6 dicembre 2010

Racconti di Pinguini



Parte una nuova sezione del blog dal titolo "Racconti di Pinguini" destinata a raccogliere le vostre esperienze con il pinguino. Qui potete parlare della vostra prima volta con GNU/Linux, delle vostre esperienze nel peregrinare di distro in distro e del perché avete scelto questo sistema operativo.
Insomma è una pagina bianca dove potrete sbizzarrirvi e raccontare il vostro approccio al mondo GNU/Linux.

Spero di ricevere tanti commenti per conoscere meglio tutti voi miei lettori anche per conoscerci meglio e condividere le nostre esperienze :)

31 commenti:

  1. Ero su windows (avevo circa 10 anni),ma un giorno non mi ricordo come venni a conoscenza di GNU/Linux.
    Non sapevo nemmeno cosa era un boot,ma un giorno decisi di provare la distro ubuntu (9.04)
    Non seguii nessuna guida (mi pare) e ci riuscii.Il passaggio fu molto lento, dato che smanettavo sempre e formattavo il sistema una volta alla settimana.
    Dopo un paio di mesi capi finalmente come funzionava ubuntu, il terminale e tutte le cose che non ci sono in Ubuntu.L'unico problema per rimuovere Windows era far imparare a mio padre ad usare Ubuntu.
    Ci riuscii ed eccomi qua, con il mio pc ormai linuxaro e se domandi a mio padre se è meglio windows o GNU/linux lui ti risponderà la seconda opzione

    Per sempre GNU/Linux !

    RispondiElimina
  2. se non ricordo male era il 2005...a scuola un professore ci parlò di Linux e ci consigliò di acquistare una rivista in particolare con un live-cd. Lo feci. Lessi l'articolo riguardante tutto d'un fiato e poi inserì il cd sul pc e riavviai. Dopo un eternità venne caricato il sistema che si rese finalmente usabile (era una Knoppix con KDE): non potevo credere alla quantità di software inseritovi, ai 4 desktop, funzionava tutto, rimasi sbalordito! Non avevo però abbastanza spazio sull'hard disk e non potei installare la Mandrake 10 presente nel numero successivo della rivista. Lasciai perdere Linux, ma fu solo un arrivederci. Appena iscritto all'Università (2007) mi comprai un portatile e grazie all'aiuto di un collega installai Mandriva 2008.0: me ne innamorai. Siamo nel 2010 e GNU/Linux è ancora qui accanto a me :D

    RispondiElimina
  3. Ebbene, eccomi qui a confessarmi! :-)

    Data la mia veneranda età, ho iniziato ad usare il pc molto tempo fa; era il 1995; allora sul mio pc c'era installato win 3.11; si partiva da MS-Dos.
    Ho iniziato a sentire parlare di Gnu-Linux nel 2004 (anno in cui nacque Ubuntu, se non sbaglio); lo iniziai ad usare nel 2006 (Ubuntu, si intende); dalla fine del 2007 uso solo Gnu-Linux; Mi aiutarono molto, agli inizi, le video guide dell'Istituto Majorana ( che per me è stato un punto di riferimento); fino a non molto tempo fa ho usato solo distro con Gnome; da non molto tempo mi sto cimentando anche con Kde; sporadicamente uso anche, come DE, xfce. Ho aperto un blog per condividere le mie poche conoscenze, ma soprattutto per entrare in contatto con chi ama il mondo dell'open source. Ormai il pinguino mi è entrato nel sangue; è diventato parte di me. Diciamo che mi sono trasformato in uomo-pinguino. Non c'è una discussione che non va a finire a Tux (anche in sede di esame) :-D :-D

    RispondiElimina
  4. Per me tutto naque da un mero e personale bisogno estetico.
    Una sorta di orgasmo visivo a buon mercato.
    Avevo visto in azione la grafica e le animazioni di Solaris tre anni fa, e subito (annoiato da Win XP e la sua grafica da sbadiglio, affascinato dalle animazioni e il Dock di Mac, ma non dal suo costo) provai ad installarla, arrendendomi subitaneamente e clamorosamente.
    Il Sistema Operativo non mi riconosceva le porte USB ed io non avevo tempo da "perdere" smanettando furiosamente. Provai anche Ubuntu e Kubuntu, ma entrambe non riconoscevano nemmeno la mia scheda grafica ed io ormai già corroborato dagli eccessivi grattacapi che mi dava Winzonz, tornai deluso al mio XP che intanto, sollecitava fastidiosamente la mi ugola inducendomi al vomito.

    Ovviamente questo senso di nausea non era indotto dal solo aspetto estetico ma anche dalla miriade di problemi che circondano il software non libero. Il fatto è che con Windows (parlo di lui perchè lo conosco fin troppo bene) o paghi per fare qualunque cosa, o sei per forza un pirata.
    A dire il vero quest'estate dopo lunghe ricerche ed estenuanti e ripetute formattazioni ero arrivato ad avere un SO stabile e, cosa incredibile, totalmente freeware o open... Ma, lo sappiamo tutti, è solo questione di tempo ed il sistema prima poi diventerà stranamente lento, e finirà per disgustare qualunque perfezionista del PC.

