27 marzo 2015

Antergos/Arch Linux: Rimuovere l'errore "Errore interno nello stream dei dati" di Video


In questi giorni ho deciso di provare Antergos, una interessante derivata di ArchLinux (di cui vi ho parlato qualche tempo fa in questa piccola recensione) che offre un comodo installer grafico che ci consente di avere una Arch Linux preconfigurata e con l'ambiente desktop che preferiamo.

Ho deciso di provare la variante con GNOME e mi sono fin da subito scontrato con un fastidioso problema di Video (o Video come si fa chiamare ora) che mi rendeva impossibile la riproduzione di alcuni filmati sia AVI che MKV.

L'errore è il seguente


ovvero "Si è verificato un errore. Errore interno nello stream dei dati."
Come risultato il video non parte o parte ma mostra lo schermo tutto nero.

Dopo una ricerca in rete sono (per fortuna) riuscito a trovare il colpevole. L'errore si verifica per via del pacchetto gstreamer-vaapi che serve ad abilitare l'accelerazione hardware con gstreamer.
Una volta rimosso i video torneranno a funzionare regolarmente. È una soluzione poco ortodossa però nel mio caso ha funzionato alla perfezione.

25 commenti:

  1. Marco Missere28 marzo 2015 01:19

    Quando ho provato Antergos tre mesi fa stavo impazzendo per trovare una soluzione a questo problema, alla fine avevo lasciato perdere.

    RispondiElimina
  2. Marco Giannini28 marzo 2015 09:03

    ah quindi non sono il solo ad esserci incappato, pensavo fosse colpa della mia capacità di attirare i bug :D

    RispondiElimina
  3. Marco Missere28 marzo 2015 18:17

    Anche io penso di avere una notevole capacità di attirare i bug quando mi avventuro al di fuori del mondo di Ubuntu e derivate :D
    A proposito, anche nella beta 2 di Vivid Ubuntu GNOME ha sempre le voci in Attività che rimangono in inglese :(

    RispondiElimina
  4. Marco Giannini28 marzo 2015 18:36

    L'ho tenuta fino a due giorni fa ed era ancora presente, sia il bug delle voci in inglese che la doppia voce per files nel lanciatore laterale.
    Ovviamente manco a dirlo su altre distro i bug sono assenti

    RispondiElimina
  5. Marco Missere28 marzo 2015 18:39

    Peccato, perché se uno vuole usare GNOME come DE è costretto a lasciare Ubuntu e poi incontrare altre difficoltà con altre distro, specie se si tratta di Arch e derivate.

    RispondiElimina
  6. E meno male che arch presenta delle difficoltà... considera che il suo wiki e il suo forum è tra i più esaustivi che esistano in tutto il panorama linux...

    RispondiElimina
  7. Marco Missere29 marzo 2015 13:30

    Sarà anche esaustivo, ma se la distribuzione è ostica, ostica rimane.

    RispondiElimina
  8. si, infatti nel link che mi ha dato c'è scritto che dal kernel 3,17-2 il modulo non è più nel kernel. Spiegato quindi il motivo per cui solo dalla 15.04 si trova questa voce nei driver aggiuntivi.

    RispondiElimina
  9. Solo poco tempo fa avevo elogiato la qualità di questo blog ma (forse non c'avevo fatto caso prima) noto che di recente state facendo sempre più marchette...
    Capisco che si voglia guadagnar qualcosa, ma da lettore dico: peccato.

    RispondiElimina
  10. Marco Giannini29 marzo 2015 19:49

    Veramente non sono marchette, sono solo comunicati stampa gratuiti che pubblico perché ad alcuni utenti business fanno piacere. Per minimizzare il fastidio per altri utenti ho anche iniziato a postarle senza i tag per farli andare nei due feed principali (informatica e linux).

    Mi dispiace molto tu li abbia scambiati per post pagati :/

    Fra l'altro ci tengo a sottolineare che sul blog sta attiva la pubblicità ma dalla nascita del blog ad ora non è stato intascato un centesimo in quanto la registrazione non è stata completata quindi il blog non dispone manco di quella entrata.

    La spesa del dominio è totalmente sovvenzionata da me stesso :)

    Ripeto, mi dispiace molto che tu abbia potuto pensare a post pagati ma qui di post pagati non ve ne sono mai stati :)

    RispondiElimina
  11. daniele dragoni30 marzo 2015 09:03

    Con fedora mi sto trovando molto bene.

