3 gennaio 2013

Mark Shuttleworth mostra Ubuntu Phone OS in azione



Dopo il video di ieri realizzato da The Verge ecco arrivare un nuovo interessante video realizzato questa volta dal noto sito engadget.In questo video Mark Shuttleworth ci illustra il funzionamento di Ubuntu Phone OS sul (solito) Galaxy Nexus. Nel video Mark illustra alcune delle caratteristiche del sistema evidenziando la facilità d'uso e la reattività del sistema. Un dettaglio che non era stato mostrato nel precedente video è quello relativo alla barra delle notifiche; come potrete vedere nel video, la barra è scrollabile sia dall'alto verso il basso che da destra verso sinistra (e viceversa). A voi il video :)

Ne approfitto del post per aggiungere alcune considerazioni fatte dal mio amico +Matteo Baranzoni sull'argomento. Matteo fa alcune interessanti considerazioni sul target di questo nuovo sistema.

- Tecnologie usate: Ubuntu Phone OS sarà il primo Smartphone ad essere basato su QT5 (forse in contemporanea Sailfish, il progetto derivato dal defunto meego). Non avremo Compiz (come mi ha confermato il sempre gentilissimo Treviño) anche se non si sa ancora se ci sarà wayland. Certamente però l'SDK basato su QML semplificherà molto la creazione di applicativi di qualità!

- Avremo 2 tipi di dispositivi, smartphone e superphone con questi ultimi che riprendono quanto già visto in Ubuntu for android. Collego uno schermo, tastiera e mouse ed ecco che lo smartphone diventa un pc classico. Trovo che la differenziazione "fascia alta/fascia bassa" utilizzata da canonical sia un po' fuorviante: tanti potrebbero pensare che la fascia bassa è quella dei cellulari da 100€ quando invece IMHO la differenza la fa questa funzionalità.

- Target: Punteranno decisi sulla clientela business e IMHO questo è il punto che più di tutti può portare Ubuntu al successo. L'integrazione con Landscape (http://www.canonical.com/enterprise-services/ubuntu-advantage/landscape) può davvero fare la differenza: enti pubblici e aziende possono avere un reale controllo e fare un'amministrazione dei dispositivi mobile spettacolare. Aggiornamenti, installazioni distribuite, backup remoti e centralizzati. Tutto centralizzato.
Giusto pochi giorni fa chiedevo su G+ se esisteva una soluzione in grado di garantirmi la flessibilità e la sicurezza di un sistema linux su un tablet pc. Devo fornire ai miei clienti dispositivi su cui far girare i nostri applicativi (web e basati su html5). Vorremmo però evitare che su questi tablet ci finissero angri birds, you porn e simili quindi capirete la mia gioia nel leggere di queste novità.

- Webapps: Nei primi commenti ho letto di tutto: sono lente, non servono a nulla, sono integrate male ecc. Cazzate. Le webapps FATTE MALE hanno questi problemi e una perfetta dimostrazione la si ha in questo video: http://vimeo.com/55486684
Sencha (gente che SA lavorare con HTML5) ha realizzato un applicativo facebook che su iso è più performante dell'applicativo nativo. Per la cronaca l'applicativo nativo ufficiale di facebook ha preso il posto del precendente applicativo HTML 5 sviluppato internatemente da facebook che era lento e instabile, una vera schifezza.
Le web apps servono per avere da subito un ampio parco software sviluppato a costo bassissimo ma IMHO possono essere usate per sviluppare soluzioni interne a un'azienda. Anche qui un esempio: Ho un CRM aziendale e grazie alle webapps con poche righe di codice integro le anagrafiche clienti e fornitori nella rubrica e, sfruttando il sistema di gestione delle notifiche se dall'applicativo mi deve essere notificato qualcosa mi trovo la segnalazione direttamente sullo smartphone.
Il tutto con un investimento RIDICOLO se paragonato allo sviluppo di un applicativo nativo.

2 commenti:

  1. Mi spiegate il motivo per cui Canonical realizza un SO per smartphone in QT5 e HTML5, se non sbaglio anche l'Ubuntu TV in QT, mentre poi su desktop invece di far progredire Unity 2D scritto in QT e sostituirlo al 3D attuale, cancella completamente il progetto e si tiene Compiz?

    RispondiElimina
  2. @lucapas

    Io credo che ci sarà qualche novità nelle prossime realease di Unity per desktop, non avrebbe davvero senso portare avanti due versioni

    RispondiElimina

Licenza
Licenza Creative Commons

Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001

Disclaimer immagini

Le immagini utilizzate in questo blog appartengono ai loro rispettivi autori e sono utilizzati per scopi educativi, personali e senza scopo di lucro. Ogni eventuale violazione del copyright non è intenzionale, ma se si riconosce un'immagine protetta da copyright, fatemelo sapere qui, e sarò lieto di aggiungere i credits o modificarla o rimuoverla.

Disclaimer images

Images used on this blog belong to their respective authors and are used for educational, personal and no profit purposes. Any eventual copyright infringement is not intentional, but if you recognize a copyrighted image, please let me know here, and I'll happily provide to add the right credits or modify or remove it.