    La svolta, quest'estate.
    La mia compagna era in emergenza. Vista, installato in un PC "sottodimensionato" (come spesso è accaduto ai tempi di quel SO) era inchiodatissimo, ed io rigurgitavo bile anche solo al pensiero di reinstallarci (s)Vista, che per carità, bellissime (forse) animazioni e trasparenze... ma a che costo!?
    Allora mi è venuta l'idea, e se ci riprovassi con 'sto benedetto Linux?
    Ho masterizzato l'ultima versione di Ubuntu su un CD (10.04LTS) e via!
    Amore a prima vista, e la grafica era bella a partire dal Live CD! Incredibile, altro che XP, Vista, 7 o addirittura Mac!

    Qualche giorno per ambientarmi, e capire le novità rispetto a W., e poi via anche sul mio PC.

    A malincuore, ho lasciato una partizione con XP, ma senza coma faccio a far girare il mio fido FS2004 o a giocare con Half Life? :D
    I mesi sono passati veloci ed eccoci qua. E non ho mai dovuto formattare, nonostante nel frattempo abbia installato e disinstallato più di 60/70 programmi!
    E poi, l'aspetto estetico! Con Compiz personalizzare nei minimi dettagli l'ambiente grafico è uno spasso. Faccio poi apertamente i mie ringraziamenti a Marco. Senza molti dei suoi post non avrei avuto un desktop così accattivante.
    Il font Ubuntu Bold impera in ogni dove, e il binomio Tiheum/Equinox, con il suo set di icone Faenza Dark e il magnifico tema Equinox Glass rendono il tutto elegante e fine.
    Ora il futuro: sto cercando di riesumare un notebbok di 10 anni fa. Prima fermata, Xubuntu.
    Tentativo fallito, problemi di riconoscimento dell'hardware, siamo al punto che mentre digito, i caratteri appaiono con un leggero ritardo. Lo stesso computer con Win leggeva perfino i DVD. Ma non mi arrendo, e sfrutterò questa sconfitta per fare scuola. Prossime tappe, ad eliminazione, Slackware e GeeXboX... a chi, l'ambito premio?

    Chi virà vedrà...
    Massi

    PS: per chi volesse dare un'occhiata agli shot del mio desktop rimando al mio blog. Marco ti ho linkato nel post, per correttezza. A proposito, questa sezione è davvero azzeccata!

    RispondiElimina
  5. Errata corrige:ho sbagliato, ho scritto GeeXboX invece che Damn Small Linux...

    RispondiElimina
  6. Aggiornamento.
    Slackware, sul laptop decennale, non da segni di vita alcuna... Si inchioda appena inserito il cd di installazione e non c'è verso di schiodarlo...
    Fruttuosa invece la prova con DSL. Solo che... è troppo minimale...
    Dove va tutto il gusto di usare Linux e i suoi effetti grafici digiuni di scheda video?
    E allora a malincuore sono ritornato a XP.

    Sconfitta? Niente affatto!
    A Natale, la mia ragazza mi ha regalato, un netbook!
    Un Hp mini 110-3105sl.
    Secondo voi cosa avrò fatto io?
    L'ho piallato, e ci ho messo dentro una versione pulita di Win 7 (la versione "rimaneggiata" da hp era satura di programmi e programmini a dir poco inutili), usando il seriale fornito all'acquisto, e, squillino le trombe, UBUNTU 10.10!
    Non ho installato la Netbook Edition, perchè pare, leggermente più esosa nel consumo della batteria rispetto alla Desktop Edition.
    Voi direte, ma dov'è la sfida?
    La sfida c'è stata eccome!
    Far andare quel cavolo di scheda wireless della Broadcom (BCM 4313), in quanto i driver STA installati dall'applicazione "Driver Aggiuntivi" non sono quelli giusti.
    Alla fine, dopo alcune orette passate sul forum di Ubuntu, ho trovato il thread che faceva per me e ho risolto. A parte una trascurabile incompatibilità con l'indicatore della batteria, ora Ubuntu è perfettamente integrato nel suo netbook nuovo nuovo!

    Curiosità, all'avvio Ubuntu ci mette 40 secondi per essere totalmente operativo. Win 7, invece, rasenta il minuto, 30 secondi circa poi, per spegnersi.
    In spegnimento Ubuntu si attesta sui 3 (tre) secondi netti.
    Non c'è storia.
    Idem nella modalità sospensione, Ubuntu è nettamente più veloce sia in entrata che in uscita.
    Che soddisfazione!
    Ora però mi chiedo quante volte userò Windows 7...
    Tra l'altro la versione Starter con cui è fornito è qualcosa di scandaloso: 16GB di spazio occupato per una installazione pulita, che diventano quasi venti con il software di uso comune (diciamo il corrispettivo già preinstallato nel live cd su Ubuntu) e nemmeno la possibilità di cambiare il fondo scrivania.
    Penoso.
    A presto!

    PS: per Marco, se ti interessasse, ti posso spedire un odt con la serie di operazioni che ho effettuato per far funzionare la scheda wireless nel caso volessi farne un post...