    RispondiElimina
  12. Un conto è capire un ambiente diverso... un altro è proporre un paradigma che nei desktop di casa è stato soppiantato, salvo casi estremi, da 20 anni... non puoi paragonare una gui a icone con il terminale e i suoi infiniti tools, script e linguaggi... dai non diciamo fesserie... mac os è dotato del suo bel terminale unix eppure non mi pare obblighi nessuno a usarlo.. difatti ha avuto successo.... non siamo in un reparto IT oppure in una server farm parliamo di pc domestici che devono poter usare anche non addetti ai lavori e smanettoni...


    Anche sui driver continui a giustificare e passare l'onere all'utenza.... ma per quale oscuro motivo io dovrei mettermi a cercare liste di compatibilità in virtù del kernel che monto quando sono anni che con windows qualunque cosa compro funziona con l'apposito driver con un semplice doppio click? la gente non cerca perchè non ne ha bisogno.... perchè gnu-linux deve obbligare a farlo? a me pare un problema dell'os più che dell'utenza.... senza contare che seguendo il tuo ragionamento non potrei acquistare nulla di più recente rispetto al kernel che uso...


    Poi l'ultimo ragionamento mi pare grottesco: premesso che l'utenza gnu-linux è convinta che ogni utente win sia un debosciato incapace manco di accendere un pc e ancora devo capire il perchè... (facile quando il rapporto è 1 a 10 come base di utilizzo).... allora chiudiamo gli occhi e facciamo finta di nulla perchè ci sono utenti sbadati su win? è questa la soluzione? e comunque non parlo di gedit o nautilus che sono utility dell'ambiente.... parlo di blender, gimp, vlc, brasero, libre e la maggioranza dei software end user che compongono il repo principale.... allora dimmi se ha senso proporre un software di facile installazione quando poi nemmeno me lo aggiorni.... è intelligente o furbo? la maggioranza della gente vuole un sistema e un ambiente stabile e il software (e driver) aggiornato all'ultima stable..... basterebbe questo... c'è una sola distro che lo permette senza troppi smanettamenti? purtroppo ancora no....

    RispondiElimina
  13. Grazie mille,
    questo piccolo accorgimento ha risolto il mio problema del puntatore diverso nella finestra di google chrome!

    RispondiElimina
  14. Sono 2 versioni che è identico.

    Sono anni che pensano solo ad un telefonino che fa .......

    Per fortuna che c'è Gnome altrimenti ero tornato a Windows.

    RispondiElimina
  15. Anzi, per fortuna che oggi c'è Gnome e che per domani si prevede un buon KDE.
    C'è solo da disabituarsi ad Ubuntu e migrare verso altre distro perchè i 2 migliori DE Linux (vedi sopra) su Ubuntu fanno pena oggi e faranno pena domani non essendo seguiti (non seguono il loro figuriamoci gli altri, vedi sopra problema telefonino).
    Buon Linux a tutti lontano da Ubuntu.

    RispondiElimina
  16. Non è né intelligente né furbo non aggiornare il software nei repo tra una release e l'altra, ma è una politica che viene adottata da tutte le distro per motivi di stabilità. Poi, se vuoi aggiornare Libreoffice, sei liberissimo di farlo tramite ppa o addirittura scaricandolo dal sito ufficiale di Libreoffice.


    Per quanto riguarda la facilità dell'installazione dei driver su WIndows, probabilmente io sono molto sfortunato, ma ogni volta, su computer diversi, mi sono sempre trovato senza i driver della scheda di rete, della scheda wifi e della scheda audio. A quel punto devi trovare un computer connesso alla rete (sperando che quello che hai formattato non fosse l'unico presente in casa), scaricare i driver dal sito del produttore e installare tutto. Facile no? A me con le distro Linux questo non è mai successo. Su uno dei miei notebook la wifi non funziona finché non installo il driver proprietario, ma almeno la connessione via cavo funziona..

    RispondiElimina
  17. Cioè mi stai dicendo che in una distro gnu-linux non posso avere le ultime versioni stabili di programmi/driver altrimenti il sistema diventa instabile? si, buonanotte allora...


    Ma almeno hai letto quello che ho scritto? ho detto subito che uno dei pro rispetto a windows è proprio l'installazione....ma del sistema.... i driver sono un'altra cosa... compreso il loro normale aggiornamento (che su ubuntu e derivate non esiste neppure se ci si basa sul repo principale).... la ricerca e l'installazione del singolo driver è imparagonabile in termini di semplicità.....


    Nel tuo caso basta una chiavetta wireless usb (5 euro più o meno col suo driver in versione cd) e sei a posto.... basta prepararsi un minimo... rileggi meglio quello che ho scritto sopra...

