26 aprile 2015

Rilasciato Debian 8.0 Jessie



Il team di Debian ha finalmente annunciato il rilascio di Debian 8.0, nome in codice Jessie. 
Se siete alla ricerca di una distribuzione non troppo difficile da usare ma sopratutto solida Debian è la scelta che fa per voi.
Questa nuova versione utilizza systemd come nuovo sistema di init di default. Gli utenti avanzati possono comunque utilizzare sysvinit che è ancora disponibile nei repository della distro.
Il supporto all'UEFI introdotto con Wheezy è stato notevolmente migliorato ed ora supporta UEFI anche sui sistemai a 32 bit e quello per i kernel a 64 bit con firmware a 32 bit UEFI.
Non mancano ovviamente i consueti aggiornamenti dei software fra i quali troviamo:
  • Apache 2.4.10
  • Asterisk 11.13.1
  • GIMP 2.8.14
  • una versione aggiornata dell'ambiente desktop GNOME 3.14
  • GNU Compiler Collection 4.9.2
  • Icedove 31.6.0 (una versione unbranded di Mozilla Thunderbird)
  • Iceweasel 31.6.0esr (una versione unbranded di Mozilla Firefox)
  • Aree di lavoro KDE Plasma e KDE Applications 4.11.13
  • LibreOffice 4.3.3
  • Linux 3.16.7-ctk9
  • MariaDB 10.0.16 e MySQL 5.5.42
  • Nagios 3.5.1
  • OpenJDK 7u75
  • Perl 5.20.2
  • PHP 5.6.7
  • PostgreSQL 9.4.1
  • Python 2.7.9 e 3.4.2
  • Samba 4.1.17
  • Tomcat 7.0.56 e 8.0.14
  • Xen Hypervisor 4.4.1
  • il desktop environment Xfce 4.10
  • più di 43.000 altri pacchetti di software pronto per l'uso, compilati da quasi 20.100 pacchetti sorgenti.
Potete scaricare Debian 8 Jessie all'indirizzo https://www.debian.org/distrib/ nei diversi formati disponibili (Blu-ray, DVD, CD e chiavette USB).
Se è la prima volta che installate Debian e avete bisogno di qualche piccolo chiarimento potete leggere il manuale di installazione.

Buona Debian a tutti

9 commenti:

  1. Vincenzo Salmena26 aprile 2015 09:50

    "Buona Debian a tutti"

    No grazie sono ateo.

    RispondiElimina
  2. Taci, miscredente! ;)

    RispondiElimina
  3. Marco Silvestro27 aprile 2015 12:21

    Sarebbe molto gradita una guida post installazione di debian jessie in particolare per la configurazione dei driver video Ati radeon

    RispondiElimina
  4. Debian è in cielo, in terra ed in ogni luogo.

    RispondiElimina
  5. Alessio Locallo27 aprile 2015 17:37

    Guida post-installazione:
    http://www.dailylinuxnews.com/blog/2014/09/things-to-do-after-installing-debian-jessie/

    Open source:
    https://wiki.debian.org/AtiHowTo

    Proprietary:
    https://wiki.debian.org/ATIProprietary

    Comunque io non sono mai riuscito a far funzionare la mia vecchia ATI, nè con i drivers open, nè con quelli closed.. (ora non ricordo che modello fosse, so solo che ci ho sbattuto la testa per mesi senza ottenere alcunchè)

    RispondiElimina
  6. Alessio Locallo27 aprile 2015 19:18

    Grazie a te, marcosbox è un punto di riferimento da mooolto tempo! ;)
    Comunque quella guida post-installazione che ho linkato ha sempre funzionato su ogni installazione di jessie che ho fatto fin'ora, dalla beta alla stable, senza alcun problema.. poi mancano alcune cosette per me fondamentali, che andrebbero messe in una guida post-installazione, se il target è l'utente base (chiaramente non base-base, perchè in tal caso meglio una "pappa" pronta tipo ubuntu/mint/derivate varie..), come ad esempio l'abilitazione del TRIM (ormai i nuovi pc montano quasi tutti SSD e TRIM non viene abilitato di default come su ubuntu).

    RispondiElimina
  7. E' una distro rolling o fixed?

    RispondiElimina
  8. Anche Kubuntu :D

    RispondiElimina

Licenza
Licenza Creative Commons

Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001

Disclaimer immagini

Le immagini utilizzate in questo blog appartengono ai loro rispettivi autori e sono utilizzati per scopi educativi, personali e senza scopo di lucro. Ogni eventuale violazione del copyright non è intenzionale, ma se si riconosce un'immagine protetta da copyright, fatemelo sapere qui, e sarò lieto di aggiungere i credits o modificarla o rimuoverla.

Disclaimer images

Images used on this blog belong to their respective authors and are used for educational, personal and no profit purposes. Any eventual copyright infringement is not intentional, but if you recognize a copyrighted image, please let me know here, and I'll happily provide to add the right credits or modify or remove it.