28 maggio 2015

Rilasciato LibreOffice Viewer per Android



Dopo una lunga fase beta arriva finalmente fra noi la versione finale di LibreOffice Viewer per Android, il visualizzatore ufficiale di documenti targato LibreOffice.
LibreOffice Viewer supporta diversi formati dei file:
  • Open Document Format (odt, ods e odp);
  • Microsoft Office 2007/2010/2013 (docx, xlsx e pptx);
  • Microsoft Office 97/2000/XP/2003 (doc, xls e ppt).
LibreOffice Viewer offre anche un'anteprima "limitata" delle funzionalità di editing dei documenti, che viene considerata sperimentale e quindi non è ancora abbastanza stabile e adatta all'uso di tutti i giorni.
Le limitate funzionalità di editing di LibreOffice Viewer riguardano la modifica delle parole nei paragrafi già esistenti e degli stili delle font come il grassetto e il corsivo. Queste funzioni di editing verranno migliorate in futuro, con l'aiuto della comunità degli sviluppatori.
Per attivarle basterà andare su Settings e mettere il segno di spunta su Experimental Mode. In questo modo apparirà una barra superiore per attivare il grassetto e cose simili.

La schermata delle impostazioni dove potete attivare l'editing dei file

L'inserimento del testo in questa modalità è abbastanza lento con un delay fra la pressione dei tasti e l'apparizione del testo a video ma, come detto su, quella dell'editing è una funzionalità sperimentale.



Dopo averla provata la cosa che salta subito all'occhio sono gli elevati tempi di caricamento dei file (ho usato come device un Google Nexus 4) nonché qualche lag nel rendering quando ci si sposta nel documento.



Potete scaricare LibreOffice Viewer per Android su Google Play recandovi all'indirizzo https://play.google.com/store/apps/details?id=org.documentfoundation.libreoffice  una volta installata l'applicazione occuperà circa 140 MB 

26 commenti:

  1. Capisco che la situazione attuale sia triste e magra... ma il mio è un discorso che parte dal sistema e dalla considerazione che dovrebbe, a mio avviso, avere lo stato sull'insegnamento dell'informatica... che è molto più complesso del mero utilizzo di word....


    Quando parlo di competenze e istruzione intendo l'insegnamento dei principi dell'informatica dalle basi e soprattutto dall'età dell'adolescenza..... non come funziona un word processor... perchè ormai usare tecnologia oggi equivale a saper leggere e scrivere...
    Ovvio che la situazione odierna sia penosa ma il mio era un desiderio personale e una speranza più che qualcosa di reale e tangibile... servirebbero più investimenti, tempo e strutture.... questo lo capisco bene
    Nessuno ti chiede di installare 4 aule con os diversi.... anzi, quello che intendo io è proprio l'opposto.... ho scritto che bisogna informare i ragazzi su tutte le possibilità in modo che nel privato possano avere un quadro più ampio e completo e prendere scelte più consapevoli.....non ho mai pensato di insegnare ogni os di questo mondo.... il sistema che si usa per insegnare e spiegare a mio parere resta il problema minore....


    Poi permettimi ma forse non ci siamo capiti..... la mia frase sul "salva come" era rivolta al discorso sui formati standard relativo ai documenti pubblici.... non c'entrava nulla con le scuole... tu l'hai presa e piazzata nel tuo contesto ma non era rivolta al prof informatico ma al dipendente di un qualunque ufficio pubblico che purtroppo spesso e volentieri è completamente ignorante a livello informatico pur dovendo usare strumenti informatici.... e lo è proprio per il fatto di non avere un vero bagaglio tecnico alle spalle e l'unica cosa che conosce sono quel paio di software che deve usare....


    La scuola che insegna solo come usare word francamente mi rattrista... nella mia scuola ideale si dovrebbe insegnare informatica a tutto tondo... non come si usa un software.... spero di essermi spiegato...

