2 gennaio 2013

Ubuntu Phone OS la rivoluzione di Canonical per la telefonia mobile



Che Unity fosse indirizzata fin dal principio a diventare una interfaccia unica per dispositivi touch screen tutti lo sapevamo fin dall'inizio. I segnali tangibili di ciò sono arrivati nel corso del 2012 con la presentazione di nuovi esperimenti in casa Canonical. Dapprima abbiamo avuto Ubuntu for Android, il progetto che consente di avere Ubuntu installato a mo di App sui device Android compatibili parallelamente ad Android e lanciabile semplicemente collegando lo smartphone ad una basetta per connetterlo a monitor, tastiera e mouse. Abbiamo poi avuto la Ubuntu TV che altro non è che la possibilità di avere nelle Smart TV (le TV intelligenti che si collegano ad internet n.d.r.) la nostra cara interfaccia Unity con tutti i servizi annessi e connessi. Infine abbiamo avuto Ubuntu per Nexus 7, installabile sul tablet di casa Google.

Ebbene questa sera Mark Shuttleworth ha annunciato l'ulteriore step, quello definitivo ovvero il progetto Ubuntu for Phones che altro non è che il tanto vociferato e sognato Ubuntu Phone OS.


Ma che cos'è dunque Ubuntu Phone OS?

La barra laterale di Ubuntu Phone
Ubuntu for Phone (o come è stato subito ribattezzato Ubuntu Phone OS) è il nuovo progetto di casa Canonical che mira a realizzare uno smartphone Ubuntu based che nei device top di gamma previsti consentirà di collegare il nostro smartphone ad un monitor, tastiera e mouse e avere un sistema desktop complete.
Sulla barra laterale con uno swipe potremmo richiamare le nostre applicazioni preferite (soluzione che mi ricorda molto la prima interfaccia touch wiz di Samsung, chi ha avuto un Omnia i900 e simili sa di cosa parlo anche se in quel caso la barra serviva solo ad inserire i widget).
Con uno swipe verso sinistra saranno mostrate tutte le applicazioni aperte mentre con uno verso destra richiameremo l'ultima lanciata.
Il tutto ricorda anche in questo caso qualcosa di già visto (chi ha detto Nokia N9 con MeeGo/Harmattan?).



The Verge ha avuto la fortuna di mettere le mani sulla prima versione di Ubuntu Phone OS su un device (Galaxy Nexus) e ha realizzato questo piccolo video che ci aiuterà a capirne tutte le potenzialità.



Naturalmente, in puro stile Unity tutto sarà gestibile e filtrabile tramite la ricerca nel nostro smartphone. Potremo facilmente filtrare la ricerche di applicazioni, contatti, musica e così via.

Possibilità di filtrare i contenuti del device dividendoli in Musica, Contatti, Apps e Video

Reinventata, per così dire, la gestione dei messaggi che vengono gestiti con un unica interfaccia.

La gestione unificata dei messaggi in Ubuntu Phone

In una sola schermata troveremo e-mail, sms, chiamate perse e tutti i nostri contatti social come Facebook e Twitter.

Anche la parte fotografica si arricchisce dell'esperienza Ubuntu.

Applicazione galleria e applicazione foto
Ogni foto scattata verrà automaticamente caricata via cloud sul nostro account Ubuntu One in modo essere disponibile su tutti i nostri device dotati del client Ubuntu One e che ricordo comprendono iOS, Android, Windows e naturalmente Ubuntu :)

Ubuntu One e le altre applicazioni base

Natualmente il device includerà tutte le applicazioni di base per l'utilizzo giornaliero come telefonia, SMS, MMS, e-mail, navigazione web (chissà che browser sceglieranno n.d.r.), foto, musica e video.


E l'hardware necessario a far girare Ubuntu Phone OS?





Canonical è alla ricerca di partner OEM per la realizzazione del device. Ubuntu offrirà comunque una ottima esperienza utente anche su hardware poco costoso, questo perché a differenza di Android non fa uso di una macchina virtuale Java per cui tutte le applicazioni di base possono essere lanciate nativamente. L'interfaccia utente sarà dunque reattiva senza la necessità di avere device potenti.