    RispondiElimina
  7. Per il file certo così rendiamo un servizio utile a chi ha avuto lo stesso problema.
    Effettivamente la versione starter di w7 fa letteralmente "cagare".
    Hai provato sul vecchio laptop a installare lubuntu (o similari)?
    Per la questione della batteria non immaginavo che la ne fosse più assetata di energia, immaginavo il contrario :D
    Rispetto a Windows7 come durata della batteria (con wifi attivo) come si comporta Ubuntu? Meglio o peggio?

    RispondiElimina
  8. Dunque, andiamo per gradi.
    Riguardo al laptop decennale, no, non ho ancora provato con lubuntu.
    Ho però una remora.
    Essendo il pc in questione davvero in la con gli anni (pentium 4 con 256 mega di Ram), ora che l'ho riformattato con Win Xp mi scoccerebbe, nel caso anche Lubuntu fallisse, dover rifare la procedura di reinstallazione XP daccapo. Anche perché alle velocità di quel trattorino, ci vuole quasi più di mezza giornata!:D

    I problemi di batteria erano nella mia testa, dalla ricerca più approfondita che ho fatto, sembra non esserci alcuna differenza tra i kernel della netbook edition e i kernel della desktop, anche se qualche minoranza (o minorato) sembra sostenere il contrario.
    La scelta però sarebbe in egual modo caduta sulla desktop in quanto, non mi piace molto l'inerfaccia Unity...

    Per la differenza tra Ubuntu e Win 7, a batteria per ora sembrano messi uguali, forse un po' più economico win 7.
    Sono andato nel Bios ed ho scoperto che posso disabilitare la funzione "ventola accesa sempre".
    Adesso la ventola si accende solo sopra una certa soglia.
    Sono curioso di vedere se riesco a far diventare più risparmiatore Ubuntu.
    Per esempio con Swap su RAM, FireFox con cache su RAM, abbellimenti grafici al minimo, cpufreq… In giro ho letto che si può arrivare a recuperare quasi un'ora di autonomia. Vedremo.
    Nel caso, anche stavolta ti invio le procedure, sempre vadano a buon fine! Ma ci sarà da aspettare qualche settimana di smanettamento furioso!:D

    RispondiElimina
  9. Ciao bell'idea, ho comprato il mio portatile dell'era moderna nel 2004 usato senza internet (che palle) per circa 1 anno durante il quale ho comprato varie riviste su Linux che penso di aver conosciuto così perchè nessuno me ne ha mai parlato ovviamente ho provato ad installare qualcosa con nozioni tecniche zero e senza internet il mio portatile non ne vuole sapere erano Knoppix mandrake e un'altra che non ricordo. Lascio perdere per avvenuto scazzo dopo un paio di mesi. rimango senza pc per un anno grazie a un picco di tensione che fa svampare il mio portatile.
    nel marzo del 2009 compro il mio attuale desktop senza sistema operativo, installo subito una versione di Xp che dura un mese o due cerco alternative Linux con un po' ma poca cognizione, faccio un test su quale sia la miglior distro per me e viene fuori Ubuntu insieme a OpenSuse e altre faccio un giro sui siti e scelgo ubuntu 9.04 la installo e perdo completamente xp per un mio errore grazie al quale ho scoperto che mi piace usare solo Gnu-Linux ne parlo da circa 2 anni sul mio blog scrivendo le mie impressioni d'uso

    RispondiElimina
  10. Diversi anni fa ho lavorato per una fiction della RAI. Ero nel gruppo degli effetti speciali. Il mio capo si era fatto convincere dal direttore della fotografia a installarlo sul suo pc personale. Arrivato a casa mi sono detto: perchè no? E via (in edicola lol) a comprare rivista + CD. Erano i tempi di Heron 8.04. Lo installai sul pc ma il risultato f pessimo. Il pc era torppo vecchio e non ci girava. Passa un altro annetto, compro il pc nuovo e ci riprovo. Stavolta si parte con Kubuntu KDE 4.0 beta. Devo aggiungere altro? Per fortuna non ho mollato e ho installato una bella Ubuntu liscia liscia. Tutto riconoscliuto al volo, tutto funzionante, Amore. Purtroppo rimane il problema dei giochi. Ho provato in tutti i modi a giocare a Wow su Linux (quando ancora ero nel tunnel) ma non c'è paragone con Win, 50% di fps in meno. Condannato al dual boot. Da allora però ho provato decine di distro. Ubuntu/unity rimane la mia main (usabilità 100) seguita da Arch+OpenBox/Fluxbox(a seconda del tempo atmosferico). Adoro anche Lubuntu 11.04 e da ieri sto flirtando pesantemente con KDE su Mandriva (e se non la avete provata la superconsiglio).

    That'a all folks...

    RispondiElimina
  11. Io sono stato un inconscio e felice utilizzatore di Windows 3.1, 95, 98, ME e XP. (Sì, non so per quale motivo ma sui miei computer ME girava meglio di 2000, che ho naturalmente provato ed usato). Se può interessare, ho una collezione di licenze e di dischi originali di installazione, persino i floppy del 3.1 e qualche copia di MS Office. Dicevo, inconscio perché fino agli anni 2000 non avevo idea di che cosa fosse il software libero e ritenevo i Mac qualcosa di buono esclusivamente per Dawson's Creek (ma questo, onestamente, lo penso ancora). Da utente secolare di Netscape, dopo la morte del suddetto, ho accolto con favore la nascita di Phoenix (poi diventato Firefox) che ho iniziato ad usare dalle primissime versioni... E sì, più o meno in quello stesso periodo (2004-2005) ho scoperto cos'è il software libero attraverso Wikipedia, proprio per via del panda rosso.

