Video: Fork e derivate, un male o un valore aggiunto di Linux?



Questo post, con relativo video, va ad aggiungere un ulteriore aspetto al mio vecchio post Diffusione di GNU/Linux: di chi è la colpa?, un aspetto che in prima battuta non era stato considerato nella giusta importanza (avevo parlato solamente di Frammentazione lato distro) ovvero l'argomento Fork e derivate.

Fork

Di fork ne esistono di tutti i tipi, si forkano player musicali, un esempio è Clementine che altri non è che il fork di Amarok 1.4 nato a seguito delle novità introdotte in Amarok 2,  si forkano suite di produttività come nel caso di Libreoffice che è un fork di OpenOffice.org.
Si arriva perfino a forkare interi desktop come nel caso di MATE, il fork di GNOME 2 nato in seno alla comunità Archlinux (e poi adottato da Linux Mint) oppure a forkare parti di desktop come nel caso di Cinnamon che altro non è che fork di  GNOME Shell. Altro fork di intero desktop meno famoso ma che va comunque ricordato è Trinity, il fork di KDE 3.5 (fork che però non ha avuto un grande successo).

Non tutti i fork nascono però da esigenze reali e vantaggiose ma spesso vengono portati avanti (a mio modo di vedere) per futili motivi. Un esempio è il caso di MATE i cui sviluppatori potrebbero dare una mano allo sviluppo di Xfce che fra i DE che godono di buona fama e salute è quello che più si avvicina al paradigma di desktop del caro e vecchio GNOME 2.

Derivate

Delle derivate si potrebbe invece parlare per ore. La più nota è senza ombra di dubbio è Ubuntu che è non è altro che una derivata di Debian. A sua volta da Ubuntu sono nate una serie infinita di derivate più o meno famose, due su tutte Linux Mint e eOS. La prima in particolare era, in passato, una Ubuntu riempita di programmi e il suo sviluppo è stato a lungo di dubbia utilità. Ora le cose sono in parte cambiante dopo l'arrivo di Cinnamon (che è nato in seno a Linux Mint) anche se, per chi ha provato Linux Mint 13 e Linux Mint 14 l'unico valore aggiunto resta Cinnamon che però è facilemente installabile anche su Ubuntu e godere dunque della stessa esperienza utente. Se fossimo nel mondo Android potremmo paragonare Cinnamon ad un launcher alternativo.
Insomma, spesso e volentieri le derivate si trasformano in versioni delle distro madri a cui è stato cambiato un tema o aggiunto qualche programma e non vere distro di cui se ne sentiva il reale bisogno.

Conclusioni

Si tratta dunque in entrambi i casi (sia per i fork che per le derivate) di lavoro spesso inutile (ci sono alcune eccezioni come Clementine) e di energie che potrebbero essere impiegate diversamente, magari per arricchire gli stessi programmi di origine o le distro madri.

Alcuni però potrebbero non pensarla così, ci sono molti che sostengono infatti che questo è il vero valore aggiunto di Linux, perché ad esempio una idea scartata inizialmente potrebbe essere la scelta migliore se diversamente implementata.

E voi cosa ne pensate? Fork e derivate sono il male di Linux o sono un valore aggiunto? A voi la parola.

Questi post potrebbero interessarti

disqus

Licenza

Licenza Creative Commons
Quest'opera è distribuita con Licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 4.0 Internazionale. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001.

Disclaimer immagini Le immagini utilizzate in questo blog appartengono ai loro rispettivi autori e sono utilizzati per scopi educativi, personali e senza scopo di lucro. Ogni eventuale violazione del copyright non è intenzionale, ma se si riconosce un'immagine protetta da copyright, fatemelo sapere qui, e sarò lieto di aggiungere i credits o modificarla o rimuoverla.

Disclaimer images Images used on this blog belong to their respective authors and are used for educational, personal and no profit purposes. Any eventual copyright infringement is not intentional, but if you recognize a copyrighted image, please let me know here, and I'll happily provide to add the right credits or modify or remove it.