Ubuntu offre un'esperienza veloce e bella, anche su hardware poco costoso. Non ha il sovraccarico di una macchina virtuale Java, per cui tutte le applicazioni di base funzionare a piena velocità native con un footprint di memoria di piccole dimensioni. Che dà l'interfaccia utente di un lussuoso e reattiva senza la necessità di componenti hardware premium.
Due saranno i tipi di device, quelli della fascia Entry Level e quelli di fascia High-end. La differenza più sostanziale? Semplice, gli High-end Ubuntu "superphone" saranno dotati della Desktop convergence che, detta in parole povere, non è altro che la modalità desktop già vista con Ubuntu per Android.


Questo significa che i device di fascia altra saranno dotati del connettore per collegare lo smartphone (tramite basetta) a monitor, mouse e tastiera in modo da avere un vero e proprio computer portatile sempre in tasca. Questa è una delle vere rivoluzioni di questo progetto perché consente di far convergere finalmente il mondo smartphone con il mondo desktop (tanto la potenza disponibile nei dispositivi che portiamo in tasca è sovradimensionata per uno smartphone tradizionale n.d.r.).

High-end Ubuntu "superphone"

Ricapitoliamo dunque l'hardware estrapolato dalla tabella in alto.

System requirements for smartphones Entry level Ubuntu smartphone High-end Ubuntu "superphone"
Processor architecture 1Ghz Cortex A9 Quad-core A9 or Intel Atom
Memory 512MB – 1GB Min 1GB
Flash storage 4-8GB eMMC + SD Min 32GB eMMC + SD
Multi-touch Yes Yes
Desktop convergence No Yes

Come potete leggere l'hardware richiesto è quello standard degli attuali device sul mercato. Ubuntu è già stato adattato per funzionare su chipset con ARM e Intel x86 con il sistema centrale basato su  Support Package Android Board (BSP). Così fornitori di chipset e produttori di hardware non hanno bisogno di fare investimenti per garantire il supporto hardware per Ubuntu su smartphone
Come si può leggere sul sito ufficiale
If you already make handsets that run Android, the work needed to adopt Ubuntu will be trivial
Ovvero se già avete smartphone che eseguono Android, il lavoro necessario per adottare Ubuntu sarà banale.

Come saranno sviluppate le Applicazioni? Cosa dovranno fare gli sviluppatori?

  • Sugli Ubuntu phone sarà possibile lanciare web apps nativamente in maniera indipendente dunque dal browser web (ecco dunque il perché delle web apps introdotte con Quantal n.d.r.)
  • L'HTML5 è completamente supportato da Ubuntu ma potrete anche sviluppare applicazioni native usando OpenGL e QML (conosco gente che sta facendo i salti di gioia per questo), compilato in C o C++ e Javascript.
  • Come sapete poi i produttori di giochi come EA, Valve e Unity Technologies stanno lavorando a stretto contatto con Ubuntu e grazie all'OpenGL potranno portare i loro giochi facilmente su Ubuntu Phone.
Per attirare i partner OEM Canonical ci tiene a far sapere che sarà per loro possibile personalizzare i propri device aggiungendo applicazioni e personalizzazioni varie
In blue è più bello :P
Ubuntu SDK per avere Applicazioni per tutti i device
Altra cosa importante è che le applicazioni scritte per Ubuntu Phone saranno compatibili per Ubuntu grazie all'Ubuntu SDK che verrà rilasciato a breve, avremo così applicazioni gestibili da entrambi i sistemi. Grazie ad esso le applicazioni potranno essere scritte per lavorare su diversi fattori di forma, le singole applicazioni si adatteranno per entrambi i device, sia smartphone che desktop. Il che significa che si ri-utilizzare la maggior parte delle app quando si aggiunge il supporto per un nuovo fattore di forma.

Quando lo potremo avere?

In Canonical rilasceranno dapprima una versione di Ubuntu per Android durante l'anno mentre il device con Ubuntu Phone OS nativo arriverà entro la fine del 2013. Un primo device, che poi è quello che avete potuto vedere nell'anteprima di The Verge, sarà presentato durante il CES che si terrà a dall'8 all'11 di Gennaio 2013.


Per i programmatori smanettoni vi lascio il link all'Ubuntu QML toolkit http://developer.ubuntu.com/get-started/gomobile/

13 commenti:

  1. @andrea zubenko

    Per quanto non ami particolarmente Unity sono entusiasta per questo progetto, se tutto va bene potremo finalmente avere uno smartphone trasformabile in pc desktop di appoggio.

