18 febbraio 2015

Red Hat aggiorna l’offerta Enterprise Infrastructure-as-a-Service con Red Hat Enterprise Linux OpenStack Platform 6



Red Hat aggiorna l’offerta Enterprise Infrastructure-as-a-Service con Red Hat Enterprise Linux OpenStack Platform 6


Co-ingegnerizzato con Red Hat Enterprise Linux 7 per abilitare infrastrutture open cloud presso aziende e service provider che implementano OpenStack 


Milano, 18 febbraio 2015 - Red Hat, Inc. (NYSE: RHT), leader mondiale nella fornitura di soluzioni open source, annuncia la disponibilità di Red Hat Enterprise Linux OpenStack Platform 6, dotata di numerosi aggiornamenti volti a servire da base per la realizzazione di cloud OpenStack in aziende con utenti cloud evoluti, società di telecomunicazioni, ISP e cloud hosting provider pubblici.

Red Hat Enterprise Linux OpenStack Platform rappresenta la base per un cloud production-ready, integrando l’agile e robusta tecnologia OpenStack di Red Hat con la sicurezza e stabilità di Red Hat Enterprise Linux. La nuova versione della piattaforma fissa nuovi standard per le implementazioni OpenStack, con clienti in produzione in tutte le regioni che abbracciano diversi settori verticali e aziende di differenti dimensioni nella formazione, servizi finanziari, PA, sanità, retail e telecomunicazioni.

Basata sul design innovativo, Red Hat Enterprise Linux OpenStack Platform 6 rafforza la piattaforma cloud production-ready grazie ad avanzamenti nei componenti Linux e OpenStack. Interoperabilità e facilità d’uso continuano a essere all’avanguardia, con aggiornamenti all’intuitivo installatore grafico e strumenti di gestione che assicurano maggiore efficienza e riducono la complessità delle implementazioni cloud.

Red Hat Enterprise Linux OpenStack Platform 6 si basa su OpenStack Juno e comprende diverse nuove funzionalità pensate per facilitare l’adozione della tecnologia OpenStack nei data center esistenti, oltre a specifiche feature per abilitare i provider di telecomunicazioni a implementare la Network Function Virtualization (NFV), tra cui:
  • Supporto IPv6 – per reti di provider e tenant, abilitando i clienti ad assegnare indirizzi IPv6 su reti fisiche e router virtuali OpenStack Networking (Neutron) in modalità stateless e stateful. 
  • Alta disponibilità Neutron – offre un’esperienza OpenStack evoluta con agenti Neutron in modalità ‘active-active’ per una configurazione ad elevata disponibilità che migliora la ridondanza del networking, fornendo uptime del servizio e migliorando la stabilità per cloud in produzione su più ampia scala. 
  • Single root I/O virtualization (SR-IOV) networking – supportato da un nuovo driver, abilita gli utenti a eseguire lo switching direttamente sull’hardware, bypassando l’hypervisor e gli switch virtuali. 
  • Supporto per backend e domini Multi-LDAP – tutto all’interno di un nodo di servizio single Identity, facilitando l’installazione e la configurazione della piattaforma, così come le attività quotidiane di lungo periodo. 
  • Supporto per il data processing – sposta il servizio Sahara da tech preview a una funzionalità supportata completamente che permette i carichi di lavoro big data. 
  • Integrazione Ceph – con nuove funzionalità per OpenStack Compute (Nova) e OpenStack Block Storage (Cinder), tra cui i volumi efemerici sostenuti dal dispositivo a blocchi Ceph. In questo modo è possibile avere nodi di elaborazione ‘diskless’ e booting pressoché istantaneo di nuove macchine virtuali. 
  • Nuove funzionalità tech preview – che evidenziano la continua innovazione di Red Hat in ambito OpenStack tra cui bare metal provisioning e implementazione e gestione TripleO. 
“Red Hat Enterprise Linux OpenStack Platform 6 offre funzionalità enterprise-grade, alimentate dal coinvolgimento di centinaia di clienti e partner in tutto il mondo, per abilitare un’infrastruttura cloud aperta”, commenta Radhesh Balakrishnan, general manager OpenStack in Red Hat. “Supportata dal robusto ecosistema di partner, questa release permetterà a una più ampia gamma di aziende e service provider di migrare verso infrastrutture cloud OpenStack”. 

Interoperabilità
Red Hat Enterprise Linux OpenStack Platform 6 rafforza l’impegno di Red Hat per permettere ai clienti di evitare il lock-in e ottenere interoperabilità. Con il supporto integrato per la piattaforma di gestione ibrida Red Hat CloudForms, l’azienda ha recentemente annunciato una nuova API per la gestione di cloud Red Hat Enterprise Linux OpenStack Platform e un processo di certificazione per strumenti di gestione cloud di terze parti, ampliando ulteriormente l’impegno per lo sviluppo di piattaforme aperte e libertà di scelta.

Ecosistema di partner
Il Red Hat OpenStack Cloud Infrastructure Partner Network mira a fornire maggiore versatilità cloud e facilitare l’integrazione con tecnologia data center esistente e plugin di terze parti. Con il rilascio di Red Hat Enterprise Linux OpenStack Platform 6, l’ecosistema vanta oltre 275 partner certificati OpenStack, con oltre 1000 soluzioni per Red Hat Enterprise Linux OpenStack Platform.

Disponibilità
Red Hat Enterprise Linux OpenStack Platform 6, ingegnerizzata con Red Hat Enterprise Linux 7, è già disponibile.

Nessun commento:

Posta un commento

Licenza
Licenza Creative Commons

Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001

Disclaimer immagini

Le immagini utilizzate in questo blog appartengono ai loro rispettivi autori e sono utilizzati per scopi educativi, personali e senza scopo di lucro. Ogni eventuale violazione del copyright non è intenzionale, ma se si riconosce un'immagine protetta da copyright, fatemelo sapere qui, e sarò lieto di aggiungere i credits o modificarla o rimuoverla.

Disclaimer images

Images used on this blog belong to their respective authors and are used for educational, personal and no profit purposes. Any eventual copyright infringement is not intentional, but if you recognize a copyrighted image, please let me know here, and I'll happily provide to add the right credits or modify or remove it.