    Poco dopo mi ritrovo a cancellare dal disco Windows in favore di Ubuntu, che non ho abbandonato fino a pochi giorni fa (per Fedora KDE). Ho scelto GNU/Linux principalmente per motivi etici, ma anche per la sicurezza e la comodità, e oggi non lo abbandonerei per nessun OS proprietario, che sia Windows, Mac o... Android :P

    RispondiElimina
  12. nasco amighista dal 1990 (e lo sono tutt'ora)

    ho sempre odiato consciamente o inconsciamente windows, e quindi bypasso questo periodo anche se l'ho usato tanto e pesantemente
    specie per il parco di programmi di grafica professionale esistenti. (salvo solo un breve periodo d'oro con nt-win2000)

    il primo contato con il pinguino fu una red hat se non erro nel 1996 forse 1997 su un cyrix 133

    da li è stato un continuum di vai e vieni dalle edicole... poi a scaricare dalla rete etc etc.


    inizialmente mi studiavo comandi unix e provavo anche a compilare kernel e tutto il resto...
    poi con il potenziamento di computers e distro migliorate sono diventato più comodoso (lo sono sempre stato)
    (il mio vero campo è la computer grafica)

    ubuntu è il più comodoso per me...

    e facendo il grafico 3d mi basta una macchina perfomante, con blender, gimp mypaint inkscape ,codecs altri programmi minori ben configurati e ben personalizzati.

    stessa cosa vale per l'interfaccia.

    all'università sbavavo per le octane con irix sgi all'aula di ingegneria meccanica.

    ho lavorato dal 2006 al 2009 in rai a roma nella sezione grafica e video sfx e compositing.

    (lineablu, superquark, ulisse )

    lavoravamo su pentium xeon quad core con 8 giga di ram se non ricordo male e geforce quadro di fascia alta.
    macchine che la rai noleggiava per un anno e poi le cambiava.

    ho messo le mani/visto macchine belle potenti, tra cui macchine avid DS, avid per il montaggio video, Rack di Render Farm, studi di green-screens etc..

    (pochi mac allora ,compositor e montatori le snobbavano,e
    per noi che facevamo 3D le macchine apple di allora facevano solo ridere ...ma credo che oggi la situazione sarà cambiata)

    http://www.youtube.com/watch?v=vjyF0-2Obug

    ovviamente conosco bene programmi dello spessore di photoshop illustrator aftereffect xsi , maya , 3dsmax lightwave ed ovviamente blender.

    se dovesse capitare che mi legga qualche vecchio collega, riconoscerebbe subito chi sono xD

    scriverei di più ma oggi sono annoiato (:

    RispondiElimina
  13. Emh io mi sono già autoconfessato tempo fa, siccome è una confessione bella lunga ve la linko, si trova nel mio about è a fine pagina: http://picchiopc.wordpress.com/about-me/

    RispondiElimina
  14. Allora sì.

    In pratica correva l'anno 2007, a quel tempo avevo sentito nominare "linux", ma non avevo i concetti chiarissimi. Tuttavia ricordo bene che un giorno mi sono imbattuto in un video di compiz su youtube, e siccome probabilmente ero un bimbominkia - na, non avevo altro da fare - mi sono detto: hey, lo voglio provare.

    A quel tempo smanettavo su windows, mettevo mano anche al registro e incasinavo tutto il sistema, smanettone lo ero già, ma non avevo mai provato Gnu/linux. Il punto è che iniziai a cercare come si chiamasse quel programma e così scaricai Ubuntu 7.10, pur di installare quel cazzo di cubo, ero deciso a fare i salti mortali.

    Praticamente ho messo il cd senza sapere cosa fossero le partizioni, andavo a intuito. Quando mi si presentò la opzione che diceva che avrei dovuto formattare ho rinunciato e accantonato Ubuntu, lo usavo da Live. E nel frattempo scoprì che quel barbuto che avevo visto in un film che mi avevano linkato (OS revolution) era colui che si trovava alla base di ubuntu, scoprendo così che ubuntu era open source, la cosa mi stimolò di più, se devo essere sincero, solo per un cubo girevole non avrei fatto tanta fatica.

    Riassumendo, io ero spinto verso Gnu/Linux perché vedevo tutto ciò come un'oasi alle dinamiche di mercato, il sistema si distingueva da Windows o Mac, in cui ti trovavi target di una multinazionale.

    Tuttavia "la mia ambizione è ostacolata dalla pigrizia", come disse Bukowsky, e a meno che un cortocircuito al PC rovinasse il computer e bruciasse Mother, Ram e Processore, così da costringermi a cambiare/assemblare un pc nuovo e darmi la possibilità di approfittare dell'occasione e installare Ubuntu, non l'avrei fatto. A questo ci penso un fulmine, che bruciò il computer per me. Tuttora penso che quel fulmine l'avesse pagato Mark Shuttleworth, o in alternativa fosse stato ordinato dallo shamano Stallman.

