6 aprile 2011

Per Jim Zemlin Linux ha vinto su Microsoft



Jim Zemlin, direttore esecutivo della Linux Foundation, intervistato da NetworkWorld, ha fatto una dichiarazione al fulmicotone che genererà di certo flame nell'ambiente informatico fra i sostenitori dei sistemi operativi Microsoft e i sempre più sostenitori di GNU/Linux.

A detta del direttore esecutivo della Linux Foundation, a distanza di 20 anni dallo sviluppo del primo kernel Linux ad opera di Linus Torvalds, la battaglia fra Microsoft e GNU/Linux si può dichiarare conclusa con la vittoria da parte di GNU/Linux.

Da cosa può essere suffragata tale informazione?
Be, ad eccezione dell'utenza desktop dove ancora fatica a ottenere il giusto consenso, Linux ha superato in quasi tutti i mercati Microsoft, inclusi i server o l'utenza mobile (vedasi il successo di Android).
"I think we just don't care that much [about Microsoft] anymore," Zemlin said. "They used to be our big rival, but now it's kind of like kicking a puppy." 
ovvero Jim Zemlin commenta: "La Microsoft è stato il nostro grande rivale ma ora non dobbiamo più preoccuparci di loro, sarebbe come prendere a calci un cucciolo".
 
Red Hat è il classico esempio di come l'open source possa diventare un modello di business; in questi anni mentre la Microsoft è rimasta ancorata, Red Hat è cresciuto a dismisura, nota Zemlin.  
Linux è ovunque oramai ovunque.
  
Linux può essere trovato in dispositivi di elettronica di consumo, come televisori e videocamere Sony, il Amazon Kindle, e in smartphone grazie al sistema operativo Android di Google. 
Il 90% della top 500 dei siti di super calcolo usano sistemi GNU/Linux. Oltre a questo il 70% degli scambi azionari mondiali passa su sistemi GNU/Linux così come la maggior parte del traffico dati che ogni giorno generiamo navigando sul web su Google, Amazon, Facebook.
"Linux è venuto a dominare quasi ogni categoria, con l'eccezione dei computer desktop", ha affermato Zemlin dove Windows detiene ancora il 9 computer su 10. 
Il terreno di scontro è ora con le aziende affinché rilascino sempre più soluzioni basate su sistemi operativi open source.

L'articolo completo lo potete trovare su NetworkWorld. Mi scuso in anticipo per eventuali strafalcioni di traduzione :P

4 commenti:

  1. Mi sembra un po' troppo ottimista Jim Zemlin, visto che e' il mercato Desktop il "cavallo di battaglia" di Windows, non vedo come possa tralasciare questo mercato e dire che Linux ha vinto. Ma io son passimista, quindi non faccio testo.

    RispondiElimina
  2. Attenzione: Jim Zemlin parla di linux, non di GNU/Linux, non è per essere pignolo, ma Android non è GNU/Linux ma solo Linux, e anche in televisori, videocamere, e e-reader vari c'è ben poco di GNU.

    RispondiElimina
  3. @Andrea
    Faccio la correzione :)
    Sai cosa, è che son sempre abituato a definire l'insieme GNU/Linux in ogni ambito anche perché senza GNU non ci sarebbe Linux, lo vedo come un connubio indissolubile (e poi vabè sono stato contaminato dallo Stallman pensiero dopo aver assistito ad una sua conferenza :D).

    @Idl3
    L'ottimismo è il sale della vita! Spodestare Windows dal mercato Desktop è si difficile ma non impossibile, più si inizia ad apprezzare e far conoscere alla gente il sistema GNU/Linux, più le richieste di pc senza Windows assemblati aumenteranno.
    Io, purtroppo, sono schifosamente ottimista :D

    RispondiElimina
  4. bravo marco :-) .raffaele

    RispondiElimina

Licenza
Licenza Creative Commons

Quest' opera è distribuita con licenza Creative Commons Attribuzione - Non commerciale - Non opere derivate 3.0 Unported. Questo blog non rappresenta una testata giornalistica, in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può, pertanto, considerarsi un prodotto editoriale, ai sensi della legge n. 62 del 7/03/2001

Disclaimer immagini

Le immagini utilizzate in questo blog appartengono ai loro rispettivi autori e sono utilizzati per scopi educativi, personali e senza scopo di lucro. Ogni eventuale violazione del copyright non è intenzionale, ma se si riconosce un'immagine protetta da copyright, fatemelo sapere qui, e sarò lieto di aggiungere i credits o modificarla o rimuoverla.

Disclaimer images

Images used on this blog belong to their respective authors and are used for educational, personal and no profit purposes. Any eventual copyright infringement is not intentional, but if you recognize a copyrighted image, please let me know here, and I'll happily provide to add the right credits or modify or remove it.