25 agosto 2010

La Apple vuole brevettare una tecnologia per spiare gli utenti



Questa mattina mentre leggevo i tweet mi è capitato sotto mano un messaggio a dir poco inquietante. La Apple sta preparando un brevetto su di una tecnologia che gli consentirà da remoto di spiare i propri clienti. La fonte della notizia è la EFF (Electronic Frontier Foundation) quindi un organismo autorevole.
In estrema sintesi (leggetevi comunque l'articolo completo) questa nuova tecnologia che Apple intende brevettare consentirà di spiare l'utente e raccogliere dati da esso
Il sistema può scattare una foto del volto dell'utente senza usare il flash o emettere qualsiasi rumore che possa far capire all'utente dello scatto

Può registrare la voce dell'utente sia di chiamate che non.

Il sistema in grado di determinare il battito cardiaco dell'utente in modo da identificarlo univocamente.

Per determinare se il dispositivo è stato hackerato, il dispositivo può monitorare l'uso della memoria e individuare picchi anomali di consumo.

Può monitorare e registrare i pacchetti dati scambiati dal dispositivo durante la navigazione internet.

Il dispositivo può scattare una fotografia del luogo circostante per determinare dove viene utilizzato.
Altro che grande fratello!

10 commenti:

  1. Alla faccia dell'organismo autorevole, informati bene, l'articolo che hai letto sembra più che altro FUD -.-

    Il sistema che vogliono brevettare dovrebbe raccogliere questi dati, ma solo per capire automaticamente se il telefono è stato rubato o se è jailbroken.
    Ovviamente i dati non possono essere inviati ad Apple, sarebbe una palese violazione della privacy (e illegale).
    Inoltre le grandi società brevettano molte idee, senza però poi implementarle veramente.

    Ti lascio un link alla stessa notizia data da un sito web più affidabile ;)
    http://www.hwupgrade.it/news/apple/apple-un-brevetto-per-limitare-l-uso-non-autorizzato-di-ipad-e-iphone_33498.html

    RispondiElimina
  2. A dire il vero la EFF è una organizzazione internazionale no profit che opera dal 1990

    http://it.wikipedia.org/wiki/Electronic_Frontier_Foundation

    Non sono di certo gli ultimi arrivati :)
    I dati vengono inviati alla Apple e la Apple può agire di conseguenza.
    L'articolo non fa altro che elencare quello che tale brevetto vuole monitorare.
    Anche nell'articolo da te citato viene detto:
    "Sebbene il brevetto paia indirizzato all'inclusione di misure di sicurezza volte ad impedire l'utilizzo del dispositivo elettronico nel caso in cui questo venga rubato o smarrito, non può passare inosservato il fatto che all'interno del brevetto è previsto esplicitamente anche il caso dei dispositivi soggetti a jailbreak. Sarà inoltre opportuno considerare se l'accesso ad informazioni quali fotografia, registrazione vocale e coordinate geografiche possano rappresentare una violazione della privacy dell'utente."

    Preferisco perdere il cellulare e non sapere che il mio apparecchio possa monitorare costantemente quello che faccio.
    Questa mossa mi sembra studiata a tavolino per contrastare l'ultima sentenza che negli USA ha riconosciuto legale il jailbreak del proprio dispositivo

    http://www.iphoneitalia.com/governo-statunitense-il-jailbreak-e-lunlock-sono-ufficialmente-procedure-legali-132827.html

    Circa la brevettibilità se sai come funziona il sistema dei brevetti negli USA sai bene che è possibile brevettare praticamente qualsiasi cosa :)

    RispondiElimina
  3. Dove hai letto che i dati vengono inviati ad Apple? :O
    Sarebbe veramente violazione della privacy...

    Riguardo la storia del jailbreak, è possibile. Però è anche vero che quando acquisti un prodotto sai che il jailbreak invalida la garanzia.
    Sarebbe come criticare Microsoft per il wga, no?

    Potremmo ovviamente discutere sulle limitazioni che sono imposte di base ai dispositivi, ma è un altro discorso.

    RispondiElimina
  4. In qualche modo dovranno transitare sui server di Apple o ci passano per magia? Da qualche parte andranno questi dati altrimenti il servizio non potrebbe funzionare. La domanda sull'uso e la gestione di questi dati è palese e come ricordato prima è stata citata anche dall'articolo di harware upgrade "Sarà inoltre opportuno considerare se l'accesso ad informazioni quali fotografia, registrazione vocale e coordinate geografiche possano rappresentare una violazione della privacy dell'utente."