    Insomma mi accingo a installare Ubuntu, non sapevo cosa fossero le partizioni. Ma siccome volevo fare il cazzuto ho scelto di fare le cose manuali. Volevo lasciare spazio per windows nel caso non mi fosse piaciuto. Insomma, ti giuro sono stato più di mezz'ora bloccato perché la notifica mi diceva "you have to create a root "/" directory" e io non capivo che dovevo assegnare questo fottutissimo simbolo alla partizione «/», insomma quando ci sono arrivato ho mandato a fanculo chi non aveva chiarito quel punto, e mi sono dato del coglione da solo dopo essere stato bloccato un'altra mezz'ora perché ora mi chiedeva una «swap», e che cazzo è la swap??

    Installato avvio, va tutto bene, ma non c'erano i codec o cose varie. Sento un'amico per chat, che usava OpenSuse ai tempi di KDE 3.0 e mi dice: "ah è facile, apri il terminale" - "il cosa??"
    Ecco, riassunto del mio inizio, non sapevo manco fosse un terminale. Poi sul forum - a quel tempo era molto attivo, o forse ero io molto attivo - e con guide varie, imparai ad usare "sudo".

    Beh ho usato Ubuntu per 2 anni circa, e poi un bel giorno spinto dalla curiosità provai Arch. In realtà iniziavo a trovare un po' di problemi con Ubuntu, tecnici, e personalmente non mi era mai andata giù la questione "questo non è una democrazia", anche se davo pienamente ragione a Shuttleworth la cosa non mi quadrava, pensa a quel tempo non facevano ubuntu one per windows se no =P. Comunque, ero verso la ricerca della distro perduta, e scoprì Archlinux e il meraviglioso sistema di AUR, la distro che ti monti da solo, all'inizio ho fatto fatica per imparare ma tanta soddisfazione, penso che non tornerò indietro

    RispondiElimina
  15. Dopo molto tempo dal primo invito, eccomi qui a raccontare la mia piccola avventura col Pinguino..

    Linux mi incuriosiva fin da piccolo, quando trovai in una rivista un CD con una vecchia versione di Mandrake (oggi Mandriva), non ricordo quale.. Da ignorante totale, presi e installai il tutto, ritrovandomi un sistema completamente ingestibile e in cui, sinceramente, non capivo un tubo!! I tempi dell'hardware riconosciuto tutto e subito erano lontanissimi!!

    Ci furono altri tentativi (piuttosto maldestri direi), fino a metà del 2006, quando scoprii Debian.. Fu amore a prima vista, in pochissimo tempo la partizione che ospitava Linux crebbe a dismisura, fino a diventare predominante rispetto a Windows. Iniziai a familiarizzare con Bash, con Synaptic, con i repository e con tutti gli strumenti messi a disposizione. Poi venne la volta dei software "insostituibili" che avevo su Windows (tutti perfettamente rimpiazzati da alternative open source)..

    Qualche tempo dopo, arrivò il passaggio ad Ubuntu, più che altro per motivi di tempo, nel senso che, essendo all'epoca studente, non avevo spesso il tempo di smanettare troppo per sistemare qualcosa che in Debian non andava come piaceva a me.. E scoprii che anche su Ubuntu c'era da smanettare un pochino..

    Da allora nacque anche il mio blog, che mantiene ancora oggi l'idea originale, ovvero un "quaderno" virtuale dove appunto tutto ciò che imparo e che potrebbe tornarmi utile in futuro (ovviamente oggi è stato tutto un tantino ampliato, in quanto non parlo più solo strettamente di Linux)..

    E ora? Ora mi ritrovo a sperimentare continuamente con Linux, da Ubuntu con Gnome-shell (per ora ancora non va come dico io), ad Arch, progetto che ritengo eccezionale e con potenzialità immense, fino, recentemente, ad Ubuntu Server (in attesa di provare direttamente Debian su un server)..

    E Windows?? Mentirei spudoratamente se dicessi che non lo uso più.. Ogni tanto un sano videogame ci vuole no?? ;)

    RispondiElimina
  16. Era il giorno prima della prima prova di maturità.

    Io e un mio amico (anche lui che il giorno dopo avrebbe dovuto avere la maturità) per trovare qualcosa da fare e non studiare abbiamo deciso di provare linux.

    Il motivo principale è che avevamo visto i video di Compiz e spaccava il culo di brutto agli effetti di Windows (allora XP)!! Quindi per me l'amore è stata una mera questione superficiale ed estetica.
    Poi è venuto il vero amore...

    E quindi installammo Ubuntu 7.04, e quando mia madre arrivò a casa e vide che non stavamo studiando si incazzò come una iena e mi fece un culo che ancora lo ricordo... :P

    ecco la mia storia! XD

    RispondiElimina
  17. Mi sono affacciato al mondo Linux con la versione 9.04 subito dopo la maturità. Sono rimasto deluso da Windows XP perchè ad ogni aggiornamento era sempre più lento. Poi ho dovuto portare il PC in assistenza per problemi di hardware e il tecnico mi chiese 60 euro per installare XP. A quel punto decisi di risparmiare quei soldi e installare Ubuntu 9.10.