    RispondiElimina
  2. Raffaele Trocciola28 maggio 2015 22:41

    Ma sicuramente ci sono stati degli equivoci e certe mie battute sono da catalogare come semplici provocazioni

    RispondiElimina
  3. > Senza contare che palesemente non conosci nemmeno da dove arriva il
    software open e cosa realmente implica l'utilizzo delle varie
    licenze....

    Spiegami come fai ad affermare questo. E ci sono milioni di post su internet che confermano quanto dico, devo farti io la ricerca su google e postarti tutti i link, o ce la fai da solo?
    Mi sono abbondantemente rotto delle tue continue offese infondate. Dici pure di essere su con gli anni ma dimostri una maturità da quindicenne.

    RispondiElimina
  4. Lo affermo perchè continui a sviare goffamente qualunque discorso tecnico ed economico nel merito ma dovendo rispondermi per smania del tuo orgoglio continui solo a criticarmi a livello personale... sono i tuoi post che lo dimostrano palesemente....
    "milioni di post confermano quello che dico".... hmm... cosa avresti detto tu? spiegami... l'unica cosa che continui a ripetere come un pappagallo isterico è che "lo stato dovrebbe usare software libero" senza argomentare nulla... premesso che ti ho già detto più di una volta che DIPENDE da situazioni e contesti diversi.. alcuni sono riusciti a farlo... altri non possono farlo....


    Mi diverto a leggerti... perchè continui a scrivere come un forsennato che io ti avrei offeso quando per tutta la giornata di ieri mi sono preso del saccente e, ciliegina sulla torta, adesso mi dai pure del 15enne.... spiegami, in quale frase ti avrei offeso? perchè ho scritto furbone?
    Fatti e facci una cortesia: smettila di postare... te ne prego...

    RispondiElimina
  5. Hai affermato in continuazione che non capisco niente, non sono offese queste? Io ho risposto alle tue offese marcandoti come saccente e questo l'hai dimostrato tu nelle risposte.
    Per quanto riguarda le mie argomentazioni non devi andare lontano per confermare la verità di quanto affermo. Basta leggere il post di Raffaele Trocciola qui sotto che ti ha massacrato. Di opinioni come la sua ne ho lette migliaia e pensavo ne fossi al corrente anche tu, evidentemente mi sbagliavo.

    RispondiElimina
  6. No... ho scritto che non conosci nulla di quello che commenti... che non significa essere stupidi ma ignoranti cioè non conoscere parecchie cose.... non sapere non è un'offesa a casa mia.. smettila di frignare come un bimbo....

    Se leggi bene tutto fino alla fine noterai che io e Trocciola parlavamo di cose diverse e che lui stesso tanto per gradire non solo ha capito ma mi ha pure ammesso di aver volutamente provocato..... proprio un massacro direi...lol!!! ma perchè devi peggiorare sempre di più?

    Fatti e facci una cortesia significa smetterla di postare per orgoglio quando si è ignoranti sull'argomento in questione.... che è quello che ti ripeto disperatamente da 1 giorno.... ci riusciamo questa volta oppure andiamo avanti per tutto il week end? dai, non ci vuole tanto:)

    RispondiElimina
  7. Continui a darmi dell'ignorante, sei tu che devi smetterla altrimenti chiederò a Marco di bannarti. Anche perché non riesci manco a capire il concetto semplicissimo espresso da Raffaele:
    1. paghi word, non paghi la formazione perché la gente conosce word;
    2. non paghi libre-office, paghi la formazione ... ok, puoi non pagare la
    formazione, allora la paghi in termini di produttività;
    3.
    Se lo studente è formato su libre-office e lo studente entra poi nella
    pubblica amministrazione allora la pubblica amministrazione non paga
    libre-office e non paga la formazione.

    RispondiElimina
  8. Ok hai ragione... adesso puoi andare dalla mamma a chiedere di bannare il cattivone.
    Ignorante NON è un'offesa. impara l'italiano se vuoi comunicare con altri italiani.

    RispondiElimina
  9. Vincenzo Salmena29 maggio 2015 12:20

    Ignorante non é un insulto.
    Ma a prescindere da ció, fate i buoni. ;)

    RispondiElimina
  10. Vincenzo Salmena29 maggio 2015 12:23

    A parte l'inutilitá del paragone, gli F35 portano lavoro in Italia...

