6 gennaio 2012

emesene 2.12.1 DEB per Ubuntu e derivate



Visto che il team ufficiale di emesene non ha ancora provveduto ad aggiornare il repository ufficiale per la emesene 2.12.1 ho provveduto a creare un pacchetto deb per facilitare l'aggiornamento per tutti gli utenti Ubuntu e derivate.
Vi dico subito che il pacchetto l'ho convertito dal RPM di Fedora messo a disposizione sul blog ufficiale.
Francamente ho provato a fare il pacchetto deb dai sorgenti di emesene ma non ci son riuscito quindi ho preferito trovare questo escamotage :D

Hosto il pacchetto sul mio account Dropbox. Dovrebbe andare bene sia per sistemi 32bit che sistemi 64bit

Ecco il link http://dl.dropbox.com/u/49764524/emesene%202.12.1/emesene_2.12.1-2_all.deb

Scaricatelo ed installatelo normalmente :)

16 commenti:

  1. scusami marco ma che sistema linux usi? quei font,e la grafica mi piace moltissimo, lo noto già da quella immagine che hai postato sulla schermata di emesene, la mia su ubuntu 11.10 è penosa .... poi che driver usi? ati o nvidia? ti funziona bene l'accelerazione hardware con gpu? io ho scheda ati e anche con gli ultimi driver closed (11.12) fa schifo!!

    RispondiElimina
  2. @Tano

    Ciao Tano, è Kubuntu 11.10 con tema standard e font Oxygen http://marcosbox.blogspot.com/2012/01/oxygen-fonts-per-kde-disponibili.html che puoi naturalmente usare anche su Ubuntu.
    Come driver uso gli open, ho una vecchia ATI che non è più supportata dai proprietari. Per le ati e i driver closed purtroppo è un problema noto, i driver fan leggermente schifetto. Puoi però provare a cercare sul web info sulla tua scheda, magari trovi qualche versione intermedia che funzioni meglio, alcuni mi dicono infatti che gli ultimi driver gli han dato grossi problemi.

    RispondiElimina
  3. Grazie mille per le dritte Marco....spero che anche se io uso ubuntu 11.10 posso avere quel bell'effetto grafico che hai tu nel tuo...

    RispondiElimina
  4. scusami per me che uso ubuntu 11.10 64 bit e non kubuntu, posso installare secondo te kde 4.7.4 aggiungendo il repository di kubuntu? (sudo add-apt-repository ppa:kubuntu-ppa/ppa) o mi darebbe instabilità? cioè è solo un ambiente grafico in più che posso decidere di avviare o meno al login di ubuntu no? non mi compromette affatto e non tocca il mio sistema?

    RispondiElimina
  5. @Tano

    Devi comunque installare l'intero pacchetto kubuntu desktop e poi aggiungere i ppa specifici per avere l'ultimissima versione

    http://linuxaroforever.wordpress.com/2011/08/08/kde-come-installarlo-su-ubuntu/

    Avrai così le due sessioni.

    RispondiElimina
  6. Diciamo comunque che se vuoi provare KDE ti consiglio di installare Kubuntu direttamente per non avere problemi

    RispondiElimina
  7. lo sto installando...ma se decidessi di togliere poi tutto, ppa incluso, si incasinerebbe il sistema secondo te? non capisco...ma non è come avere una modalità grafica in più? un po come ho fatto con lxde?

    RispondiElimina
  8. Cazzo mi ha incasinato il sistema :( praticamente nonostante quando l'ho installato ho scelto come default di rimanere su gnome, quando lo spengo e quando lo riavvio, mi mostra la scritta KUBUNTU e non quella di ubuntu, ed anche il colore di sottofondo è quello di kubuntu, azzurro e non piu il rosa-arancio di ubuntu. che casino...come posso azzerare tutto? se cancello il ppa....e do il comando remove su kubuntu-desktop mi ritorna tutto come prima oppure mi resta questa schermata azzurra???

    RispondiElimina
  9. @Tano

    È la schermata di plymouth che il pacchetto kubuntu-desktop ha provveduto a sostituire con quella di kubuntu.
    Se ti interessa cambiare solo la schermata per ripristinare il logo di ubuntu durante il caricamento del sistema dai una lettura a questo articolo del wiki di ubuntu http://wiki.ubuntu-it.org/AmbienteGrafico/Plymouth

    Se invece desideri rimuovere kubuntu e tutti i suoi applicativi basta dare il comando di rimozione di kubuntu-desktop

    RispondiElimina
  10. risolto...alla fine ho seguito anche varie guide per eliminare definitivamente quello che avevo installato con kde, penso di avere tolto tutto ed il sistema sembra essere tornato quello di prima. La prossima volta prima di fare cose così azzardate ci penserò su mille volte. comunque per la cronaca (penso di fare cosa gradita a chi incapperà nel mio stesso problema) ho seguito questa guida:
    http://www.psychocats.net/ubuntu/puregnome

    RispondiElimina
  11. Bene, mi fa piacere che tu abbia risolto :)

    RispondiElimina
  12. "Cose così azzardate"? La prima cosa che ho fatto quando ho provato Ubuntu per la prima volta è stato installare GNOME, KDE, LXDE, XFCE, E16 ed E17 (compilato a manina!)... Solo sperimentando ed incasinando il sistema imparerai cosa fare, cosa non fare, come fare ma soprattutto a cavartela da solo. Il 90% di ciò che impari è dovuto agli incasinamenti creati da te stesso nel cercare di andare oltre la "pappa pronta". Reinstalla i pacchetti di KDE che non ti creano nessun fastidio, basta che rimuovi i pacchetti di Plymouth da Synaptic e tutto sarà come prima. Ricorda quanto diceva Kant: "memento audere semper!", "ricorda sempre di osare!".

    RispondiElimina
    Risposte
    1. lol sai cosa, lo capisco, se non sei propenso a fare cazzate per natura quando ti ritrovi certe cose ti "spaventi" :D
      Concordo sul fatto che il 90% delle cose che ho imparato le ho imparate facendo casini, anche su Windows ho una partizione che non formatto da 5 anni circa, son sempre riuscito a recuperare il sistema ad ogni cavolata fatta :D

      Elimina

Licenza
Licenza Creative Commons

Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001

Disclaimer immagini

Le immagini utilizzate in questo blog appartengono ai loro rispettivi autori e sono utilizzati per scopi educativi, personali e senza scopo di lucro. Ogni eventuale violazione del copyright non è intenzionale, ma se si riconosce un'immagine protetta da copyright, fatemelo sapere qui, e sarò lieto di aggiungere i credits o modificarla o rimuoverla.

Disclaimer images

Images used on this blog belong to their respective authors and are used for educational, personal and no profit purposes. Any eventual copyright infringement is not intentional, but if you recognize a copyrighted image, please let me know here, and I'll happily provide to add the right credits or modify or remove it.