30 dicembre 2014

I si e i no di Marco's Box per il 2014


È fine anno ed è tempo di tirare le conclusioni dell'anno appena trascorso per capire cosa è andato bene e cosa è andato male. A tal fine ho deciso di realizzare una piccola (personale) classifica dei principali progetti del mondo dell'open source e del software libero che mi hanno convinto e no.
Cominciamo

I si del 2014


Il miglior programma open source del 2014? Semplice, LibreOffice.
Anche quest'anno LibreOffice si conferma il miglior software disponibile, sia per quanto riguarda il livello di sviluppo (la qualità del codice ne è una conferma), sia per quanto riguarda la splendida comunità che è sorta attorno a lui che si impegna costantemente per promuovere l'adozione di software libero a 360 gradi, dalla pubblica amministrazione alla casalinga di voghera. 
In particolare va fatta una menzione speciale per LibreItalia e LibreUmbria che stanno facendo un lavoro stupendo.

Fra le distribuzioni GNU/Linux degne di nota ho scelto di inserirne tre che mi hanno particolarmente colpito, una delle quali di sicuro non piacerà a molti di voi :D

Al primo posto ho deciso di scegliere Linux Mint 17.1 sia nella variante Cinnamon che MATE.
Si lo so, alcuni di voi quando sentono parlare di Mint hanno conati di vomito etc ma dovete sapere che questa nuova release, figlia della nuova politica di rilasci semestrali intermedi basati sempre sulla LTS di casa Canonical, sta dando i suoi frutti in termini di stabilità.
Linux Mint 17.1 si conferma dunque una ottima scelta per chi è alla ricerca di un ambiente desktop "classico" e una buona base solida difficile da scalfire anche se vi ci mettete d'impegno. Se avete un pc abbastanza moderno la versione Cinnamon è la prima scelta, se invece avete un pc meno potente o volete sfruttare appieno il vostro hardware be, MATE è la scelta obbligata (anche su altre distro). I tool di Linux Mint per la gestione degli aggiornamenti, il look rinnovato della distro grazie ai nuovi temi sviluppati in casa e la stabilità della LTS di casa Canonical (Linux Mint 17.1 è basata su Ubuntu 14.04 LTS) fanno di Mint un ottimo prodotto.

Come seconda distro ho deciso di inserire Manjaro nella versione principale con XFCE. 
Manjaro è una ottima distro leggera, con un installer grafico semplificato in stile Ubuntu e con ottimi tool per la gestione pacchetti, aggiornamenti e installazione dei driver proprietari. 
La gestione degli aggiornamenti avviene sotto forma di update pack rilasciati frequentemente in modo da avere software testato e funzionante. Oltre a questo essendo basata su Arch ne eredita i vantaggi del sistema di aggiornamenti e di AUR. 
Ho avuto modo di provarla diverse volte quest'anno e non mi ha mai deluso, a parte la parte inerente il rendering dei fonts che si va a sminchiare se andate ad installare i font microsoft di base (arial, times new roman etc), problema però che si può facilmente risolvere grazie alle varie guide disponibile sul forum internazionale di Manjaro. 
Altra cosa degna di nota è la presenza del metapacchetto compiz-manjaro che una volta installato vi andrà ad installare e configurare al meglio compiz, un pacchetto essenziale da installare per chi come me soffre dell'annoso problema del tearing durante la riproduzione dei video, problema che si può risolvere per tutti i desktop tranne che per Xfce (a meno appunto di non usare un compositing alternativo o di disattivarlo del tutto).

Come terza distro ho deciso di inserire Antergos. Anche in questo caso ci troviamo dinanzi ad una derivata di Arch Linux che però ha dalla sua alcuni vantaggi che Manjaro non ha. Come prima cosa c'è la possibilità di installare, grazie alla live unificata, tutti gli ambienti desktop che ci aggradano semplicemente scegliendoli dall'installer grafico. In pochi click potremo installare una distro preimpacchettata con un buon default di programmi preinstallati scegliendo fra GNOME, KDE, Xfce, MATE, Openbox e Cinnamon. 
La distro è ben fatta, stabile e graficamente curata (il tema di Antergos è sviluppato dal creatore di Numix) e vi consente di avere una Arch facile da installare. Se volete una distro rolling facile da installare è la scelta che fa per voi. La consiglio in particolar modo agli utenti GNOME che vogliono sempre restare al passo con i rilasci del piedone (io l'ho installata per quel motivo).
Dimenticavo una cosa: Antergos ha di default un font settings paragonabile a quello di Ubuntu il che è un piacere per gli occhi.

