10 febbraio 2016

OpenShift di Red Hat si aggiudica per il secondo anno consecutivo il premio InfoWorld Technology of the Year


OpenShift di Red Hat si aggiudica per il secondo anno consecutivo il premio InfoWorld Technology of the Year

La piattaforma applicativa container di Red Hat è stata riconosciuta tra i migliori strumenti e tecnologie dell’anno per il suo ampio assortimento di database, linguaggi e stack applicativi


Milano, 10 febbraio 2016 – Red Hat, Inc. (NYSE: RHT), leader mondiale di soluzioni open source, ha annunciato che OpenShift, la sua offerta di piattaforma applicativa per il cloud, ha ricevuto per il secondo anno consecutivo l’Infoworld Technology of the Year award. Questo premio annuale riconosce i prodotti migliori e più innovativi nel panorama IT, selezionati dai redattori dell’InfoWorld Test Center di IDG. I vincitori vengono scelti tra i prodotti testati da InfoWorld nel corso dell’anno. Per la seconda volta consecutiva, OpenShift è l’unica offerta di piattaforma applicativa cloud ad aggiudicarsi questo premio.


Nel 2015, OpenShift ha registrato importanti successi, con l’introduzione di OpenShift Enterprise 3, la prima piattaforma applicativa container web-scale di taglio enterprise, che unisce le funzionalità avanzate di container Linux in formato Docker, orchestrazione Kubernetes e Red Hat Enterprise Linux 7. Sono numerose e rilevanti le realtà aziendali di tutto il mondo che si avvalgono di OpenShift per costruire cloud interni, alimentare applicazioni on-line di tutte le dimensioni, e migliorare l’efficienza delle loro operazioni, tra cui l’e-commerce alimentare svizzero LeShop, l’agenzia statunitense di valutazione del credito FICO e l’istituzione finanziaria norvegese VPS. Anche Amadeus, provider tecnologico globale del mondo travel, ha costruito una piattaforma cloud self-service automatizzata grazie a OpenShift Enterprise. 


Nei primi mesi del 2015, Red Hat ha presentato la community OpenShift Commons, ampliando la solida comunità open source di OpenShift verso un più ampio network di community tecnologiche, organizzazioni e partner di ecosistema, tutti focalizzati sul modello open source e sull’innovazione delle piattaforme applicative. Già nel mese di giugno, OpenShift Commons aveva triplicato la sua base di iscritti che ora accoglie più di 170 tra clienti, collaboratori, partner e fornitori di servizi. Lo scorso dicembre, Red Hat ha ampliato la proprie presenza nel cloud pubblico con il lancio di OpenShift Dedicated, pensato appositamente per le realtà IT enterprise che scelgono il cloud pubblico. Poco dopo la sua presentazione, la piattaforma OpenShift Dedicated ha esteso il suo accesso cloud pubblico a Google Cloud Platform, offrendo ai clienti migliore supporto per gli investimenti già effettuati su Kubernetes e OpenShift, oltre ai robusti servizi offerti da Google Cloud Platform.


“Siamo davvero entusiasti di essere stati riconosciuti prodotto dell’anno da parte di InfoWorld per il secondo anno consecutivo. Le integrazioni che abbiamo portato alla piattaforma OpenShift da quando è entrata nella nostra offerta nel 2015, hanno permesso alle aziende clienti di potenziare ulteriormente le loro implementazioni, con accesso ad alcune delle più recenti tecnologie di container e orchestrazione. Non vediamo l’ora di vedere come i nostri clienti trarranno vantaggio dalle nuove offerte di accesso al cloud pubblico di OpenShift”, ha dichiarato Ashesh Badani, vice president e general manager OpenShift di Red Hat

Nessun commento:

Posta un commento

Licenza
Licenza Creative Commons

Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001

Disclaimer immagini

Le immagini utilizzate in questo blog appartengono ai loro rispettivi autori e sono utilizzati per scopi educativi, personali e senza scopo di lucro. Ogni eventuale violazione del copyright non è intenzionale, ma se si riconosce un'immagine protetta da copyright, fatemelo sapere qui, e sarò lieto di aggiungere i credits o modificarla o rimuoverla.

Disclaimer images

Images used on this blog belong to their respective authors and are used for educational, personal and no profit purposes. Any eventual copyright infringement is not intentional, but if you recognize a copyrighted image, please let me know here, and I'll happily provide to add the right credits or modify or remove it.