    Mi sono trovato malissimo, Gnome non mi piaceva per niente. Così scaricai la distro di Xubuntu 9.04 e lì fui davvero contento. Poi ho aperto un blog in cui ho scritto tutti i miei successi ottenuti mentre scoprivo Linux. Da lì in poi ho usato Windows solo poche volte. Con la versione 11.04 ho avuto qualche problemino, e ora aspetto il rilascio di Xubuntu 11.10!!!

    RispondiElimina
  18. partito da windows xp sul mio vecchio desktop ho scoperto prima fedora poi opensuse. infine ubuntu 6.06. da quel momento ogni mia macchina va in dual boot: aspire one, notebook, altro desktop.. ultimamente preferisco windows per motivi ludici, ma anche sui vecchi macinni sembra andare meglio. il che mi preoccupa non poco, dato che ad un sistema ciuso preferirei usare sempre e solo software libero..

    RispondiElimina
  19. devo dire che avevo in mente di provare linux da un po di tempo, parlo del 2007! provai a scaricare ubuntu live e fedora ma il computer non mi faceva il boot, non so il perchè. allora desistii e restai sul mio saldo e funzionale xp professional. un giorno chattando con una ragazza notai che il mio pc andava a palla con la cpu senza alcun motivo, non riuscendo a sbloccare la cosa decisi per il riavvio. al riavvio non è piu partito xp.
    dopo i bestemmioni provai ad inserire il cd di ubuntu 7.04 ma niente da fare, non booota. inserii fedora e partì.
    installai la distro e dopo molti altri bestemmioni in tutte le lingue conosciute e non mi adattai al sistema e capii come funziona.
    dopo qualche tempo inserii ubuntu e fece il boot (stesso pc, tutto uguale) installai la prima 7.04 e seguii con aore tutte le altre fino ad oggi la 10.04.
    nel corso dei 5 anni provai sia gnome che kde e mi innanorai della seconda per la grafica, ma sono dovuto tornare a gnome per problemi audio che non sono risolvibili su kde, ma la prossima macchina che prendo spero di poterli risolvere.

    ah, volete sapere di xp? non mi ricordo piu che fine abbia fatto!

    RispondiElimina
  20. mi sveglio una mattina, vado ad accendere il vecchio fisso e "boom" esploso il condensatore.... arrivato a fine ciclo di vita, decido di comprare un portatile... costretto a prenderlo con vista (e chissà se questa non è stata la mia salvezza) lo trovo abbastanza veloce, ma con opportuni limiti di windows. Ad una mia lamentela di vista, un amico informatico, nel febbraio 2009 mi apre una finestra nel mondo linux, facendomi conoscere il sito di ubuntu... da lì in breve tempo ho cambiato uso e studio dei pc, sono felice da 3 anni, con desiderio di passare ad altro, magari un fedora o perchè no archlinux :)

    RispondiElimina
  21. Non posso proprio negare di essere stato un Windows fanboy ma, in realtà, le mie radici sono ben diverse e parlanodi Amiga 500, Commodore 16 e altra roba pionieristica nell'ambito dell'home computing. Nel periodo compreso fra il mio primo contatto con Windows 95 e Windows Vista ho sempre guardato Linux come un mondo "strano", assolutamente inadeguato per chi volesse solo accendere un computer ed usarlo: troppa roba da compilare a mano, troppe periferiche che non andavano e il parco software eccessivamente limitato rispetto a Windows.
    Ho iniziato a cambiare il mio punto di vista con l'uso di OpenOffice, Firefox, Thunderbird, Chrome, Libreoffice, PHP, MySql, Apache... Tutti questi hanno contribuito a farmi scoprire il mondo dell'open source.
    Sebbene preferissi Windows, ciò non significa che mi sia trattenuto dal provarlo. La mia prima distribuzione Linux in assoluto è stata una Mandrake (sì, proprio quella, prima che venisse rinominata Mandriva) e riuscì a strapparmi un primo giudizio favorevole perché per la prima volta ho visto Linux fare un passo avanti vero quella massa di utenti Windows che non volevano (e non vogliono) saperne di addentrarsi in operazioni avanzate.
    Nonostante tutto, però, lo scarno parco software mi indusse a rimuovere Linux per recuperare spazio su disco.
    Ho tenuto d'occhio Linux costantemente e più d'una volta mi sono ritrovato ad installare Fedora, Ubuntu e simili.
    La svolta quasi definitiva è dovuta all'acquisto di un Samsung Galaxy S e dell'ingresso nel mondo Android. Riaccesosi l'interesse per Linux e l'open source, ho scoperto che le ultime distribuzioni sono semplicemente sensazionali. Così adesso sul netbook uso Fedora 17 XFCE quotidianamente :)

    RispondiElimina
  22. 10110010010011011110001101011100011010000111110010010100101011111100100100100111001001000100110010010010010010010001110010011010111001100011001100100100100100010000101111110001010001000010000101111001010010001000100011111100101010111000110010010001001001111101001101010101010101000101100010101001001100010001111110010100110101101001011001010010001110010011110

