9 aprile 2015

Windows XP non vuole morire



Windows XP non vuole morire. Ebbene si, a distanza di un anno dall'ultimo update ufficiale per XP, il sistema operativo di casa Microsoft continua ad esser presente sui PC di mezzo mondo.

Stando infatti agli ultimi dati raccolti da NetMarketShare riferiti al mese di Marzo 2015, Windows XP continua ad esser presente sul 16,94 % dei PC.

Desktop Operating System Market Share - Marzo 2015
Dettaglio desktop operating system market share - Marzo 2015


Il dato è però in discesa rispetto allo stesso mese del 2014 quando Windows XP era presente sul 27,69% dei PC.

Desktop Operating System Market Share - Marzo 2014
Dettaglio desktop operating system market share - Marzo 2014

Come potete vedere c'è si un calo ma non così evidente come ci si potrebbe aspettare.

Se poi andiamo a vedere chi ci ha guadagnato in questo ultimo anno scopriamo che la maggior parte degli utenti Windows è migrata a Windows 7 che è salito del 9,27 % a fronte del calo di Windows XP del 10,75 %.

Un ulteriore dato che emerge è che a Marzo 2015 Windows XP continua da esser presente su più computer rispetto a Windows 8/8.1. Se sommiamo infatti la percentuale di PC sui quali è installato Windows 8 e Windows 8.1 arriviamo al 14,07 %, un dato inferiore del 2,87 % rispetto a Windows XP.

Prendendo come veritieri questi dati è facile capire come mai Microsoft abbia deciso di rilasciare Windows 10 come aggiornamento gratuito per tutti gli utenti da Windows 7 in su; questo è l'unico modo per invogliare l'utente alla migrazione ed evitare che Windows 7 si trasformi nel nuovo Windows XP.

15 commenti:

  1. Si conoscono le novità prossime venture di Cinnamon?

    RispondiElimina
  2. Mi rispondo da solo:

    "what’s new in Rafaela?
    i mean Kernel version, etc.
    thanks.

    Edit by Clem: We’ll probably use a 3.16 kernel, updated MESA stacks but it’s too soon to say which exact versions though."

    RispondiElimina
  3. Marco Giannini9 aprile 2015 11:33

    E pensare che molta di quella utenza potevamo intercettarla noi :(

    RispondiElimina
  4. Marco Giannini9 aprile 2015 12:05

    già, non molto

    RispondiElimina
  5. Marco Giannini9 aprile 2015 12:07

    le ultime notizie sullo sviluppo sono quelle di febbraio http://segfault.linuxmint.com/2015/02/recent-cinnamon-development/
    C'è stato un update intermedio anche a fine marzo http://segfault.linuxmint.com/2015/03/cinnamon-2-4-updates-coming-through/

    RispondiElimina
  6. Rodrigo centoventicinque Bosch9 aprile 2015 12:54

    in realtà la situazione è complessa, l'installato di xp viene da vecchiume nato con xp e downgrade da vista .

    sul vecchiume spesso c'è poco e niente da fare, ma sul downgraded c'è di tutto.

    il pc medio con vista aveva un core2 duo o addirittura quad con 2 o 4 Gb di ram.

    il che significa che win7 ci gira benissimo.

    poi ci sono i netbook penso che ne esistano pochi ad oggi in generale, molti meno quelli nati con xp .. tutti converrtiti a linux

    RispondiElimina
  7. Marco Giannini9 aprile 2015 12:59

    da quel che ho visto c'è anche molta utenza business che non può fare l'upgrade per problemi di compatibilità degli applicativi e che resterà in futuro su 7

    RispondiElimina
  8. Vincenzo Salmena9 aprile 2015 13:06

    Si perché in alcuni ambiti hanno software certificazi per girare solo su una determinata piattaforma software.
    L'industria dopo un certo periodo sceglie su quale basarsi e resta su quella quasi fino alla morte della precedente piattaforma standard.

    Ovviamente non significa che non funzionano su 8 e successivi, ma che il funzionamento é garantito (e supportato) solo sulle versioni specifiche, dato che ogni nuova versione per quanto retrocompatibile puó introdurre dei break delle API o dei nuovi bug.


    Una cosa del genere avviene anche su Linux. ;)

    RispondiElimina
  9. Vincenzo Salmena9 aprile 2015 13:07

    Anche i PC con i Pentium 4 single core girerebbero bene con Windows 7 o 8.

    Le richieste hardware di 7 e 8 sono le stesse di XP, le prestazioni sono circa in linea.

    RispondiElimina
  10. Rodrigo centoventicinque Bosch9 aprile 2015 15:05

    Si, l'os liscio va da dio anche li, ma sono i servizi extra che lo incastrano.. O come chrome che non si installa affatto

    RispondiElimina
  11. Vincenzo Salmena9 aprile 2015 16:16

    Beh se i software sono ottimizzati da schifo Microsoft poco puó farci. ;)

    RispondiElimina
  12. Salvatore Salvino Lisciandrell9 aprile 2015 23:08

    Non è affatto vero che le richieste hardware di XP siano le stesse di Win7 e Win8: se i primi PC con XP erano dotati di appena 256 MB di RAM e a tutt'oggi girano ancora velocemente (a meno di non considerare un utilizzo pesante del Web), per Win 7 e Win 8 è richiesto un minimo di 1 GB, per la versione a 32 bit, e di 2 GB per la versione a 64 bit. Allo stesso modo, non è vero che Win 7 e Win8 girerebbero bene anche su un Pentium 4: velocità e potenza di calcolo del processore, velocità della RAM usata all'epoca, attacchi ATA e non SATA, schede video davvero poco potenti ne renderebbero l'utilizzo con quei sistemi davvero raccapricciante. A meno che non si guardi all'esigua fetta di PC che montarono il Pentium 4 HT da 3 GHz... ma, quelli sono altri discorsi.

    RispondiElimina
  13. Salvatore Salvino Lisciandrell9 aprile 2015 23:13

    D'accordissimo su tutto. Ma, per quel che riguarda PC che provengono da Vista... vanno divinamente con un qualsiasi sistema Linux-based... ed è davvero un peccato che li si converta al solo Windows 7/8/8.1 e, probabilmente, nel prossimo futuro, a Windows 10.

    RispondiElimina
  14. È anche vero che negli ultimi 2 anni hanno fatto molti cambiamenti importanti

    RispondiElimina
  15. Credi che la cosa possa essere un bene? Ho i miei dubbi per certi aspetti.

    RispondiElimina

Licenza
Licenza Creative Commons

Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001

Disclaimer immagini

Le immagini utilizzate in questo blog appartengono ai loro rispettivi autori e sono utilizzati per scopi educativi, personali e senza scopo di lucro. Ogni eventuale violazione del copyright non è intenzionale, ma se si riconosce un'immagine protetta da copyright, fatemelo sapere qui, e sarò lieto di aggiungere i credits o modificarla o rimuoverla.

Disclaimer images

Images used on this blog belong to their respective authors and are used for educational, personal and no profit purposes. Any eventual copyright infringement is not intentional, but if you recognize a copyrighted image, please let me know here, and I'll happily provide to add the right credits or modify or remove it.