20 gennaio 2012

Megaupload e Megavideo chiusi



Da questa sera Megaupload.com e i servizi annessi come Megavideo.com chiudono bottega.
La richiesta di chiusura immediata è arrivata da parte dei giudici federali della Virginia (USA) che oltre alla chiusura dei siti in oggetto hanno accusato e fatto arrestare il fondatore Kim Schmitz.
L'accusa mossa è quella di cospirazione di racket internazionale, violazione delle leggi vigenti in materia di copyright e riciclaggio di denaro sporco.
Megaupload è anche accusato di aver fatto perdere ben 500 milioni di dollari di mancato guadagno
McLEAN, Virginia (AP) — Federal prosecutors have shut down one of the world’s largest file-sharing sites, Megaupload.com, and charged its founder and others with violating piracy laws.The indictment accuses the company of costing copyright holders more than $500 million in lost revenue from pirated films and other content. The indictment was unsealed Thursday, one day after websites shut down in protest of two congressional proposals intended to thwart the online piracy of copyrighted movies and TV programs.
Megaupload.com has claimed it is diligent in responding to complaints about pirated material.
The indictment says at one point, Megaupload was the 13th most popular website in the world.
La sentenza arriva il giorno successivo alla protesta contro il SOPA. La protesta della rete non si è fatta attendere ed il collettivo hacker Anonymous ha scatenato una prima offensiva contro mettendo offline i siti del DoJ, la RIAA, l'MPAA, e l'Universal Music.

Invito i miei lettori a leggere il post Hanno chiuso MegaUpload: Surprise! su LegaNerd (di cui faccio anche parte come autore col nick Maligno :P) dove il fattaccio è stato discusso e ci sono numero spunti interessanti sulla vicenda.

1 commento:

  1. bisogna distinguere dal ciò che è legale-illegale da ciò che è giusto-ingiusto.

    sicuramente è illegale il file sharing, ma è più ingiusto che le case produttrici si fottano tutti quei soldi per comprare un cd o vedere un film (sono arrivati a 8,50 € per un film).

    il problema è che sia invece legale l'esistenza delle case produttrici che tra l'altro sfruttano gli artisti stessi.

    se poi il giudizio su megavideo è sulla sua illegalità e sul fatto che su ciò ci abbia fatto soldi... beh, io non ho mai pagato... ma non dovrebbe essere contro megavideo chi poi ha goduto dei suoi film almeno una decina di volte! è ipocrita.

    se megavideo si è mossa nella illegalità e su questa ci ha fatto soldi è perché quasi tutti si vedevano i film e alcuni babbi, anziché spegnere il modem e ricaricare la pagina, preferivano donare x per x mesi. oppure dai vari banner pubblicitari. si è mossa nell'illegalità perché ce ne erano le condizioni. e allora non parli che sicuramente ha permesso queste condizioni. ovvero: chi si vedeva i video su megavideo e per anni ne ha goduto.

    chi è senza peccato...

    RispondiElimina

Licenza
Licenza Creative Commons

Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001

Disclaimer immagini

Le immagini utilizzate in questo blog appartengono ai loro rispettivi autori e sono utilizzati per scopi educativi, personali e senza scopo di lucro. Ogni eventuale violazione del copyright non è intenzionale, ma se si riconosce un'immagine protetta da copyright, fatemelo sapere qui, e sarò lieto di aggiungere i credits o modificarla o rimuoverla.

Disclaimer images

Images used on this blog belong to their respective authors and are used for educational, personal and no profit purposes. Any eventual copyright infringement is not intentional, but if you recognize a copyrighted image, please let me know here, and I'll happily provide to add the right credits or modify or remove it.