28 settembre 2011

MeeGo è morto, nasce Tizen


 
Ebbene si, MeeGo è morto. L'annuncio è stato dato sul blog ufficiale. Il sistema operativo per smartphone, netbook etc si appresta ad essere dismesso a favore di un nuovo sistema operativo, Tizen.

Una delle cause non palesate della morte di MeeGo è senza dubbio l'abbandono da parte di Nokia che ha affossato il suo stesso smartphone basato su MeeGo Harmattan commercializzandolo in poche unità e in paesi di nicchia. Vendendo, imho, a mancare un partner importante come Nokia il progetto è stato affossato prima ancora di spiccare il volo.

Si riparte dunque da zero per l'ennesima volta, tutto è iniziato con Moblin e Maemo, si è poi riparti con MeeGo e ora nuovo stop e nuovo inizio con Tizen.

La Linux Foundation assieme alle altre aziende che portavano avanti lo sviluppo di MeeGo hanno quindi deciso di dismettere completamente MeeGo e le Qt (su cui era basato) in favore di Tizen, un nuovo sistema operativo per dispositivi mobili basato su HTML5.

La Linux Foundation ritiene che il futuro appartiene all'HTML5 e quindi ha deciso assieme ai partner di puntare tutto su questa nuova tecnologia, da affiancare naturalmente a Linux.

Il progetto Tizen, similmente a MeeGo, sarà destinato a netbook, tv intelligenti, sistemi per automobili, tablet e naturalmente smartphone.

Lo sviluppo di Tizen si avvarrà della Linux Foundation, di Intel e di Samsung; quest'ultima quindi andrà a sostituire Nokia come partner in grado di realizzare quello che più conta, ovvero prodotti consumer con il nuovo sistema operativo. Vien da chiedersi a questo punto cosa accadrà a Bada, l'altro sistema operativo basato su Linux per smartphone sviluppato da Samsung.

Il team di sviluppo conta di rilasciare la prima versione di Tizen e il suo SDK nel primo trimestre del 2012.

Nel corso dei prossimi due mesi il team di sviluppo si occuperà di traghettare gli utenti e gli sviluppatori MeeGo verso Tizen per assicurare una transizione rapida ed indolore.

Speriamo solo che questa sia la volta buona :(

5 commenti:

  1. Noooooo :(
    Questa è proprio una brutta notizia! Io tifavo tantissimo per Meego che mi ha sempre ispirato più di Android.
    Speriamo davvero che con Tizen sia la volta buona.
    Maledetta Nokia!

    RispondiElimina
  2. A chi lo dici, stavo aspettando a comprare uno smartphone nuovo proprio perché aspettavo l'uscita di N9 con MeeGo di cui mi ero innamorato :(
    La colpa però alla fine non è solo di Nokia ma anche di Intel che non ha saputo sponsorizzare il progetto :(

    RispondiElimina
  3. @Marco

    Sì però Intel non vende smartphone, secondo me era a Nokia a dover spingere di più sul marketing.
    Anche io aspettavo uno smartphone, ma low-cost, con Meego.
    Speriamo ora che anche Tizen non sia un altro buco nell'acqua.

    Ora che ci penso: Asus ha commercializzato da poco un netbook economico con Meego, che ne sarà?

    RispondiElimina
  4. Penso che verrà fortemente consigliato agli utenti il passaggio a Tizen non appena questi sarà pronto.
    La cosa che mi fa più dispiacere è che in questo modo chi ne esce svantaggiata è la comunità Linux che verrà vista come poco affidabile etc...

    RispondiElimina
  5. @Marco

    Questo è il bello e il brutto dell'Opensource/Software libero: progetti che nascono, muiono, vengono forkati e si fondono in maniera spesso improvvisa.
    La comunità secondo me non è inaffidabile (e non credo che possa apparire come tale), ma molte aziende devono forse imparare a lavorare con l'opensource, che non significa "io me lo modifico in modo che sia diverso dal resto", ma "collaboro affinché tutti possiamo beneficiarne".

    RispondiElimina

Licenza
Licenza Creative Commons

Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001

Disclaimer immagini

Le immagini utilizzate in questo blog appartengono ai loro rispettivi autori e sono utilizzati per scopi educativi, personali e senza scopo di lucro. Ogni eventuale violazione del copyright non è intenzionale, ma se si riconosce un'immagine protetta da copyright, fatemelo sapere qui, e sarò lieto di aggiungere i credits o modificarla o rimuoverla.

Disclaimer images

Images used on this blog belong to their respective authors and are used for educational, personal and no profit purposes. Any eventual copyright infringement is not intentional, but if you recognize a copyrighted image, please let me know here, and I'll happily provide to add the right credits or modify or remove it.