    RispondiElimina
  2. Finalmente qualcosa di serio!!! Non ne potevo più :D
    Grande Canonical.
    Ecco motivata unity (a primo impatto sembrava avessero fatto modifiche assurde all'interfaccia). Ma ci pensate? Un OS per tutto!!! Ed in più semplicità di codifica per gli sviluppatori.
    Spero che i produttori di hardware prendano seriamente la cosa.
    Non vedo l'ora di poter acquistare un dispositivo mobile totalmente indipendente da Android che ospiti nativamente ubuntu.

    RispondiElimina
  3. @Luca Rigano

    Vero, Unity è stata pensata fin da subito come interfaccia unificata per dispositivi touch e sistemi tradizionali, ora si ha finalmente la conferma di ciò.

    Spero anche in un forte interessamento da parte dei produttori hardware così potremmo finalmente avere il device definitivo

    RispondiElimina
  4. @Marco Giannini
    Ci sono molti punti interessanti, in particolare l'ubuntu sdk
    Ovviamente gli "ubuntu phone" saranno supportati da ubuntu, ma spero che ci sia supporto nativo a tutte le distro...
    Ma un particolare.... sugli smartphone usano le QT5 da subito e sui desktop si ostinano a usare quella ciofeca di compiz...

    RispondiElimina
  5. @andrea zubenko

    e ma a questo punto penso che ci sarà un cambiamento anche a livello di Unity per desktop, non penso siano così masochisti da potare avanti compiz

    RispondiElimina
  6. Concordo, odio Unity sul desktop, ma averlo sul telefono e la convergenza col pc mi sembra molto molto molto interessante :-)

    Vediamo cosa salta fuori, ma per la prima volta da qualche anno mi sembra un progetto sensato e promettente.

    Tall

    RispondiElimina
  7. @Stefano s

    Magari il Gentoo Phone, l'unico smartphone che per accendersi deve compilarsi :D

    RispondiElimina
  8. Se Ubuntu continua così di sicuro entro il 2020 (Speriamo anche meno) sarà l'OS più diffuso al mondo...
    Vi giuro che quando sono entrato nel blog e ho trovato questa notizia ero entusiasmato da questa incredibile rivoluzione :D

    RispondiElimina
  9. sapete se si puo intallare sul galxy2 e dove posso scaricare ubuntu phone

    RispondiElimina
  10. @Anonimo

    Per adesso non si sa ancora nulla, bisognerà aspettare le prime notizie dopo il CES2013

    RispondiElimina
  11. Mi sto per mettere a piangere dalla gioia! Questo è un lavoro sensato,dare tanta potenza al cellulare per poterla sfruttare, no che tutti i produttori mettono dentro a questi cellulari settordici GB di ram,processori da MILLEMILAcore ecc per poter andare su fb e mandare messaggi! Questa di Ubuntu sarà una rivoluzione potente,basta avere il tuo cellulare(o tablet) e porterai sempre con te il tuo pc di casa,lo colleghi ad un monitor e via! E poi mi piace molto!(anche se non sopporto che quando faccio una ricerca nel menu mi debbano comparire elementi di amazon o comunque da acquistare online...preferisco che quello rimanesse all'interno dell'applicazione). Ripeto EVVIVA UBUNTU, tutto ciò,insieme a Valve, EA &Co. porterà ad una diffusione sempre maggiore del SO e di conseguenza supporto da parte di terzi(qualcuno ha detto nvidia e ati?:D). Datemi driver delle schede video per Ubuntu, Steam e qualche gioco che non sia un clone di quake o di qualche gioco di 2000anni fa, e sarò felice come una pasqua. Infine vorrei troppo mettere le mani sull'SDK! (PS a mio avviso devono migliorare l'interfaccia grafica di ubuntu SoftCenter,IMHO arcaica nell'aspetto). Saluti Ale.

    RispondiElimina

Licenza
Licenza Creative Commons

Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001

Disclaimer immagini

Le immagini utilizzate in questo blog appartengono ai loro rispettivi autori e sono utilizzati per scopi educativi, personali e senza scopo di lucro. Ogni eventuale violazione del copyright non è intenzionale, ma se si riconosce un'immagine protetta da copyright, fatemelo sapere qui, e sarò lieto di aggiungere i credits o modificarla o rimuoverla.

Disclaimer images

Images used on this blog belong to their respective authors and are used for educational, personal and no profit purposes. Any eventual copyright infringement is not intentional, but if you recognize a copyrighted image, please let me know here, and I'll happily provide to add the right credits or modify or remove it.