14 dicembre 2012

Lavorare con Linux: L'esperienza di Vania Rupeni


Sulla mail continuano ad arrivare le storie dei lettori per la rubrica Lavorare con Linux, questa volta ho il piacere di ospitare Vania Rupeni
Vania è uno sviluppatore software open source per il web e grazie a Linux ha tutto quello che gli occorre per sviluppare nel migliore dei modi New-CMS, la sua creatura, un programma per la realizzazione e la gestione dinamica di siti web.
A lui la parola :)

Il desktop di Vania Rupeni
La mia occupazione principale consiste nella programmazione di software opensurce per il web.
Alcuni anni fa realizzai un New-CMS (allora chiamato X-CMS), un CMS (content management system) ovvero un programma per la realizzazione e le gestione dinamica di siti web.
Quando realizzai questo programma usavo windows xp, successivamente, circa 5 anni, ho adottato per svolgere questa attività sistemi Gnu-Linux (dapprima Ubuntu, quindi Kubuntu ed infine Arch-Linux).
Sulle piattaforme GNU-Linux ho trovato tutti gli strumenti necessari per svolgere al meglio il mio lavoro di programmazione (linguaggi PHP e Javascript):
- editor di testi per scrivere il codice (Gedit in Ubuntu, Kate in Kubuntu ed arch Linux);
- GIMP, programma per editare immagini (creazione di piccole immagini per decorare i temi, realizzazione di loghi, etc...);
- client FTP per la connessione ai server remoti (GFTP o Filezilla);
- server locale Apache2 + PHP 5 (ed estensioni varie);
- browser web (Firefox, Chrome, Opera, rekonq);
- terminale (per la modifica dei permessi dei file nel server locale);
- Virtualbox (per emulare Windows e quindi poter visualizzare gli script in funzione su Internet Explorer e sulle versioni Windows dei vari browser);
- Skype per comunicare con utenti/clienti;

Come si vede dalla lista sono praticamente tutti programmi free, a parte virtualbox e windows dentro virtualbox; comunque le differenze di visualizzazione fra i vari
browser si stanno sempre più riducendo, per graduale convergenza verso degli standard comuni.

Ho anche un installazione di Windows 7 su hard-disk che utilizzavo per svagarmi un po con i videogame ma da quando c'è Steam su Linux non ho più avviato la partizione con Seven.

5 commenti:

  1. KDE...Ora possiamo bucarglielo! :P

    RispondiElimina
  2. Vedo che, in quanto sviluppatori, condividiamo in pieno la flessibilità di Linux :-)

    RispondiElimina
  3. Chi si risente vania!
    io sviluppavo per new-cms ne avevo fatto anche un fork alternativo.

    RispondiElimina
  4. Complimenti @Vania Rupeni spero che anche io una volta diventato programmatore potrò adottare linux per scopi professionali e la tua storia mi ha fatto capire che ciò è possibile :)

    RispondiElimina

Licenza
Licenza Creative Commons

Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001

Disclaimer immagini

Le immagini utilizzate in questo blog appartengono ai loro rispettivi autori e sono utilizzati per scopi educativi, personali e senza scopo di lucro. Ogni eventuale violazione del copyright non è intenzionale, ma se si riconosce un'immagine protetta da copyright, fatemelo sapere qui, e sarò lieto di aggiungere i credits o modificarla o rimuoverla.

Disclaimer images

Images used on this blog belong to their respective authors and are used for educational, personal and no profit purposes. Any eventual copyright infringement is not intentional, but if you recognize a copyrighted image, please let me know here, and I'll happily provide to add the right credits or modify or remove it.