    RispondiElimina
  23. la mia esperienza deriva dal fatto che dopo innumerovoli volte che sia per lavoro che per hobby riparavo computer guasti sia miei che di altri, per me ho deciso di provare e passare a linux. Era la volta che provai ubuntu 9.04, ero rinato, tutto funzionava bene senza crash, blocchi o strane schermate blu. da li mi decusi a studiare un bel libbro epr sapere tutto li gnu/linux e passai a fedora che la trovo stupenda ovviamente su kde che trovo un desktop fenomenale e performante. W Linux

    RispondiElimina
  24. Era il 2008, il mio pc del 2003 aveva Windows XP Home Edition, e stava diventando particolarmente lento. Avevo bisogno di un sistema operativo leggero, che mi permettesse però di fare tutto quello di cui avevo bisogno (internet, posta, office, messaggistica, ecc) e che mi allontanasse un po' dai giochi (una scusa per concentrarmi al meglio sullo studio). Ed ecco che un mio amico fanboy Apple (e poi un altro amico, anche lui Apple-iano) mi consigliano Ubuntu: una parola che non mi diceva assolutamente nulla, anche dal sito non capivo di cosa si trattava, per me esisteva solo Windows, Mac l'avevo visto 2 volte e Linux per me era solo una parola. Mi sono documentato meglio e alla fine ho deciso di fare il passo, installando (via CD, ancora non sapevo della possibilità di Live USB) Ubuntu 8.04 Hardy Heron (mi ricordo tutto ancora come se fosse ieri). Ho preso subito familiarità, e non ho voluto più tornare indietro... Da lì poi sono passato a provare Xubuntu e Kubuntu, ad addentrarmi nel mondo linux, a scoprire mille altre distro (provabili tra l'altro nel giro di 10 minuti), a provarle, a smanettare. Ora mi reputo un utente linux a tutti gli effetti, che è disposto a smanettare via terminale per risolvere eventuali problemi o per semplicemente eseguire dei comandi privi di GUI. E mi piace seguire il mondo linux e tutte le news riguardo ad esso!
    Non cambierei mai questa cosa, ormai non torno più indietro!

    RispondiElimina
  25. Tonymercurio.

    salve mi chiamo Antonio, vivo in provincia di Benevento. Fino al 1999 usavo il solito Windows. Ad un certo punto leggendo su una rivista che esisteva un sistema libero provai Mandriva, ma i tempi del cambiamento non erano ancora arrivati. Iniziai a scrivere tutorial sui software windows sui software windows free ed ebbi un primo approccio al mondo opensource con il cms xoops. Decisi di passare a Linux Ubuntu e non mi sono più fermato. Oggi scrivo tutorial su ubuntu e l'opensource e mi trovate su www.tonyfree.it e su www.youtube.com/user/tonyubuntu.

    RispondiElimina
  26. Ho un innata ritrosia per tutto ciò che ci viene imposto e non appena seppi che esisteva un sistema libero non ci volle molto per provarci. Erano i tempi di Mandrake ma fu un disastro. Pc kaput e nulla funzionava. Abbandonai tutto amaramente.Dopo molti anni lessi su Famiglia Cristiana che esisteva una nuova versione di Linux molto più semplice delle precedenti e molto più facile reperirla rispetto Mandrake. Si chiamava Ubuntu. La provai. Un altro disastro ma l'impressione fu ottima. Stavolta non mi dai per vinto e continuai. Mi informai e arrivai a conoscere Kubuntu. Era la versione che cercavo.. che mi piaceva .... che valeva la pena studiare. A dire il vero era molto più facile in internet trovare informazioni e aiuti. La semplicità di trovare informazioni è notevolmente migliorata da allora ad oggi. Agli inizi non fu tutto facile... anzi... i problemi arrivarono in continuazione e ancora continuano. Colpa anche di un pc, HP, che, per quanto ne ho capito, è il peggiore pc da usare con Linux.
    Problemi che non sono cosa da poco, a volte. La scheda grafica... per esempio.. mi fa penare le pene dell'inferno con una visione... non ottimale. Per questo, e altro, son costretto ancora rimanere attaccato a W :-(. Si nota, quindi, che non sono proprio un entusiasta di Linux seppur un convinto assertore. Forse per questo non demordo anche se avrei parecchi motivi per farlo.
    La scheda grafica.. per esempio.. ma ne voglio elencare alcuni ke a mio avviso sono molto gravi. Opinione personale.. ovviamente.
    Per esempio trovo demotivante che ad aggiornamenti di versione non corrispondano sempre miglioramenti sul pc. A volte peggiora tutto e molte cose non funzionano. Uno e FF che da parecchi problemi in questo senso. Un altro è il continuo cambiare nome all'applicativo che fa una determinata cosa. Sarà anche un punto di forza di Linux ma a volte si perde la pazienza. Sul più bello che usi un applicativo e tutto ti funziona. Poi improvvisamente non funziona più nulla... grrrrr....
    I lug. Mi sono appoggiato per problemi. Gli ho trovati chiusi. Certo loro sono esperti. Io un fai da te.. che per motivi di tempo non si può informare e si deve buttare. Ai Lug.. questo non piace e da molto fastidio. A noi profani.. invece... da molto fastidio questo loro atteggiamento.
    L'utente finale, cioè io, che vorrebbe usare il pc per cavolate e cose di lavoro... vorrebbe un pc che funzioni sempre e che non lo faccia impazzire perché non riesce ad aprire un file pdf e non capisce come si chiama l'applicativo da usare... ma vorrebbe anche un sistema che abbia una grafica accattivante e "figa".. che si dica o no.. ciò piace all'utente finale... ma non sembra molto ai linuxiani.
    Allora tutto è negativo ^_^ no. Assolutamente no. Se si ha pazienza e voglia di impegnarsi... vale proprio la pena. Quando capisci su che nuovo mondo stai entrando e le meraviglie che ti si aprono... hai voglia di superare i problemi... ed essere parte attiva.
    A tutti i nuovi arrivati. Non demordete. Provateci.. che ne vale la pena.

