13 febbraio 2012

Pardus, futuro incerto e fork probabile



Che la crisi sia ovunque è un dato certo di questo 2012. Accade che Canonical decide di tagliare i fondi a Kubuntu dirottando il lavoro dell'unico programmatore pagato per lo sviluppo di Kubuntu ad un altro progetto (anche se noi sappiamo bene che non è andata proprio così).
Accade ora che un'altra distro inizia ad avere problemi. E' il caso di Pardus, una distro nata in Turchia e sviluppata nell’ambito della TUBITAK UEKAE (Istituto di Ricerca Elettronica e Criptologica Nazionale) molto diffusia in suol natio (secondo le stime, ha un bacino di utilizzatori pari a circa 200-250 000 utenti) ma anche apprezzata all'estero per le sue doti di stabilità e ottimizzazione.
Stando a quanto riferito da Bahadır Kandemir, uno dei suoi sviluppatori, la distro sta lentamente morendo. I curatori di Pardus, causa crisi, sono stati riassegnati in altri progetti o mandati in pensione. Dei 35 sviluppatori stabili dello scorso anno attualmente ne restano soltanto 5. Capirete bene come un simile taglio si traduca in problemi per chi resta a mantenere viva la distribuzione.

Sempre da Bahadır Kandemir arriva però una buona notizia, a quanto pare è pronto un piano B ovvero la possibilità di far nascere un fork comunitario di Pardus per poter continuare ad esistere la distro anche se lo sviluppatore nutre alcuni dubbi sulla fattibilità del fork.

Via Ostatic.com tramite segnalazione di Gaetano su G+ :)

Nessun commento:

Posta un commento

Licenza
Licenza Creative Commons

Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001

Disclaimer immagini

Le immagini utilizzate in questo blog appartengono ai loro rispettivi autori e sono utilizzati per scopi educativi, personali e senza scopo di lucro. Ogni eventuale violazione del copyright non è intenzionale, ma se si riconosce un'immagine protetta da copyright, fatemelo sapere qui, e sarò lieto di aggiungere i credits o modificarla o rimuoverla.

Disclaimer images

Images used on this blog belong to their respective authors and are used for educational, personal and no profit purposes. Any eventual copyright infringement is not intentional, but if you recognize a copyrighted image, please let me know here, and I'll happily provide to add the right credits or modify or remove it.