    RispondiElimina
  18. Innanzitutto esistono distribuzioni linux che aggiornano il loro software, se scegli Ubuntu sai cosa installi e sai quale è la politica sugli aggiornamenti di Ubuntu. E comunque, se installi Windows, l'ambiente grafico e tutte le sue componenti non si aggiornano, i programmi di Microsoft (es. Word) non si aggiornando a meno che non compri il nuovnuovo, altri programmi ti segnalano la presenza di una nuova versione e devi aggiornarli manualmente. Vuoi libre office o vlc aggiornati? Aggiungi un PPA o scarica i programmi direttamente dal sito web del programma e li aggiorni precisamente come fai su windows. Di cosa stiamo parlando?

    Quanto al driver della mia WiFi, funziona perfettamente dopo aver installato il driver proprietario, perfettamente come su windows. La differenza è che su Linux posso installarlo direttamente da linux in quanto internet da cavetto funziona, windows non mi installa nemmeno il driver della scheda di rete e quindi devo utilizzare un altro computer per scaricare il driver e poi installarlo (e non sto parlando del driver della scheda audio che linux mi riconosce automaticamente e che invece devo scaricare manualmente e installarlo su windows).

    RispondiElimina
  19. Luciano Ognissanti2 aprile 2015 09:58

    Dopo un anno, posso assicurarti che Ubuntu e Debian sono ancora molto distanti... ;)

    RispondiElimina
  20. ...è la stessa cosa su Windows, può capitare incompatibilità software....come è normale che il software nuovo sia meno stabile di quello vecchio. Oggi io ho aperto il mio lettore musicale Musique su Ubuntu 14.04 e un messaggio mi informa che è disponibile una nuova versione, clicco si apre il browser sulla pagina del download e mi fa scaricare il pacchetto deb., doppio click si apre software center clicco su "aggiorna" e il software viene aggiornato, è difficile ? Che differenza c'è con Windows ? Due click al posto di uno ?

    RispondiElimina
  21. Michele Dallagiovanna16 aprile 2015 22:48

    Proviamo a vedere la cosa da una prospettiva più alta. Da una parte abbiamo Windows e il suo monopolio con tanti tentativi (alcuni efficaci altri da dimenticare). Da una parte abbiamo Apple chiusa nel suo guscio dorato ma è solo una pittura superficiale. E infine abbiamo Linux con tutte le sue derivate e sottoderivate. Ogni sistema ha i suoi pro e i suoi contro. Questo è indubbio. Come è altrettanto indubbio che il mondo del pinguino è quello più caotico, ognuno vuol propagandare la sua distro o la sua GUI personale. Noi utenti da una parte gongoliamo sulla vastità delle scelte disponibili, ma allo stesso tempo ci lamentiamo se qualcosa va storto.
    Penso che noi utenti finali in primis dovremmo iniziare a calmarci e indicare con chiarezza quale sistema sia più efficace e più duttile.

    RispondiElimina
  22. Michele Dallagiovanna16 aprile 2015 23:03

    Non per dire, ma a proposito di aggiornamenti windows ha la peggio. Puoi contare sulle dita le applicazioni su windows che si aggiornano autonomamente. E windows tra tutti è quello che rompe di più negli aggiornamenti. Hai un portatile e sei di fretta? spera che non abbia fatto un aggiornamento automatico altrimenti devi attendere almeno 5 o sei minuti per l'aggiornamento prima di spegnerlo e portarlo via.
    Il tuo pc fisso improvvisamente lagga da morire? sta scaricando aggiornamenti non previsti... (successo almeno 2 volte al mese).
    Ho a casa 2 scanner e due stampanti, un tvtuner e una scheda audio esterna che non sono più compatibili ne con w7 né con w8 ma linux non mi ha chiesto neppure i driver e funzionano perfettamente. Ah la scheda audio ha 4 anni e mi è costata 450 €!!
    Infine, se un inesperto assoluto mette mano su linux non è appiedato, tranquillamente riesce a fare anche più cose di un inesperto assoluto con windows. Basti vedere le applicazioni di base che uno si ritrova a macchina azzerata!!
    Ovviamente se poi uno deve installare qualcosa di specifico, l'utente non può esser più definito inesperto assoluto!!

    RispondiElimina
  23. Mi sembrano i soliti discorsi triti e ritriti di chi ha voglia di impararsi gnu-linux ma conosce molto poco windows e il resto...