    Qui si parla di chiarezza circa i dati e di tecnologie che invadono per un fine di sicurezza la vita degli utenti :)

    Riguardo al jailbreak la sentenza USA parla chiaro e spero che anche altri stati si adeguino. Il telefono lo compro, quel che ci faccio sopra è affar mio. Non puoi negare l'assistenza hw se effettuo una modifica software che mi consente di installare quello che voglio io :)
    Il wga della Microsoft è legittimissimo, io ti vendo un software, tu lo copi illegalmente e io prendo le ovvie misure per evitare che tu possa usufruire a sbafo del sistema.

    Ma sei un utente apple? :P

    RispondiElimina
  5. E poi ti ricordo che qualsiasi servizio web conserva parte dei dati al fine di "migliorare" il servizio. La violazione non c'è nel momento che accetti il trattamento dei dati personali. Te lo fan firmare anche quando fai la tessera punti al supermercato :D
    Secondo te c'è violazione anche in questo caso?

    RispondiElimina
  6. Aggiungo un articolo a riguardo
    http://apple.hdblog.it/2010/08/25/utenti-iphone-e-ipad-attenziona-al-jailbreak-apple-potrebbe-intevenire/

    RispondiElimina
  7. Se veramente i dati passano per i server Apple, allora sarei d'accordo con te, e penso (spero!) che nessuno permetta mai ciò.
    Però penso che il dispositivo potrebbe essere in grado di analizzare l'ambiente intorno a sé, per capire se è cambiato. In quel caso potrebbe appunto avvertire l'utente con email o altri mezzi. In questa ottica potrebbe essere una cosa utile (anche se la vedo difficile da implementare).

    Riguardo il jailbreak (ma qui andiamo OT), non sono d'accordo. Loro hanno un motivo per limitare quello che puoi fare con il terminale: garantire un'affidabilità migliore.

    Un market aperto a tutto, la possibilità di fare qualsiasi cosa, porta inevitabilmente a problemi di compatibilità, incongruenza, sicurezza e prestazioni (non sei d'accordo?).
    Secondo te all'utente "medio" importa di più installare il client ssh, oppure avere un telefono che funziona bene?

    Loro ti garantiscono che tutto funziona, ma se fai il jailbreak non possono continuare a garantire ciò.
    Se con il telefono ci vuoi smanettare, ci sono altre alternative.

    Per l'ultima domanda, non sono utente Apple (ci sono tante altre persone che hanno bisogno di soldi prima di jobs), ma mi piacciono la loro filosofia e i loro prodotti.

    RispondiElimina
  8. @Damage92
    > Riguardo il jailbreak [...]
    > Loro hanno un motivo per limitare
    > quello che puoi fare con il terminale

    Se acquisto 600/800 € di cellulare lo decido io cosa farci (invalido la garanzia, OK).

    La cosa grave è che potenzialmente c'è il rischio che blocchino un iPhone da remoto solo perchè jailbroken, secondo te è giusto?

    Se compri un auto e ad esempio cambi la leva del cambio o il motore per fare il figo e la casa automobilistica ti blocca l'auto perchè "non è ammesso" a te sta bene?

    RispondiElimina
  9. L'ultimo articolo che hai linkato spiega che il brevetto sarebbe studiato per bloccare tutti i dispositivi jailbroken, senza però specificare che il jailbreak sarebbe visto come sintomo di un furto.
    Un articolo oggettivo -.-

    Comunque sono sempre più d'accordo sul fatto che il fine di questo brevetto potrebbe essere proprio quello di rendere difficile la vita a chi ha fatto il jailbreak.
    Ma quale è la percentuale di dispositivi che vengono sbloccati?

    RispondiElimina
  10. @Aldo

    Se accetti di invalidare la garanzia, allora sono d'accordo, puoi farci quello che vuoi, qualsiasi prezzo hai pagato! Anche se secondo me sarebbe stupido, dato che una buona parte del prezzo è dato dal software.

    Sul fatto che bloccano il telefono, non sarebbe giusto. Però se il jailbreak è legale, loro non possono impedirti di eseguirlo. Sarebbe stupido da parte loro cercare una scusa per bloccarti, sarebbe palese.

    La modifica software può significare che qualcuno sta cercando di accedere ad un dispositivo che ha rubato. Per cui non è certo che il fine ultimo sia quello di impedire il jailbreak.

    RispondiElimina

Licenza
Licenza Creative Commons

Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001

Disclaimer immagini

Le immagini utilizzate in questo blog appartengono ai loro rispettivi autori e sono utilizzati per scopi educativi, personali e senza scopo di lucro. Ogni eventuale violazione del copyright non è intenzionale, ma se si riconosce un'immagine protetta da copyright, fatemelo sapere qui, e sarò lieto di aggiungere i credits o modificarla o rimuoverla.

Disclaimer images

Images used on this blog belong to their respective authors and are used for educational, personal and no profit purposes. Any eventual copyright infringement is not intentional, but if you recognize a copyrighted image, please let me know here, and I'll happily provide to add the right credits or modify or remove it.