2 settembre 2012

Il Governo Monti approva il software libero che diventa la regola


Buone notizie per tutti gli amanti dell'open source e del software libero italiani. Il Governo Monti ha recentemente modificato l'articolo 68 del CAD (Codice dell'Amministrazione Digitale - D.Lgs. 82/2005), ovvero la norma che regola l'acquisto di software da parte della Pubblica Amministrazione.

La precedente norma, che potete leggere nella tabella comparativa di sotto, era tendente a preferire l'acquisizione di software a codice chiuso e/o proprietario.

Il nuovo testo invece, modificato dal Governo Monti e che è entrato in vigore dal 12/08/2012, predilige di fatto l'acquisizione di software libero o a codice aperto:
Solo quando la valutazione comparativa di tipo tecnico ed economico dimostri l’impossibilita’ di accedere a soluzioni open source o gia’ sviluppate all'interno della pubblica amministrazione ad un prezzo inferiore, e’ consentita l’acquisizione di programmi informatici di tipo proprietario mediante ricorso a licenza d’uso. La valutazione di cui al presente comma e’ effettuata secondo le modalita’ e i criteri definiti dall'Agenzia per l’Italia Digitale, che, a richiesta di soggetti interessati, esprime altresi’ parere circa il loro rispetto.
Come potete leggere l'acquisizione di software proprietario sarà possibile solo in alcuni casi specifici ovvero solamente quando c'è oggettiva impossibilità economica o tecnica di accedere oppure ci sono già software sviluppati in house.

Si apre dunque una porta per il software libero e open source nelle Pubbliche Amministrazioni. Non ci resta ora che attendere i frutti.

Di seguito una tabella comparativa che mostra l'articolo 68 prima e dopo la correzione.

 Testo Previgente (fino all’11.08.2012) Testo Vigente (dal 12.08.2012)
Art. 68. Analisi comparativa delle soluzioniArt. 68. Analisi comparativa delle soluzioni
1. Le pubbliche amministrazioni, nel rispetto della legge 7 agosto 1990, n. 241 , e del decreto legislativo 12 febbraio 1993, n. 39 , acquisiscono, secondo le procedure previste dall’ordinamento,programmi informatici a seguito di una valutazione comparativa di tipo tecnico ed economico tra le seguenti soluzioni disponibili sul mercato:1. Le pubbliche amministrazioni acquisiscono programmi informatici o parti di essi a seguito di una valutazione comparativa di tipo tecnico ed economico tra le seguenti soluzioni disponibili sul mercato:
a) sviluppo di programmi informatici per conto e a spese dell’amministrazione sulla scorta dei requisiti indicati dalla stessa amministrazione committente;a) software sviluppato per conto della pubblica amministrazione;
b) riuso di programmi informatici, o parti di essi, sviluppati per conto e a spese della medesima o di altre amministrazioni;b) riutilizzo di software o parti di esso sviluppati per conto della pubblica amministrazione;
c) acquisizione di programmi informatici di tipo proprietariomediante ricorso a licenza d’uso;c) software libero o a codice sorgente aperto;
d) acquisizione di programmi informatici appartenenti alla categoria del software libero o a codice sorgente aperto; d) software combinazione delle precedenti soluzioni.
e) acquisizione mediante combinazione delle modalità di cui alle lettere da a) a d).Solo quando la valutazione comparativa di tipo tecnico ed economico dimostri l’impossibilita’ di accedere a soluzioni open source o gia’ sviluppate all’interno della pubblica amministrazione ad un prezzo inferioree’ consentita l’acquisizione di programmi informatici di tipo proprietario mediante ricorso a licenza d’uso. La valutazione di cui al presente comma e’ effettuata secondo le modalita’ e i criteri definiti dall’Agenzia per l’Italia Digitale, che, a richiesta di soggetti interessati, esprime altresi’ parere circa il loro rispetto.

Fonte EUPL.IT

Anche il Majorana di Gela ha riportato la notizia

4 commenti:

  1. Dubito che cambierà qualcosa avendo lasciato la scappatoia... gli utenti della PA diranno "abbiamo bisogno del software proprietario perché quello open non fa tale cosa" anche quando magari sono loro che non si mettono 5 minuti a capire il nuovo programma.

    RispondiElimina
  2. Purtroppo visto l'andazzo italiano lo penso anche io :(

    RispondiElimina
  3. Io sono mesi che tento di far cambiare idea, nel mio posto di lavoro, ma è una battaglia persa.
    Max

    RispondiElimina

Licenza
Licenza Creative Commons

Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001

Disclaimer immagini

Le immagini utilizzate in questo blog appartengono ai loro rispettivi autori e sono utilizzati per scopi educativi, personali e senza scopo di lucro. Ogni eventuale violazione del copyright non è intenzionale, ma se si riconosce un'immagine protetta da copyright, fatemelo sapere qui, e sarò lieto di aggiungere i credits o modificarla o rimuoverla.

Disclaimer images

Images used on this blog belong to their respective authors and are used for educational, personal and no profit purposes. Any eventual copyright infringement is not intentional, but if you recognize a copyrighted image, please let me know here, and I'll happily provide to add the right credits or modify or remove it.