29 gennaio 2015

NVidia truffa gli utenti ma tutto va bene


Qualche mese fa NVidia ha rilasciato  la scheda grafica GTX 970, una scheda dal rapporto prezzo prestazioni incredibile e che, avvalendosi delle ottimizzazioni portate dall´architettura Maxwell, portava un´efficienza energetica senza precedenti.



Tutto é andato bene, fino a pochi giorni fa, quando un discreto numero di utenti ha iniziato a pubblicare online dei test della scheda atti a dimostrare come, una volta raggiunti i 3,5GB di memoria memoria video occupata (su 4 disponibili) le performance calano e lo stuttering diventa un problema molto frequente.

Alcuni utenti che hanno sia la GTX 970 che la GTX 980 (basata sullo stesso chip) testano il prodotto nelle stesse situazioni e ció che emerge é che la 980 non ha il minimo problema.

NVidia, interrogata quindi sul problema, minimizza dicendo che a causa di come hanno progettato il funzionamento del chip della 970 (ndr: é quello della 980 ma con parti difettose disabilitate), al fine di salvaguardare le prestazioni, si é rivelato necessario dividere la memoria in 2 partizioni differenti: una piú veloce da 3,5GB e una piú lenta da 512MB e, attraverso un algoritmo, hanno impostato una priorità piú alta sulla memoria veloce in modo da ridurre il piú possibile i problemi prestazionali.

L´azienda chiarisce anche che hanno preferito farla da 4 GB invece che da circa 3,5 perché, a conti fatti, la memoria lenta é comunque circa 4 volte piú veloce della memoria RAM della CPU.

Ció comporta che finché non si riempiono i 3,5GB di memoria VRAM non ci sono problemi visivi o prestazionali, ma quando la scheda é costretta a scrivere i dati sulla memoria piú lenta, le prestazioni calano e si verifica lo stuttering.

NVidia GTX 970 reference

L´azienda, cercando di arginare la situazione e cercando di minimizzare ulteriormente il problema, spiegando il funzionamento del chip, dichiara che il proprio reparto marketing ha sbagliato nella dichiarazione dei dati tecnici del prodotto. Quelli reali sono minori, e non di poco.

Nello specifico, si parla di un passaggio da 64 ROP e 2 MB di cache L2 a 52 ROP e 1,78MB di cache, riducendo quindi notevolmente le prestazioni che, su carta, questa scheda avrebbe dovuto avere.

Gli utenti, ancora infuriati con NVidia per non essere stata chiara sulle caratteristiche della scheda fin dal principio, continuano ad attaccarla, creando anche una petizione su change.org per richiedere un rimborso in quanto il prodotto acquistato non é conforme a quanto dichiarato.

Insomma, l´azienda cerca di porre rimedio alla situazione come meglio puó e ribadendo che al momento per il gaming in FullHD non ci sono problemi, ma solo con risoluzioni superiori.

Se l´azienda di Santa Clara potrebbe avere ragione, sicuramente ne hanno molta di piú gli utenti.
La vendita di un prodotto non conforme a quanto dichiarato é truffaldina, e questo non giustifica assolutamente NVidia, anzi, il fatto che fossero a conoscenza dell´errore e l´hanno dichiarato solo adesso li colpevolizza ancora di piú.

Nota: Questa é solo una versione semplificata e piú "politica" del problema presente, la versione tecnica dettagliata la potete trovare qui.

2 commenti:

  1. Premesso che i clienti hanno ragione su questa vicenda, però, non potevano comprare dopo aver visto i test?! :D

    RispondiElimina
  2. Vincenzo Salmena29 gennaio 2015 13:26

    I test delle testate li hanno seguiti, e dicono che effettivametne la scheda é ottima.
    Il problema é diventato conosciuto solo recentemente.

    Infatti gli utenti non chiedono il rimborso perché le prestazioni non sono all´altezza, ma perché sono stati presi per i fondelli.

    RispondiElimina

Licenza
Licenza Creative Commons

Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001

Disclaimer immagini

Le immagini utilizzate in questo blog appartengono ai loro rispettivi autori e sono utilizzati per scopi educativi, personali e senza scopo di lucro. Ogni eventuale violazione del copyright non è intenzionale, ma se si riconosce un'immagine protetta da copyright, fatemelo sapere qui, e sarò lieto di aggiungere i credits o modificarla o rimuoverla.

Disclaimer images

Images used on this blog belong to their respective authors and are used for educational, personal and no profit purposes. Any eventual copyright infringement is not intentional, but if you recognize a copyrighted image, please let me know here, and I'll happily provide to add the right credits or modify or remove it.