7 dicembre 2012

Richard Stallman contro Ubuntu rea di spiare gli utenti


Richard Stallman ritorna a criticare Ubuntu e Canonical. Questa volta il motivo è la ben nota e controversa integrazione della lens shopping di Amazon. Stallman lo fa pubblicamente nel post dal titolo Ubuntu Spyware: What to Do? che ha appena pubblicato sul sito della FSF (e che vi invito a leggere integralmente e in lingua originale visto che di sicuro troverete orrori di traduzione nel mio post :P).

Uno dei principali vantaggi del software libero è che la comunità protegge gli utenti dal software dannoso. Ubuntu ha intrapreso invece il cattivo sentiero. Come? Inserendo un codice di sorveglianza.
Quando l'utente cerca qualcosa fra i propri file residenti sul PC tramite Unity, Ubuntu invia i dati sui server di Canonical.

Ubuntu, a widely used and influential GNU/Linux distribution, has installed surveillance code. When the user searches her own local files for a string using the Ubuntu desktop, Ubuntu sends that string to one of Canonical's servers. (Canonical is the company that develops Ubuntu.)
This is just like the first surveillance practice I learned about in Windows. My late friend Fravia told me that when he searched for a string in the files of his Windows system, it sent a packet to some server, which was detected by his firewall. Given that first example I paid attention and learned about the propensity of "reputable" proprietary software to be malware. Perhaps it is no coincidence that Ubuntu sends the same information.
Ubuntu uses the information about searches to show the user ads to buy various things from Amazon. Amazon commits many wrongs (see http://stallman.org/amazon.html); by promoting Amazon, Canonical contributes to them. However, the ads are not the core of the problem. The main issue is the spying. Canonical says it does not tell Amazon who searched for what. However, it is just as bad for Canonical to collect your personal information as it would have been for Amazon to collect it.
People will certainly make a modified version of Ubuntu without this surveillance. In fact, several GNU/Linux distros are modified versions of Ubuntu. When those update to the latest Ubuntu as a base, I expect they will remove this. Canonical surely expects that too.

Questo, dice Stallman, è una pratica di sorveglianza tipica del mondo del software proprietario, pratica che ha già imparato a conoscere in Windows.

Ubuntu utilizza le informazioni sulle ricerche per mostrare agli utenti annunci commerciali sponsorizzati da Amazon all'interno della dash di Unity.
Questo è uno dei motivi per i quali nella mia guida post installazione di Ubuntu 12.10 ho inserito un capitolo proprio alla rimozione della shopping lens (oltre che per il fatto che ogni tanto spuntano fuori dalle ricerche risultati imbarazzanti).

Stallman come ben sapete non ha mai avuto parole dolci nei confronti di Amazon (vedete il suo pensiero http://stallman.org/amazon.html ). Di fatto dunque, a suo dire, attraverso la promozione di Amazon, Canonical contribuisce a diffondere le politiche scorrette di Amazon.
Tuttavia, sempre secondo Stallman, gli annunci non sono il nucleo del problema. Il problema principale è dato dallo spionaggio.
Canonical assicura che non dice ad Amazon chi ha fatto la ricerca, tuttavia è altrettanto un male che Canonical collezioni dati personali degli utenti sui propri server.
Secondo Stallman (ma anche secondo me), per proteggere la privacy degli utenti, quando un programma di ricerca locale ha anche accesso alla rete dovrebbe lasciare all'utente la possibilità di scegliere in modo esplicito se effettuare tale ricerca in rete o meno.  
But there's more at stake here than whether some of us have to eat some words. What's at stake is whether our community can effectively use the argument based on proprietary spyware. If we can only say, "free software won't spy on you, unless it's Ubuntu," that's much less powerful than saying, "free software won't spy on you."

Qui c'è in gioco la credibilità della community del software libero. Dire: "Il software libero non vi spia, tranne se è Ubuntu" è una frase meno efficace che dire: "Il software libero non vi spia."

È dunque interesse di tutti, prosegue Stallman, di rimuovere Ubuntu dalle distro che raccomandate ai vostri amici. Nelle vostre install fests, nei Software Freedom Day non installate o raccomandate Ubuntu. Invece dovete dire alla gente che viene evitato Ubuntu perché vi spia.

Nessun commento:

Posta un commento

Licenza
Licenza Creative Commons

Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001

Disclaimer immagini

Le immagini utilizzate in questo blog appartengono ai loro rispettivi autori e sono utilizzati per scopi educativi, personali e senza scopo di lucro. Ogni eventuale violazione del copyright non è intenzionale, ma se si riconosce un'immagine protetta da copyright, fatemelo sapere qui, e sarò lieto di aggiungere i credits o modificarla o rimuoverla.

Disclaimer images

Images used on this blog belong to their respective authors and are used for educational, personal and no profit purposes. Any eventual copyright infringement is not intentional, but if you recognize a copyrighted image, please let me know here, and I'll happily provide to add the right credits or modify or remove it.