    RispondiElimina
  11. Più che valide, dice che non siano convenienti a seguito di una analisi tecnica costi/benefici

    RispondiElimina
  12. Voglio rispiegarmi (per l'ennesima volta): lui si riferiva alle scuole, io ai comuni ed enti pubblici... se avessi letto il mio post lo avresti capito.

    RispondiElimina
  13. Per me lo è e immagino per chiunque. Prova a dare dell'ignorante a qualcuno e vedi la reazione.

    RispondiElimina
  14. Vincenzo Salmena29 maggio 2015 12:30

    Il fatto che tu consideri ignorante un insulto ti rende, per appunto, ignorante.

    Ma comunque lo ripeto, non me ne frega niente di ció che scrivete, basta che discutete in modo civile.

    RispondiElimina
  15. Come fossero completamente slegati vero? Nei 3 punti che ho riportato c'è la formazione dello studente che poi finisce a lavorare nei comuni ed enti vari. E' tutto interconnesso altrimenti ragioniamo come hanno fatto i nostri politici da 30 anni a questa parte, senza un minimo di visione futura.

    RispondiElimina
  16. Vincenzo Salmena29 maggio 2015 12:32

    http://gourmay.net/wp-content/uploads/2013/11/Guy-Fawkes-mask.jpg

    RispondiElimina
  17. No sono situazioni molto differenti.... e comunque non ho mai detto che uno sia meglio/peggio dell'altro... ho solo detto che con ms paghi una volta e sei a posto.... con una soluzione open non paghi la licenza ma ad ogni problema ti devi saper arrangiare.... compatibilità, supporto, interoperabilità ecc ecc..... sono costi e soprattutto spese che non puoi quantificare... senza contare che usi comunque un software inferiore... conviene davvero? per alcuni si... per altri no....

    RispondiElimina
  18. E allora siamo tutti ignoranti, anche tu, perché c'è sicuramente un argomento che non conosci.

    RispondiElimina
  19. Vincenzo Salmena29 maggio 2015 12:56

    Dove avrei detto il contrario?

    RispondiElimina
  20. Infatti hai perfettamente ragione... l'unica differenza è che le persone ragionevoli evitano di parlare di quello che non conoscono e ascoltano oppure salutano e se ne vanno.... poi c'è una piccola fetta che strippa e inizia a fare figure infantili e peggiorare la propria situazione...

    RispondiElimina
  21. Ti rode proprio eh che la figura da incompetente l'hai fatta tu e non io.

    RispondiElimina
  22. Non conosci l'italiano, non conosci l'argomento, te l'hanno anche fatto notare e nonostante tutto trovi ancora la forza di scrivere...
    Al peggio non c'è mai fine....

    RispondiElimina
  23. Ai posteri l'ardua sentenza! ;-)

    RispondiElimina
  24. Silvestro per me il settore pubblico può scegliere quello che vuole, libero o "chiuso". Sta di fatto che nel mondo del lavoro la prima non ha molto successo e io ragiono anche in termini di produttività. Bisogna conosce entrambi i mondo per esprimere un parere e su questo sappiamo bene quanta informazione seguono gli istituti. Vedi esperimenti Android e iPad...

    RispondiElimina

Licenza
Licenza Creative Commons

Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001

Disclaimer immagini

Le immagini utilizzate in questo blog appartengono ai loro rispettivi autori e sono utilizzati per scopi educativi, personali e senza scopo di lucro. Ogni eventuale violazione del copyright non è intenzionale, ma se si riconosce un'immagine protetta da copyright, fatemelo sapere qui, e sarò lieto di aggiungere i credits o modificarla o rimuoverla.

Disclaimer images

Images used on this blog belong to their respective authors and are used for educational, personal and no profit purposes. Any eventual copyright infringement is not intentional, but if you recognize a copyrighted image, please let me know here, and I'll happily provide to add the right credits or modify or remove it.