Fra i desktop environment che mi hanno più convinto quest'anno c'è senza ombra di dubbio MATE. Se ad una analisi superficiale si può pensare sia il solito fork riscaldato, in realtà si tratta di un progetto maturo che si sta muovendo con le sue gambe. Lo sviluppo prosegue bene e il team di sviluppo è molto attivo con un piano chiaro per il porting alle GTK3 (a questo link potete vedere lo stato del porting alle GTK3 di MATE). L'unica cosa che gli manca è un piccolo restyling grafico per scostarsi di dosso quell'aspetto poco moderno, per il resto mi sta piacendo molto e lo trovo migliore di Xfce.

I no del 2014

Fra i programmi no inserisco (a malincuore) Firefox. Purtroppo è sentore di molti (non solo del sottoscritto) che il programma con il tempo si sia appesantito risultando poco prestante rispetto ai browser della concorrenza. Non so voi ma io vedo poca fluidità su tutti e tre i miei PC che sono equipaggiati sia con Windows che con Linux. La lentezza si nota sopratutto sulle pagine dei servizi Google. Aggiungeteci a questo un consumo più elevato di risorse e il gioco è fatto. Purtroppo (e sottolineo purtroppo) da un po di tempo a questa parte sono dovuto passare a Google Chrome e questo mi fa male (informaticamente parlando) perché in ambito Windows sono stato un Mozilliano della prima ora nonché un promoter installandolo e consigliandolo a tutti gli esseri umani con i quali ho interagito.

GNOME continua a non convincermi del tutto nonostante ora sia più usabile rispetto ai precedenti rilasci. Non mi convince il consumo di risorse che è superiore rispetto agli altri desktop environment così come non mi convince la continua rincorsa al minimalismo. 

KDE resta nel limbo per via della nuova versione attualmente in sviluppo che è ancora incompleta. Il mio timore è il riproporsi della stessa situazione verificatasi con KDE 4 ovvero tante release minori per sistemare il tutto (si lo so sono pessimista).

Anche Xfce non mi ha entusiasmato. Il suo sviluppo arranca complice la mancanza di manovalanza.

Nella lista dei no c'è anche Fedora. L'ultima release porta di nuovo la nuova versione di GNOME e (agli occhi) poco altro. Di contro sembrano peggiorati i problemi connessi all'installazione dei driver proprietari (specialmente nVidia). Sarò sfigato io ma con due schede video nVidia di generazione diversa non sono riuscito a farla partire nemmeno installando i driver durante la Luna piena. Prima di andarmi contro ci tengo a sottolineare come su altre distro la stessa versione di driver con lo stesso Kernel funziona alla perfezione. 

Fra le distro no inserisco (con enorme dispiacere) anche Tanglu. Il nuovo rilascio non ha portato nulla di nuovo e la politica di sviluppo non incoraggiano certo la sua installazione. Gran peccato perché le premesse per la distro c'erano tutte, purtroppo il dover fare tutto da zero (hanno cambiato l'infrastruttura base) e la cronica mancanza di manovalanza hanno compromesso il tutto. Ora come ora l'utente medio non ha motivi per preferirla ad altre distro.

19 commenti:

  1. vincenzosalmena30 dicembre 2014 15:48

    Typo...
    Su gnome hai scritto "rincora al minimalismo".

    RispondiElimina
  2. vado a correggere, grazie

    RispondiElimina
  3. Pier Luigi Fiorini30 dicembre 2014 16:07

    Non sei l'unico a vedere KDE 4 ripetersi...

    RispondiElimina
  4. "Fra le distro no inserisco (con enorme dispiacere) anche Tanglu." Ma come, è quella che ci mette più impegno nello scegliere i nomi delle release...