    La policy di windows sugli updates è chiara: il secondo martedì di ogni mese salvo rarissimi casi.... e gli aggiornamenti automatici sono una semplice impostazione di default messa lì apposta per l'utente ignorante che in questo modo può aggiornare il sistema senza saperlo fare.... basta sprecare 30 secondi e cambiare le impostazioni dal pannello di controllo.... in questo caso, senza offesa, sei tu che non conosci minimamente windows... allora ti chiedo di informarti un minimo anche perchè l'opzione è davvero banalissima... tipo tre click...
    Mentre ogni distro linux propone a random aggiornamenti praticamente ogni giorno.... quale sarebbe lo svantaggio di windows allora? perdere 30 secondi per cambiare un default? dai non scherziamo..... è questo il problemone?


    Poi scusami.. ma se compri quattro dispositivi senza nemmeno guardare il supporto non capisco cosa significhi windows in questo discorso... la colpa è in parte del produttore che non ha creato i driver e in parte tua che hai acquistato senza nemmeno guardare la compatibilità.... premesso che non credo che una scheda audio di 4 anni che hai pagato 450 euro non funzioni sugli ultimi sistemi ms... se mi dai il modello controllo io... secondo me ti sbagli oppure come credo cerchi il solito pretesto per buttare guano.... dammi tutti i modelli che sono curioso di controllare......:)
    Anche in questo caso non capisco i due pesi e le due misure.... quando una periferica non supporta gnu-linux la colpa è sempre del produttore pigro oppure dell'utente svogliato che non controlla prima di comprare mentre se accade su windows allora colpa del os..... essere obiettivi mai vero? bisogna sempre fare gli ultrà a prescindere....

    RispondiElimina
  24. Sulla qualità del prodotto a maggior ragione in un modello open non vedo tanti pro in tutte queste derivate, sotto-derivate, fork ecc ecc.... di certo la qualità del prodotto non evolve... l'unico vero effetto che noto sono le solite guerre fra disperati su quale sia il de più cool oppure il packet manager più veloce piuttosto che half-rolling vs rolling vs supporto limitato...... insomma... gente che non ha nulla di serio da fare con un computer.... tralasciando la solita corrida di icone, temi, pannelli, launcher e cavolate varie... il vero paradiso dell'inutilità....


    Guarda che il volere dell'utenza non conta proprio nulla... basta vedere i fatti.... chi ha chiesto gnome shell? kde 5? l'ennesima derivata? ....
    Il problema reale dell'open in ambito consumer-desktop è proprio l'anarchia totale e la mancanza compulsiva di razionalità e logica nelle scelte e nello sviluppo... in un mondo in cui ognuno può fare e disfare quello che vuole senza avere nessuna responsabilità diretta sulle proprie azioni il risultato finale sarà sempre lo stesso....


    L'open è perfetto in determinati ambiti ed esigenze.... sul desktop per l'utente domestico assolutamente no... poi che esistano tanti smanettoni che lo usano per sentirsi "liberi" mi fa ancora più ridere.... tanto la prima cosa che fanno tutti è installare codec, driver e persino programmi closed all'occorrenza.... poi vorrei sapere quanti di loro riescono davvero a guardare oppure modificare un software open... per curiosità... oppure quanti fanno i duri e puri parlando di privacy e dati sensibili usando firefox oppure il motore di ricerca del menga e intanto ogni giorno postano su facebook, hanno il loro account di google sincronizzato..... senza contare che il provider di turno è sempre a conoscenza di tutto quello che fanno e disfano in rete...


    Vedi, è questa ipocrisia che odio... non gnu-linux, che oltretutto uso con piacere nel portatile..

    RispondiElimina
  25. Michele Dallagiovanna17 aprile 2015 02:24

    Condivido con te l'idea che ci sia troppa confusione. Manca davvero una direttiva, anche se dall'altra parte avere una direttiva potrebbe far storcere i nasi alla "libertà espressiva" dell'open source. In teoria l'origine di Canonical era appunto quella di creare una linea ben marcata nella loro ideologia. Creare un SO ben definito stabile e al passo coi tempi. Purtroppo noi utenti e non posso escludermi, mai soddisfatti richiediamo sempre novità e stravolgimenti.

    RispondiElimina

Licenza
Licenza Creative Commons

Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001

Disclaimer immagini

Le immagini utilizzate in questo blog appartengono ai loro rispettivi autori e sono utilizzati per scopi educativi, personali e senza scopo di lucro. Ogni eventuale violazione del copyright non è intenzionale, ma se si riconosce un'immagine protetta da copyright, fatemelo sapere qui, e sarò lieto di aggiungere i credits o modificarla o rimuoverla.

Disclaimer images

Images used on this blog belong to their respective authors and are used for educational, personal and no profit purposes. Any eventual copyright infringement is not intentional, but if you recognize a copyrighted image, please let me know here, and I'll happily provide to add the right credits or modify or remove it.