    RispondiElimina
  27. Grazie per aver condiviso le vostre esperienze :)

    RispondiElimina
  28. Era la fine del 2007, netbook con Windows installato che si sputtanò per non so quale motivo, girando in rete ho letto di fixare il problema via live e h iniziato ad usare Ubuntu, nel 2008 ho installato Ubuntu 8.04 come OS predefinito in dual con Windows: dopo un annetto il passaggio definitivo e piano piano ho provato un po' tutte le distro in circolazione dalla Slack alla Debian (quest'ultima è stata uno dei miei ultimi amori) fino a quando non ho fatto il passaggio ad ArchLinux che è l'unico OS utilizzato a casa mia. Ci faccio tutto, in particolare programmazione: Arch è la distro in assoluto che preferisco :)

    RispondiElimina
  29. Era il lontano 1998, mi ero fatta qualche nemico su IRC, avevo un 56k e... mi smurfavano, sono riusciti a tirarmi sottosopra il modem :P Oddio che vergogna! Qualcuno mi disse che per fregare a mia volta cretini del genere dovevo stare avanti, e che dovevo usare un certo Linux...

    Un caro amico mi portò un CD di Red Hat, ebbi non pochi problemi (e formattai il disco senza volerlo), ma era instabile e si bloccava... quindi mi feci portare "qualche altro linux", era Slackware... ci ho distrutto letteralmente un monitor per farci girare X... ma non faceva niente, avevo scoperto cosa era X... e di lì si è aperto un mondo :)

    Per tutto il periodo delle scuole superiori ho sperimentato e provato tutte le distribuzioni madre (RH, Slack, Gentoo e Debian), poi sono tornata a Slackware, ed ora faccio jolly... sul serverino a casa ho Ubuntu, e sul portatile ho Crux e Gentoo :)

    RispondiElimina
  30. Se non ricordo male era il 2003 quando sentii parlare di Linux, che per me allora aveva il nome evocativo di Mandrake. Forse perché a quel nome erano legati i ricordi affettivi dei miei primi eroi a fumetti decisi di provarlo, in quanto, si scriveva, era molto “user friendly”. Acquistai (e già…) allora i CD per installarlo con i relativi manuali d’uso. Aimè, di magie ne vidi ben poche. Ignorava il riconoscimento del mio modem 56k (altri tempi!), e nemmeno con la mia stampante InkJet HP se la filava tanto. Caratterialmente incompatibili. Col modem riuscii dopo varie prove a farlo andare, ma la stampante proprio no. Certo, mi bastava l’allora desktop KDE ma la cosa non era abbastanza consolatoria. Il forum degli adepti di questo sistema era principalmente in inglese, ma con interventi degli utilizzatori numericamente al di sotto di quelli attuali che vedo in giro.
    Da quello che so Mandrivia (ex Mandrake) aveva poi chiuso i battenti, anche se stanno cercando di recuperarla in qualche modo. Come con i primi amori non la scorderò, ma non ne avrò grandi rimpianti.
    Attualmente uso Ubuntu 12.04. Con qualche problema sul mio precedente PC equipaggiato Amd 2000 con 1Gb Ram (credo che Ubuntu si vergognasse di funzionare), ho dovuto acquistare un i5 intel meglio equipaggiato e dedicato solo a lui. Noto che Ubuntu balla meglio.

    A proposito, siamo vicino alla fine dell'anno, quindi BUON ANNO NUOVO al curatore del sito e ai suoi frequentatori!

    RispondiElimina
  31. Avevo 8 anni e la prima volta che ho usato Linux è stato da mio cugino. Lo stava installando sul suo pc per la prima volta... La prima distribuzione era GNU Mandrake Linux! Una distribuzione che aveva 3 CD... Da lì ho incominciato ad utilizzare Linux frequentemente... Provavo varie distro: "Debian, Mandrake, OpenSUSE, Ubuntu, Fedora, ecc."

    RispondiElimina

Licenza
Licenza Creative Commons

Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001

Disclaimer immagini

Le immagini utilizzate in questo blog appartengono ai loro rispettivi autori e sono utilizzati per scopi educativi, personali e senza scopo di lucro. Ogni eventuale violazione del copyright non è intenzionale, ma se si riconosce un'immagine protetta da copyright, fatemelo sapere qui, e sarò lieto di aggiungere i credits o modificarla o rimuoverla.

Disclaimer images

Images used on this blog belong to their respective authors and are used for educational, personal and no profit purposes. Any eventual copyright infringement is not intentional, but if you recognize a copyrighted image, please let me know here, and I'll happily provide to add the right credits or modify or remove it.