30 luglio 2012

Richard Stallman: Valve su GNU/Linux un bene o un male?



Nelle scorse settimane si è fatto un gran parlare della scelta di Valve di scendere in campo per portare finalmente la sua piattaforma Steam sui sistemi operativi GNU/Linux facendo la gioia di tutti i videogiocatori incalliti che usano GNU/Linux.
Nel coro di voci è giunto (finalmente) il parere di Richard Stallman che si esprime attraverso il sito GNU.org che manda a dire quanto segue


Nonfree DRM'd Games on GNU/Linux: Good or Bad?

by Richard Stallman
A well known company, Valve, that distributes nonfree computer games with Digital Restrictions Management, recently announced it would distribute these games for GNU/Linux. What good and bad effects can this have?
I suppose that availability of popular nonfree programs on GNU/Linux can boost adoption of the system. However, our goal goes beyond making this system a “success”; its purpose is to bring freedom to the users. Thus, the question is how this development affects users' freedom.
Nonfree game programs (like other nonfree programs) are unethical because they deny freedom to their users. (Game art is a different issue, because it isn't software.) If you want freedom, one requisite for it is not having nonfree programs on your computer. That much is clear.
However, if you're going to use these games, you're better off using them on GNU/Linux rather than on Microsoft Windows. At least you avoid the harm to your freedom that Windows would do.
Thus, in direct practical terms, this development can do both harm and good. It might encourage GNU/Linux users to install these games, and it might encourage users of the games to replace Windows with GNU/Linux. My guess is that the direct good effect will be bigger than the direct harm. But there is also an indirect effect: what does the use of these games teach people in our community?
Any GNU/Linux distro that comes with software to offer these games will teach users that the point is not freedom. Nonfree software in GNU/Linux distros already works against the goal of freedom. Adding these games to a distro would augment that effect.
If you want to promote freedom, please take care not to talk about the availability of these games on GNU/Linux as support for our cause. Instead you could tell people about the Liberated Pixel Cup free game contest, the Free Game Dev Forum, and the LibrePlanet Gaming Collective's free gaming night.

Secondo Richard Stallman la disponibilità di giochi non liberi su GNU/Linux può di certo aumentare l'adozione del sistema. Un bene ma anche un male perché l'obiettivo principale dei sistemi GNU/Linux non è avere successo, bensì garantire la libertà degli utenti
Giochi con DRM sono immorali perché negano la libertà agli utenti.
Aggiunge che se proprio volete usare questi giochi è meglio usarli su sistemi operativi GNU/Linux piuttosto che su Microsoft Windows (fra i due mali il minore n.d.r.). Questo può altresì incoraggiare gli utenti ad abbandonare Microsoft Windows in favore di sistemi operativi GNU/Linux.

E voi cosa ne pensate?

PS: potrebbe interessavi questa lettura Richard Stallman parla dell'UEFI

3 commenti:

  1. Non penso che l'arrivo di steam su piattaforma Linux sia un evento catastrofico.
    Il software libero continuera' sempre ad esserci e potra' andare a braccetto con quello proprietario, l'utente avra' sempre e comunque libero arbitrio e potra' scegliere se acquistare il software o cercarne un'alternativa open.

    I videogiochi sono arte, non li si puo' paragonare ad un qualunque programma di utilita' generica, di cui magari posso trovare cento alternative diverse.

    RispondiElimina
  2. Per quanto io stimi Stallman non vedo tutto questo male in questo nuovo progetto della Valve. I DRM non sono immorali se l'utente è conscio che li sta usando (IMHO) e una società ha tutto il diritto di utilizzarli per la protezione del proprio lavoro. Aspetta a me decidere o no se voglio installare software con DRM sulla mia macchina. IMHO ;)

    RispondiElimina
  3. Io mi auguro che abbiano successo, una cosa del genere è senza dubbio un punto in più per Linux, poi mi sembra abbastanza ovvio che un personaggio come Stallman (che onestamante non mi dispiace) non poteva dire niente di diverso

    RispondiElimina

Licenza
Licenza Creative Commons

Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001

Disclaimer immagini

Le immagini utilizzate in questo blog appartengono ai loro rispettivi autori e sono utilizzati per scopi educativi, personali e senza scopo di lucro. Ogni eventuale violazione del copyright non è intenzionale, ma se si riconosce un'immagine protetta da copyright, fatemelo sapere qui, e sarò lieto di aggiungere i credits o modificarla o rimuoverla.

Disclaimer images

Images used on this blog belong to their respective authors and are used for educational, personal and no profit purposes. Any eventual copyright infringement is not intentional, but if you recognize a copyrighted image, please let me know here, and I'll happily provide to add the right credits or modify or remove it.