di rispettare in modo più semplice normative legate alla collocazione dei dati e di altra tipologia.

IBM e Red Hat prevedono di commercializzare in modo congiunto questa nuova offerta per installazioni private cloud, comprese migrazione di workload, disaster recovery, estensione di capacità e consolidamento del data center.


“Una strategia cloud-first è diventata la normalità per una gran parte di nostri clienti enterprise che sfruttano IBM Cloud come elemento fondamentale per la loro digital transformation”, aggiunge Zane Adams, vice president di IBM Cloud. “La collaborazione strategica tra IBM e Red Hat intende aiutare i clienti ad adottare più semplicemente software cloud OpenStack e prodotti open source, proteggendo gli investimenti già effettuati e creando nuove opportunità di business.”
Continua...

Licenza
Licenza Creative Commons

Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001

Disclaimer immagini

Le immagini utilizzate in questo blog appartengono ai loro rispettivi autori e sono utilizzati per scopi educativi, personali e senza scopo di lucro. Ogni eventuale violazione del copyright non è intenzionale, ma se si riconosce un'immagine protetta da copyright, fatemelo sapere qui, e sarò lieto di aggiungere i credits o modificarla o rimuoverla.

Disclaimer images

Images used on this blog belong to their respective authors and are used for educational, personal and no profit purposes. Any eventual copyright infringement is not intentional, but if you recognize a copyrighted image, please let me know here, and I'll happily provide to add the right credits or modify or remove it.