22 luglio 2013

Quando KDE incontra Amiga: la storia di Giovanni


Quest'oggi, sulle pagine di Marco's Box, ho l'onore di ospitare Giovanni.
Giovanni è un amante di Linux e dell'Amiga che ha deciso di unire le sue due passioni per creare un bellissimo tema per le finestre di KDE e GNOME che si ispira al mondo Amiga. Oltre a questo ha intrapreso un "pazzo" progetto di retro computing. 
A Giovanni la parola :)
 
L'Amiga 1200 moddato
Caro Marco, mi chiamo Giovanni e vivo nella provincia di Campobasso,

ti seguo sempre soprattutto su Google+, quando vedo l'icona con il pacchettino che contraddistingue il tuo blog sono subito incuriosito di poter andare a leggere di qualcosa di interessante su Linux.

Ti scrivo per parlarti di una mia idea, un minuscolo progetto nato dalle mie idee particolari su Linux, KDE e Amiga; ti spiego per prima cosa lo step iniziale del progetto e cioè quello di aver creato un Window Decorator Emerald da poter installare su KDE (ma anche su GNOME) per renderizzare le finestre con un feeling che è un mix tra kde-oxygen, amigaOS 3.9/4 WorkbenchX (tema utilizzato dalla defunta CUSA per CommodoreOS che sarebbe Linux Mint commodorizzato) e poi passare piano piano a un tema completo con anche dei plasmoidi dedicati.

Perché tutto questo?, semplice la mia passione per Amiga che mi ricorda le notti a programmare giochi quali Simulcalcio e altri programmi in AMOS Pro (parliamo del 1989-1994 anche se per me tutto è iniziato dopo la scuola superiore a 18 anni con il Commodore 64 con le BBS prima di internet, sono parecchio vecchio ...) e il feeling con quel computer che aveva un qualcosa di particolare che era di più delle sue proprietà tecniche e caratteristiche che per l'epoca erano all'avanguardia, era un senso di libertà, creatività e soprattutto senso di appartenere a una COMUNITÀ che condivide e partecipa a un sapere comune e lo migliora per una crescita nella scoperta per tutti senza distinzione (la comunità Amiga in quegli anni era la più grande del mondo con AMINET che era l'archivio di programmi più grande del mondo). È chiaro che questi concetti che allora erano le caratteristiche della comunità amiga ora si trovano sviluppati e ampliati nel mondo Linux e del software libero e che io, ovviamente, condivido a pieno.

A parte questo discorso diciamo così filosofico ma secondo me molto concreto io in particolare uso da anni Linux perché lavoro facendo siti internet con CMS e mi trovo benissimo, ho un feeling e un piacere che quando dovevo usare Windows non avevo, ho sempre visto il computer come uno strumento creativo che io devo plasmare nell'uso e nell'interfaccia in modo che rispecchia la mia personalità e mi crea piacere nell'usarlo, ma soprattutto che non mi mette limiti ma io posso modificarlo e adeguarlo a mio piacimento e utilità.

Pensa che più di quindici anni fa quando facevo il lavoro di ragioniere e dovevo utilizzare prima Windows 98 e poi Windows XP non ho lasciato più di due settimane che il mio pc avesse la stessa skin e le stesse barre degli strumenti usando i vari programmi che mi permettevano di modificare la grafica bloccata di quel s.o.

Provai Linux quando uscirono le prime versioni di Linux con la Mandriva e ingrippai più volte il mio Pentium 100 che usavo a casa, che avevo comprato usato per disperazione perché non riuscivo a staccarmi da Amiga nonostante il fallimento di Commodore. Dopo questo approccio un po' problematico con Linux dovuto alle mie scarse conoscenze o cominciato a smanettare sempre più per vedere come si evolveva e tenevo sempre una distribuzione affiancata a Windows che purtroppo dovevo usare per la vastità di programmi che offriva. Poi quando ho deciso di cambiare lavoro e lavorare nell'informatica aprendo un piccolo negozio con un amico piano piano è venuto naturale per la mia indole sostituire Linux a Windows nell'uso quotidiano finché con grande soddisfazione ho proprio eliminato la partizione con Windows dai miei computer.

Da un anno a questa parte uso KDE e ne sono entusiasta perché ritrovo in questo sistema lo stesso feeling che avevo con l'Amiga, avevo provato anni a dietro la versione 3 e non mi convinceva ho preferito per anni GNOME, poi ho scelto KDE con la 4 sia per la grafica sia per l'enorme flessibilità.
Intendiamoci per anni ho usato gnome e andava benissimo poi sono passato ad Unity e mi stava bene ugualmente io sono sempre per le novità e per le sperimentazioni (si è capito), però KDE lo trovo superiore, per esempio non c'è paragone tra Dolphin (sa in qualche modo del directory opus di Amiga ;-)) e Nautilus.