    RispondiElimina
  5. Il problema è che son così fantasiosi che paiono inventati (oltre che difficili da pronunciare :D)

    RispondiElimina
  6. Ecco, detto da te che sei programmatore mi fa ancora di più temere un possibile disastro :/

    RispondiElimina
  7. Sono d'accordo sulla scelta dei si delle distro
    Attualmente uso Manjaro e prima usavo Antergos, soddisfattissimo di entrambi
    Linux mint ormai non dobbiamo scoprirlo noi, ma Manjaro e Antergos sono state una vera sorpresa e mi hanno fatto avvicinare ad Arch

    RispondiElimina
  8. Già, sono state entrambe delle belle sorprese (d'altronde quando la base è buona)

    RispondiElimina
  9. Mhà onestamente non riuscirò mai a capire, come si possa giudicare una distro, una schifezza ed un'altra che con filosofia diversa, ha preso almeno un buon 60/70%, dalla prima invece esser giudicata come ottima distro, mi pare si scelga cioè che buono non in base alla bontà effettiva ma in base ai gusti personali :P

    RispondiElimina
  10. Rodrigo centoventicinque Bosch30 dicembre 2014 16:58

    XFCE è un problema, è un desktop solido e funzionale ma manca di troppi pezzi che l'esiguo tema non può sviluppare, un gran peccato

    RispondiElimina
  11. Se ti riferisci al mio non apprezzare Arch il tutto risiede nel fatto che non ha un installer grafico ne un default di suo, il che allontana utenti, me compreso che preferisce la vita comoda :P

    RispondiElimina
  12. Io continuo a non capire il perché non riescano ad attirare manovalanza :(

    RispondiElimina
  13. non mi riferivo ad Arch ovviamente :P

    RispondiElimina
  14. Cicciocappuccio30 dicembre 2014 22:13

    Perché il linguaggio per lo sviluppo deve essere il C il piú possibile e, ad oggi, é un suicidio, dato che non hai nessun vantaggio offerto dalla programmazione orientata agli oggetti.
    Potrebbero iniziare a pensare il passaggio a C++, che come linguaggio non é chissá cosa ma é il piú usato al mondo dopo Java. Ma ovviamente passare a C++ significherebbe riscrivere tutto quasi da zero (e buttare tutto il lavoro fatto ad oggi per il porting parziale alle GTK+ 3). In piú le GTK non sono piú cosí attrattive per lo sviluppo perché ci sono librerie molto piú moderne, potenti e semplici da usare, che offrono un supporto cross platform molto piú esteso (le Qt supportano/eranno anche Android).

    RispondiElimina
  15. Xfce a me piace parecchio ed è velocissimo, ma ovviamente se questo manc ato sviluppo durerà ancora a lungo mi guarderò intorno

    RispondiElimina
  16. Su Linux Mint non posso che confermare:è la distro di casa,comprese pargole e moglie,dalla 14,senza particolari problemi.
    Cinnamon(il passaggio automatico ha dato un unico problema,ma derivava dalla difficile configurazione scheda audio Intel) su un pc attuale(ma prima su uno del 2006)non da' nessun problema,è facile e sufficientemente personalizzabile.
    Mi spiace moltissimo per Xfce,che è la mia seconda scelta dall'uscita di Gnome3,ma convince poco ultimamente,per piccoli,ma significativi particolari

    RispondiElimina
  17. tra i migliori software opensource io metterei ovviamente Linux anzi anche il sistema operativo GNU/Linux, e metterei pure firefox, secondo me questi 2 assieme a libreoffice, sono i più grandi progetti opensource esistenti

    RispondiElimina
  18. KDE dovrebbe passare interamente a qt4-5 e smetterla di perdere tempo sulle Kapplicazioni: usate quelle esistenti e diffuse che tra l'altro sono anche migliori.
    Insomma concentrate vi SOLO sul DE e magari il file manager, ma LASCIATE PERDERE TUTTO IL RESTO! Ad esempio lasciate perdere il browser e usate Firefox che, tra l'altro, secondo me è il grande assente della tua lista Marco, non credi? ;D

    RispondiElimina
  19. Marco Giannini1 gennaio 2015 12:48

    Ho evitato di mettere Firefox fra i no per non rischiare un linciaggio :D

    RispondiElimina

Licenza
Licenza Creative Commons

Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001

Disclaimer immagini

Le immagini utilizzate in questo blog appartengono ai loro rispettivi autori e sono utilizzati per scopi educativi, personali e senza scopo di lucro. Ogni eventuale violazione del copyright non è intenzionale, ma se si riconosce un'immagine protetta da copyright, fatemelo sapere qui, e sarò lieto di aggiungere i credits o modificarla o rimuoverla.

Disclaimer images

Images used on this blog belong to their respective authors and are used for educational, personal and no profit purposes. Any eventual copyright infringement is not intentional, but if you recognize a copyrighted image, please let me know here, and I'll happily provide to add the right credits or modify or remove it.