Comunque dopo queste divagazioni personali, ritornando al mio progetto io ero entusiasta anche dalla nascita e sviluppo di Commodore Usa che aveva rilanciato il marchio Commodore e aveva intenzione di fare lo stesso con Amiga mettendo come cuore del progetto una distro come CommodoreOS Vision basata su Linux Mint che poi si sarebbe dovuto evolvere nella seconda versione della distro denominata CommodoreOS Fusion più simile al Workbench di Amiga, infatti avevo anche suggerito sui loro forum più volte di usare KDE, ma evidentemente forse per motivi tecnici preferivano stare sul progetto Linux Mint.
Dalla morte del fondatore di questa società anche questa nuova rinascita dell'Amiga è andata a farsi friggere e ne sono rimasto molto deluso.

Ma siccome noi amighisti e linuxiani siamo teste dure e soprattutto confidiamo nella partecipazione della comunità mi sono messo in testa questo progetto, un KDE con il feeling di Amiga ma che non deve esserne la copia grafica ma deve mixare le eccezionali doti di kde in mille cose e il feeling affascinante del workbench amiga che comunque ha le sue radici in queste doti (a quei tempi MUI la grafica migliorativa del Workbench mi faceva impazzire e il tutto si coniugava in usabilità e bellezza per gli occhi).

PrismAmigaWorkbench

Ho cominciato con questo tema banale del Window decorator con Smaragd che legge i temi emerald e il font Roboto che è molto leggibile, perché era semplice da fare per le mie capacità limitate, i pulsanti comunque hanno tutti il rollover a tre stadi e ci sono tutti quelli di kde (kde è l'unico che di default ha come aveva l'amiga un pulsante che blocca le finestre in primo piano che a me serve tanto per il lavoro).





Allego un po' di screenshot e un video che illustrano il funzionamento e il link su kde-look dove è pubblicata,


Ed il link su KDE-Look.org dove poterlo scaricare:

Io ormai lo uso tutti i giorni sia sul mio pc di casa (vedi nota per notare quanto sono fuori di testa) che quello del lavoro.
Ovviamente la mia idea la voglio condividere con tutti perché io non credo di avere le capacità tecniche per realizzare le varie parti della mia idea e confido proprio nella comunità e nella partecipazione di altre persone che mi possano aiutare a portare avanti il progetto, non oso sperare in qualcosa di ancora più grande e cioè quello di fare una distribuzione basata su questa idea (riprendendo in un certo senso quello che stavano facendo Commodore USA con CommodoreOS) che sarebbe un sogno, ma questo non mi vieta di smanettare con cose come Ubuntu builder e simili per preparare un ISO del sistema da condividere con tutti nella direzione che ho detto fino ad ora, a questo scopo sto valutando da che distribuzione con kde partire, ho visto Netrunner, Linux Mint, os4, Ultimate edition ma alla fine credo che giocherò con Kubuntu perchè nessuna mi convince del tutto.

Una foto dell'Amiga 1200 moddato
Nota: siccome sono veramente pazzo, che ho fatto, ho preso il mio Amiga 1200 ci ho infilato dentro la scheda madre di un portatile ho fatto degli aggiustamenti un po' arrangiati al case e lo uso come computer di casa, il lavoro l'ho pubblicato su Google+ e ti metto il links all'album di foto:



Chi mi volesse contattare per condividere il progetto, per suggerimenti, insulti o qualsiasi altra cosa può farlo a: prismadigitale[@]gmail.com



Nessun commento:

Posta un commento

Licenza
Licenza Creative Commons

Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001

Disclaimer immagini

Le immagini utilizzate in questo blog appartengono ai loro rispettivi autori e sono utilizzati per scopi educativi, personali e senza scopo di lucro. Ogni eventuale violazione del copyright non è intenzionale, ma se si riconosce un'immagine protetta da copyright, fatemelo sapere qui, e sarò lieto di aggiungere i credits o modificarla o rimuoverla.

Disclaimer images

Images used on this blog belong to their respective authors and are used for educational, personal and no profit purposes. Any eventual copyright infringement is not intentional, but if you recognize a copyrighted image, please let me know here, and I'll happily provide to add the right credits or modify or remove it.